Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le città cinesi stanno allentando le regole di quarantena e test obbligatori dopo le proteste

Aggiornato il 12/03/2022 alle 16:52

  • Le proteste a livello nazionale contro la politica zero Covid sembrano avere effetto.
  • Le città cinesi hanno iniziato ad allentare le misure di Corona.
  • In molti luoghi, le norme sulla quarantena sono state allentate e venerdì sono richiesti i test.

Altre ultime notizie

città dappertutto Cina Ha iniziato ad allentare le misure della corona dopo le proteste a livello nazionale contro la politica zero covid. In molti luoghi, le regole di quarantena sono state allentate e venerdì è richiesto il test.

Lo ha detto il presidente Xi Jinping durante la sua visita al presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel PechinoLa variante Omicron consente “più aperture”. Organizzazione mondiale della Sanità (Chi è ilHa accolto con favore l’allontanamento dalla rigida politica pandemica. Nel frattempo, sono scoppiati di nuovo sporadici scontri tra manifestanti e polizia.

Xi: Le persone sono frustrate

Secondo i funzionari dell’UE, durante la visita di Michel in Cina giovedì sera, Xi ha dichiarato la variante a basso rischio di omicron Corona virus Consentire lo snellimento delle procedure. Xi ha sottolineato che i residenti sono “sfiduciati” dopo tre anni di epidemia. La maggior parte dei manifestanti erano studenti o giovani.

“Siamo lieti di apprendere che le autorità cinesi stanno adeguando le loro strategie e ora stanno davvero cercando di conciliare le misure di controllo necessarie con la vita delle persone, i mezzi di sussistenza e i diritti umani”, ha detto ai giornalisti a Ginevra il direttore delle emergenze dell’OMS Michael Ryan. È importante che i governi ascoltino le persone “quando soffrono”. Ryan ha anche accolto con favore l’aumento del tasso di vaccinazione in Cina.

READ  Barbock sulla dichiarazione sul clima: il blocco di alcuni paesi è "più che frustrante" | Politica

La politica Zero Covid ha provocato un’ondata di proteste

La politica anti-coronavirus della Cina e i relativi blocchi hanno scatenato un’ondata di proteste a livello nazionale. Quelle che erano iniziate come proteste contro la repressione si sono rapidamente trasformate contro il presidente Xi e il Partito comunista in generale. Ci sono state manifestazioni in tutto il paese lo scorso fine settimana e una forte presenza della polizia inizialmente ha impedito ulteriori proteste. Gli scontri sono continuati in alcuni luoghi.

Il video pubblicato giovedì sera sui servizi online mostra dozzine di persone che si scontrano con agenti in tute ignifughe fuori da una scuola a Yicheng, nella provincia centrale di Hubei. Apparentemente, i genitori degli studenti risultati positivi possono essere visti mentre cercano di impedire che i loro figli vengano portati nella struttura di quarantena. I genitori si inginocchiano davanti al cancello della scuola e implorano di portare a casa i figli. Un altro video mostra almeno una dozzina di agenti di polizia sulla scena.

Tuttavia, ci sono segnali di allentamento delle regole di quarantena in Cina. Venerdì, nel People’s Daily del governo, diversi esperti sanitari hanno chiesto che le persone infette possano autoisolarsi a casa invece che solo nelle strutture statali come prima. La regione di Pechino ha annunciato che coloro che sono risultati positivi lì non dovevano più recarsi presso le istituzioni statali. A Dongguan nel sud e Shenzhen nel sud-est, le persone infette possono anche autoisolarsi a casa “a determinate condizioni”, secondo le autorità.

Rilassati anche nell’impegno di prova

Anche la conformità ai test è stata allentata in molte città. A Pechino, le autorità sanitarie hanno invitato gli ospedali a curare le persone senza un test PCR negativo. Da venerdì non è più richiesto il risultato negativo del test anche per i mezzi pubblici della capitale.

READ  Sui mezzi pubblici - Il tribunale degli Stati Uniti annulla l'obbligo della maschera - Notizie d'oltremare

Nella città sud-occidentale di Chengdu, da venerdì non sono più richiesti i test negativi per il coronavirus per restare in pubblico o utilizzare la metropolitana: è sufficiente mostrare un’app che confermi di non essere stato in una “zona ad alto rischio”. Molte città cinesi hanno anche consentito l’apertura di ristoranti, centri commerciali e scuole nonostante il numero crescente di contagi.

Nel nord-ovest di Urumqi, dove un incendio in una casa che ha ucciso dieci persone ha scatenato proteste a livello nazionale contro il blocco, le autorità hanno annunciato venerdì la graduale apertura di supermercati, hotel, ristoranti e aree sciistiche. La città di oltre cinque milioni di abitanti è uno dei luoghi in Cina che sono stati colpiti più a lungo dalle misure di Corona. Alcune aree sono state chiuse dall’inizio di agosto.

Allo stesso tempo, le autorità di tutto il paese stanno cercando di contenere ulteriormente le proteste con una stretta sicurezza nelle strade, la censura e la censura di Internet. (afp/mbo)

Continuano le manifestazioni contro la politica “zero Covid” del governo in Cina. Ora arrivano anche le richieste di dimissioni del presidente Xi Jinping.