Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le brutali condizioni dell’Ucraina: la nuova guerra di Putin lo richiede | Politica

Le brutali condizioni dell’Ucraina: la nuova guerra di Putin lo richiede |  Politica

“Presto finiranno le armi, non hanno una base propria, non hanno un’ideologia, non hanno un’industria e non hanno soldi. Non hanno nulla di proprio e quindi non hanno futuro”.

Con queste parole odiose, il dittatore russo Vladimir Putin (71 anni), visibilmente ubriaco, brindava con champagne nel fine settimana, sorridendo compiaciuto.

Con “loro” intendeva l’Ucraina, attaccata 21 mesi fa dai governanti del Cremlino e che si trova in una situazione militare sempre più difficile a causa della mancanza di forniture di armi occidentali.

Per questo motivo, negli ultimi giorni i rappresentanti del regime di Putin si sono mostrati fiduciosi e hanno chiarito ancora una volta che non chiedono altro che la resa completa delle forze armate ucraine come precondizione per i negoziati con il governo ucraino.

Esplosioni ovunque Il lanciarazzi provoca l’inferno

Fonte: screenshot di Telegram/Combat UA, TikTok/maximusf03

Richieste incredibili da Mosca

Anche la portavoce del Ministero degli Esteri, Maria Sakharova, ha spiegato esattamente come dovrebbe essere la situazione a Mosca nel fine settimana.

“Per il bene di una pace duratura, l’Occidente deve smettere di fornire armi a Kiev”, ha dichiarato trionfante il portavoce del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Inoltre, il Ministero degli Esteri di Putin ha già chiarito che all’Ucraina non sarà più consentito utilizzare le armi occidentali ricevute finora e che dovrà consegnarle a Mosca oppure restituirle all’Occidente sotto il controllo russo. . .

Ma questo è solo un passo umiliante che la Russia chiede all’Ucraina ancor prima che accetti i colloqui.

“Riconoscimento delle nuove realtà regionali”

Zakharova immaginava che l’Ucraina dovesse “riconoscere le nuove realtà regionali, smettere di combattere e ritirarsi dal territorio russo”.

Ciò non significa aree che appartengono effettivamente alla Russia o aree controllate anche dall’esercito russo, ma piuttosto migliaia di chilometri quadrati di territorio ucraino che è ancora sotto il controllo ucraino, ma da quando è stato annesso illegalmente dal dittatore Vladimir Putin lo scorso autunno, secondo la spiegazione: il russo ora appartiene alla Russia.

Per l’Ucraina, questa condizione fondamentale per i “negoziati di pace” con la Russia equivarrebbe alla fine dell’integrità territoriale e della sovranità statale.

In parole povere: saranno la fine dell’Ucraina.

Perché la Russia chiede che gran parte delle regioni di Zaporizhzhia, Kherson, Donetsk e Lugansk vengano cedute quasi volontariamente e poste sotto il controllo del Cremlino. Più di un milione di cittadini ucraini vivono attualmente solo nelle quattro città più grandi di queste quattro regioni.

A Kiev le richieste russe sono state accolte solo con un cenno della testa.

Se l’Ucraina si arrende, i russi avanzeranno

Per l’Ucraina la cosa è chiara: prima di arrendersi all’aggressore Russia senza combattere come richiesto, il Paese continuerà a opporre una resistenza sanguinosa fino allo sparo dell’ultimo colpo.

Gli osservatori concordano inoltre sul fatto che se il governo ucraino cedesse a queste richieste, non ci sarebbe assolutamente alcun motivo per cui la Russia non possa annettere il resto del paese con mezzi diplomatici o militari.

Pertanto, i “negoziati” con la Russia di Putin rimangono solo un pio desiderio da parte di Mosca e dei suoi alleati politici e intellettuali all’estero.