Maggio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’amico di Putin minaccia l’Occidente di “rappresaglia”

L’amico di Putin minaccia l’Occidente di “rappresaglia”
  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

a partire dal: Badrettin Polokbasi

L’ex presidente russo Dmitry Medvedev è considerato vicino a Putin. (Foto d’archivio) © Yekaterina Shtukina / imago

Come spesso accade, l’ex presidente russo Medvedev parla su Telegram. Stavolta risponde a una dichiarazione del ministro della Difesa italiano.

Mosca – Molti Paesi occidentali vogliono Kiev Guerra in Ucraina Fornitura di serbatoi. Inoltre La Germania vuole 14 carri armati Leopard 2 In difesa contro il capo del Cremlino VladimirPutinl’attacco contribuisce.

Venerdì (27 gennaio), il ministro della Difesa italiano Guido Crocito ha avvertito in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo francese Sebastien Licorno che potrebbe scoppiare la terza guerra mondiale “se i carri armati russi entrassero Kiev Con le spedizioni di nuove armi in arrivo in Ucraina, vogliono evitare esattamente quel pericolo.

Guerra Ucraina: Medvedev minaccia, secondo un ministro italiano

Il vice capo del Consiglio di sicurezza russo, l’ex presidente, Dmitry Medvedev, ha risposto alle osservazioni di Krusto, nel servizio SMS Telegram. Medvedev ha minacciato in relazione agli attuali eventi che circondano la guerra in Ucraina: “Prima di tutto, la difesa dell’Ucraina, di cui nessuno ha bisogno in Europa, non proteggerà il vecchio mondo traballante da ritorsioni se succede qualcosa”. Per “vecchio mondo” intendeva probabilmente “l’ordine mondiale occidentale” che Mosca ha ripetutamente attaccato.

E l’ex capo di stato ha aggiunto: “In secondo luogo, se inizia la Terza Guerra Mondiale, allora né i carri armati né i combattenti la combatteranno, ma poi tutto andrà sicuramente in rovina”. dalla Russia. Medvedev sembra voler indicare il possibile uso di armi nucleari piuttosto che l’uso di armi convenzionali. L’amico di Putin minaccia ripetutamente di usare armi nucleari.

Terza Guerra Mondiale? Appeasement di un esperto russo: “la natura limitata dell’escalation”

Tuttavia, secondo l’analista moscovita Dmitry Stefanovic dell’Istituto russo per l’economia mondiale e le relazioni internazionali (IMEMO), il rischio di una possibile terza guerra mondiale a seguito della guerra in Ucraina rimane basso. Ha detto all’emittente indipendente RTVI che c’era ancora il desiderio di prevenire una grande escalation. Washington e Bruxelles affronteranno il potenziale militare dell’Ucraina con una sorta di “valvola”.

Secondo Stefanović, il rischio di escalation sarebbe molto più alto senza l’influenza degli alleati occidentali su Kiev. Nella situazione attuale, tuttavia, la situazione è sotto controllo. Allo stesso tempo, la parte russa tiene sotto controllo l’escalation. Ad esempio, alcune regioni dell’Ucraina non subiranno attacchi. “Quindi la natura limitata dell’escalation rimane”, ha detto l’analista.

Guerra in Ucraina: gli esperti vedono ridotto il rischio di un attacco nucleare da parte della Russia

Sullo sfondo della guerra in Ucraina, l’Ucraina ha ripetutamente affermato di voler restituire anche la Crimea. Quando è stato chiesto, Stefanovic ha sottolineato che un attacco ucraino alla Crimea non si tradurrebbe probabilmente in un attacco nucleare. L’Ucraina non attaccherà la Crimea e useremo immediatamente armi nucleari. “Deve succedere qualcosa di più grave”, ha aggiunto.

Le argomentazioni a favore di un attacco nucleare potrebbero certamente diventare più forti se un attacco alla Crimea fosse determinato a costituire una minaccia esistenziale. Tuttavia, secondo Stefanovich, questa formulazione nella dottrina russa riguarda più “regioni vulnerabili” come Kaliningrad a ovest e le Isole Curili a est.

“Pertanto, penso che ci sia una comprensione abbastanza chiara che non c’è nemmeno uno scontro in Crimea una ragione diretta per l’uso di armi nucleari”, ha detto l’analista. Stefanovic ha avvertito che la distruzione parallela di gran parte dell’esercito russo potrebbe aumentare il pericolo. Ha sottolineato una relazione diretta tra la forza delle forze convenzionali e la soglia nucleare: più forte è l’esercito regolare, più alta è la soglia. (BB)