Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Last Generation vs. FFF: i manifesti sul clima non possono distribuire volantini | regionale

Last Generation vs. FFF: i manifesti sul clima non possono distribuire volantini |  regionale

Berlino- Nessuna unità nello sciopero per il clima! A Berlino, 12.500 persone (secondo la polizia) o 24.000 (secondo gli organizzatori) sono scese in piazza venerdì con la campagna Fridays for Future (FFF).

Nonostante il divieto, durante lo sciopero globale per il clima sono stati distribuiti manifesti sul clima e volantini con la scritta “Ultima generazione”.

Foto: Olaf Selchow

Ma c’era un problema tra il FFF e l’“ultima generazione”, i sostenitori del clima! I manifestanti hanno marciato attraverso il distretto governativo e hanno tenuto il loro incontro finale presso la Porta di Brandeburgo. Alla manifestazione hanno aderito circa 300 appartenenti all’“ultima generazione”, ma con regole ferree!

Filippo S.  (23 anni), studente di Friburgo:

Filippo S. (23 anni), studentessa di Friburgo: “Dobbiamo lasciare il pianeta come l’abbiamo trovato. Penso che sia bello tornare alla FFF per dimostrare che si può manifestare anche in modo più pacifico all’interno di un quadro giuridico.”

Foto: Olaf Selchow

La loro segnaletica era consentita, ma i loro giubbotti ad alta visibilità dovevano rimanere fuori. “Per favore, non andare a ovest, offusca l’immagine della comunità”, ha detto in una chat interna di ClimaClipper. Pubblicità del FFF? Le pubblicazioni “Last Generation” non erano desiderate dagli organizzatori.

Heka (19 anni, a destra), studentessa del FSJ di Reinickendorf, con Luna (18 anni, a sinistra), diplomata di Spandau:

Heka (19 anni, a destra), studentessa del FSJ di Reinickendorf, con Luna (18 anni, a sinistra), diplomata di Spandau: “La politica deve essere orientata al futuro. Dobbiamo prendere decisioni sensate e innovative. Capisco il esiste una ragione per l’“ultima generazione”, ma la chiamata al cambiamento deve venire dalla politica, non dalla società”.

Foto: Olaf Selchow

Piet Terjung (18), portavoce della FFF, ha detto alla BILD: “Questo è il nostro sciopero per il clima. Se l’ultima generazione partecipa qui, si unirà alla nostra protesta di massa pacifica e democratica e sosterrà le nostre richieste di fondi climatici socialmente giusti e di leggi più severe sulla protezione del clima”.

Pete Terjong (18 anni), portavoce dell'organizzazione

Pete Terjung (18), portavoce di Fridays for Future

Fotografia: Christoph Soeder/DPA

Il caos climatico ignora questo requisito

Ma il caos climatico ha semplicemente ignorato questo requisito! “I volantini in realtà non ci sono stati richiesti, ma poiché eravamo già in produzione, li distribuiremo comunque. ‘Vorrei essere un po’ più specifico’”, si legge in un messaggio interno. In una recente manifestazione, gli attivisti per il clima hanno distribuito i loro materiali ai manifestanti.

Terjung respinge le azioni dell'”ultima generazione”: “Per noi è molto chiaro: la protesta deve essere fatta in modo pacifico e democratico. È noto che siamo su una strada diversa rispetto all’ultima generazione”.