Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'attacco di Putin in “cinque-otto anni”: Germania indifesa?

L'attacco di Putin in “cinque-otto anni”: Germania indifesa?

La Russia vuole aumentare significativamente la produzione di armi l'anno prossimo, di oltre il 60%, ha avvertito il ministro della Difesa Boris Pistorius. In un'intervista con Il mondo di domenica Lui ha spiegato che le attuali minacce di Putin contro gli stati baltici, per esempio, dovrebbero essere prese sul serio – non sono solo un semplice tintinnio di sciabole. Ma la Germania attualmente non è preparata per tali rischi. Ora il capo del Cremlino è fiducioso nella vittoria e ha annunciato che le armi e il sostegno dell’Occidente in Ucraina stanno finendo.

Il presidente russo ha anche annunciato alla televisione russa di voler aumentare la presenza militare al confine finlandese: sarà creato un “distretto militare di Leningrado” nell'area intorno a San Pietroburgo, che sarà occupata da unità russe. Putin risponde all’accordo tra la Finlandia, nuovo membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), e gli Stati Uniti, che consente alle forze statunitensi l’accesso alle basi militari finlandesi.

Quanto bene Putin sarebbe in grado di difendere la Germania se osasse attaccare uno stato membro della NATO?

La vittoria di Trump alle elezioni americane del 2024 potrebbe diventare un fattore di rischio per l’Europa

Il trattato di aiuto della NATO con gli Stati Uniti fornisce una delle maggiori garanzie di sicurezza in Europa. Ma l’attuale coesione della NATO potrebbe cambiare molto l’anno prossimo, dopo le elezioni americane, se Donald Trump venisse eletto nuovamente presidente. Da anni Trump non nasconde le sue critiche all’adesione alla NATO.

In un'intervista con BR24 per il nuovo programma “Possoch Explains” (video sopra, link sotto), l'esperto di sicurezza e difesa Rafael Loos del Consiglio europeo per le relazioni estere vede un rischio particolarmente elevato nel fatto che un potenziale presidente Trump potrebbe indebolire politicamente l'alleanza NATO. Impegno dal 2024: “Allora si è raggiunta una situazione davvero critica nel sistema di sicurezza europeo”. Perché allora Vladimir Putin potrebbe giungere alla conclusione che può correre il rischio e attaccare uno dei paesi della NATO.

Anche Nico Lange, esperto di sicurezza e difesa alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, in un’intervista a BR24 vede il rischio imminente di un attacco: “Sappiamo che Putin guarda continuamente: cosa stanno facendo effettivamente i tedeschi, cosa stanno facendo gli europei fare? Se Putin ritiene che potremmo essere deboli, proverà a fare qualcosa.”

La difesa dell’Europa sarà debole senza il sostegno americano

Gli osservatori presuppongono inoltre che nei prossimi anni gli Stati Uniti si impegneranno maggiormente nella regione del Pacifico per mantenere la promessa di sostenere l'importante partner economico Taiwan: la Cina ha dichiarato di voler annettere Taiwan alla Cina continentale. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ripetutamente promesso negli ultimi anni che gli Stati Uniti difenderanno Taiwan se la Cina la attaccherà. L'attenzione degli americani potrebbe cambiare in modo significativo nei prossimi anni, e con essa l'intensità del sostegno da parte del loro partner NATO.

Quindi, gli Stati Uniti si troveranno ad affrontare una potente Cina e le priorità si sposteranno dalla protezione della regione europea a quella del Pacifico, stima Luce. Uno è “essere in grado di resistere a un aggressore come Vladimir Putin con un sostegno limitato o forse nullo da parte degli Stati Uniti. L'obiettivo è quindi essere in grado di deterrere attraverso la capacità di guerra per evitare conflitti”.

Il processo di rafforzamento delle frontiere esterne della NATO è ben avviato

Luce ritiene che vi sia il timore che la Russia utilizzi “un’azione militare limitata” per cercare di “separare politicamente la NATO, gli alleati europei della NATO e l’Unione Europea”. È quindi importante rafforzare i potenziali punti di attacco, come il cosiddetto “gap di Suwalki tra Lituania e Polonia o Kaliningrad e Bielorussia”. “La sicurezza dei Paesi Baltici è anche la nostra sicurezza, e questo è chiaramente il caso”, riassume l'esperto di sicurezza Nico Lange.

I primi armamenti avevano già cominciato ad avere luogo nei paesi confinanti con la Germania: la Polonia aveva annunciato il desiderio di raddoppiare il suo esercito, la Finlandia stava lavorando per rafforzare la sua difesa aerea ed espandere i suoi confini con la Russia, e la Lituania stava lavorando per rafforzare la sua difesa aerea. In Lituania, dal 2027, circa 5.000 soldati tedeschi proteggeranno anche il fianco orientale della NATO.

Video: L'attacco di Putin: la Germania è indifesa? Busouch spiega!