Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le azioni MorphoSys crollano a doppia cifra: MorphoSys prevede di presentare domanda per l’approvazione del farmaco pelabresib, auspicata a metà del 2024

Le azioni MorphoSys crollano a doppia cifra: MorphoSys prevede di presentare domanda per l’approvazione del farmaco pelabresib, auspicata a metà del 2024

Il ricercatore farmaceutico MorphoSys ha fatto un passo avanti nei test clinici con il suo promettente farmaco pelabresib.

I bavaresi hanno raggiunto il loro obiettivo più importante in uno studio relativo all’approvazione e ora vogliono richiedere l’approvazione negli Stati Uniti e in Europa a metà del prossimo anno. Tuttavia, gli analisti hanno scoperto che il farmaco non era in grado di migliorare i sintomi della mielofibrosi, un raro tumore del sangue. Alcuni esperti dubitano che l’approvazione sia avvenuta.

In questo studio, MorphoSys ha testato il suo promettente belapressib in pazienti affetti da mielofibrosi. Si tratta di un raro tumore del sangue che ha origine nel midollo osseo. Oltre alla formazione errata dei globuli bianchi, la malattia è accompagnata da splenomegalia. Gli effetti collaterali del cancro includono febbre, estrema stanchezza e perdita di peso.

Nello studio di fase 3 di MorphoSys (Manifest-2), la terapia di combinazione di pelabresib con ruxolitinib ha comportato una riduzione delle dimensioni della milza di almeno il 35% in circa due terzi dei pazienti, ha annunciato l’azienda la sera prima. Secondo MorphoSys, questo è un miglioramento significativo e statisticamente significativo. Tuttavia, per quanto riguarda la riduzione dei sintomi, l’azienda ha parlato solo di un “forte trend positivo”.

Il presidente dell’azienda, Jean-Paul Cress, ha commentato i dati con ottimismo, affermando, secondo il comunicato: “Siamo molto soddisfatti dei risultati positivi dello studio”. “Belapressib in combinazione con ruxolitinib ha mostrato riduzioni significative delle dimensioni della milza e dei sintomi rispetto alla monoterapia con ruxolitinib: questi sono i miglioramenti più impressionanti osservati fino ad oggi negli studi clinici condotti su pazienti con mielofibrosi”.

Chris aveva già indicato in una conferenza di analisti la scorsa settimana che si aspettava una risposta positiva da parte delle autorità di regolamentazione, anche con dati contrastanti. Ha affermato che gli organizzatori stanno monitorando la gravità della mielofibrosi e gli elevati bisogni medici insoddisfatti.

L’autorità di regolamentazione dei farmaci statunitense (FDA) aveva già concesso lo “status fast track” alla terapia combinata belapressib e ruxolitinib nel 2018, il che significa che ha il potenziale per accelerare il processo di approvazione. L’autorità concede questo status per malattie gravi o potenzialmente letali per le quali esiste un urgente bisogno di nuovi trattamenti.

Il successo dell’approvazione è particolarmente importante per MorphoSys, poiché l’azienda è in rosso a causa, tra l’altro, dell’aumento dei costi di ricerca per pelabresib. L’azienda ha acquisito il principio attivo attraverso la costosa acquisizione dello specialista statunitense nella cura del cancro Constellation Pharmaceuticals nel 2021 per circa 1,7 miliardi di dollari.

Nuovi dati di studio sul farmaco antitumorale Pelabresib hanno causato il crollo del prezzo delle azioni di MorphoSys martedì mattina. Dopo la forte volatilità nelle negoziazioni pre-mercato, negli scambi XETRA hanno finalmente prevalso gli orsi: le azioni sono recentemente scese del 24,42% a 16,20 euro. Nel punto più basso la perdita è stata di circa un terzo. Si tratta del livello più basso dall’inizio di aprile.

Recentemente il prezzo delle azioni è sceso di oltre la metà in soli otto giorni di negoziazione. Gli analisti della banca d’investimento Van Lanchot Kempen hanno scritto di “continuo potenziale di ribasso dovuto all’incertezza sull’accettazione” del farmaco antitumorale. Ciò è stato accompagnato da rischi finanziari; Le risorse di cassa dell’azienda saranno “relativamente limitate” in vista del 2025. Gli esperti hanno dimezzato il prezzo indicativo da 20 a 10 euro, indicando maggiori rischi di perdite.

L’analista Rajan Sharma di Goldman Sachs aveva già previsto una massiccia debolezza dei prezzi prima del mercato. Il farmaco antitumorale ha raggiunto il suo endpoint primario, ma mancava di significatività statistica in un importante endpoint secondario che valutava la riduzione dei sintomi, ha scritto l’esperto nella sua prima reazione.

Sulla piattaforma di trading Lang & Schwarz, la sera prima, le azioni MorphoSys hanno inizialmente registrato un forte rialzo fino a quasi 30 euro rispetto alla chiusura XETRA. Tuttavia, lì sono poi andati in rosso. Quindi le perdite sulla piattaforma di trading pre-mercato Tradegate sono aumentate in modo significativo.

Dal punto di vista grafico, il quadro è diventato più ambiguo. Giovedì della scorsa settimana, le azioni dello sviluppatore di anticorpi antitumorali sono effettivamente scese al di sotto della linea dei 200 giorni, considerata un indicatore della tendenza a lungo termine. A prezzi inferiori a 11,80 euro, le azioni scenderebbero al livello più basso dal 2009.

Dal suo massimo pluriennale di 146,30 euro nel gennaio 2020, i giornali hanno conosciuto solo una direzione: verso il basso. All’inizio del 2020 MorphoSys valeva in borsa più di quattro miliardi di euro. Attualmente ammonta a poco più di 550 milioni di euro.

/tav/mne/es

pianificazione (dpa-AFX)

Prodotti con leva selezionati su MorphoSys

Con un effetto a catena, gli investitori speculativi possono partecipare in modo sproporzionato ai movimenti dei prezzi. Seleziona semplicemente la leva che desideri e ti mostreremo i prodotti aperti appropriati su MorphoSys

Pubblicità