Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’arte di costringere volontariamente gli altri

L’arte di costringere volontariamente gli altri

UNNalina Baerbock ha preparato i vestiti dei suoi figli quando è andata alla conferenza sul clima di Parigi nel 2015. La sua seconda figlia era appena nata e avrebbe dovuto accompagnarla in Francia, dove i paesi di tutto il mondo volevano negoziare quanto avrebbero potuto rallentare il clima. cambiamento entro il 2050. Baerbock ha detto che a quel tempo sua figlia al Bundestag avrebbe avuto la stessa età di adesso. “Quando avrai una figlia piccola, mi chiederà: hai davvero fatto tutto il possibile per evitare questo collasso climatico nel 2015?”

Ha parlato un politico dell’opposizione che non ha altro potere se non quello di evocare il futuro della generazione dei suoi nipoti. Otto anni dopo, Annalena Baerbock si reca a Dubai in qualità di ministro degli Esteri federale. Tornando alla conferenza sul clima, quest’anno dovremmo valutare: quanta strada hanno fatto gli Stati Uniti dopo Parigi?

La conclusione era già chiara prima di iniziare a Dubai: il mondo attualmente non è sulla buona strada per limitare il riscaldamento globale “ben al di sotto” dei due gradi entro la fine del secolo, come previsto dall’Accordo di Parigi. È meglio se è a 1,5 gradi. Ma affinché ciò accada, le emissioni globali devono diminuire. Ma sono in aumento.

Burbuk arriva a Dubai in un momento critico. L’ospite nel Golfo, il ministro dell’Industria degli Emirati Arabi Uniti Sultan Al Jaber, aveva promesso di tenere una “conferenza sul clima completamente nuova” basata tutto sulla “stella guida” di 1,5 gradi. Ma dopo circa una settimana nel deserto, l’entusiasmo iniziale svanì. I negoziati hanno fatto pochi progressi. Ma serve un accordo per ridurre le emissioni. Perché i 198 Paesi devono decidere all’unanimità.

John Kerry, inviato speciale degli Stati Uniti per il clima, con il padrone di casa, il ministro dell'Industria degli Emirati Arabi Uniti Sultan Al Jaber, il capo negoziatore danese Dan Jorgensen e il direttore dell'Istituto nazionale per la politica ambientale Inger Andersen (da destra)


John Kerry, inviato speciale degli Stati Uniti per il clima, con il padrone di casa, il ministro dell’Industria degli Emirati Arabi Uniti Sultan Al Jaber, il capo negoziatore danese Dan Jorgensen e il direttore dell’Istituto nazionale per la politica ambientale Inger Andersen (da destra)
:


Foto: EPA

Poi devono attuarlo, perché tutti i paesi vivono nello stesso clima. Anche se un Paese diventasse climaticamente neutrale, non avrà alcun beneficio a lungo termine a meno che altri Paesi non seguano l’esempio. Altrimenti, il petrolio che non viene più bruciato in Germania finirà nell’atmosfera altrove come gas serra. Rimane lì per secoli, a volte migliaia di anni, finché non viene distrutto. Quindi le emissioni devono diminuire rapidamente. “Il tempo è essenziale”, ripetono più e più volte gli scienziati del clima.