Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La vitamina D3 protegge dalle infiammazioni, la vitamina D2 no – Studio – FITBOOK

Aiuta o no? La scienza è da tempo in disaccordo sul fatto che la vitamina D sia efficace contro infezioni come il coronavirus. Un nuovo studio potrebbe aver trovato una ragione per il conflitto dei risultati precedenti.

Non solo dal momento che la ricerca Corona si occupava di se e come ciò sarebbe stato fatto Vitamina D Protegge da infezioni o cicli gravi. Lo ha spiegato la persona che studiaQuella vitamina D lo porta vicino al nulla Altri studi fanno il contrario menzionato. Quale è giusto? Risposta: tutti! Perché ricerche recenti hanno identificato differenze significative tra vitamina D2 e ​​vitamina D3.

Solo la vitamina D3 sembra rafforzare il sistema immunitario

In uno studio congiunto condotto dalle università britanniche di Surrey e Brighton, i ricercatori hanno esaminato gli effetti della vitamina D e selezionato vitamina D2 e ​​vitamina D3 per questo scopo. Lo scopo della ricerca era scoprire fino a che punto entrambi i tipi di supplementazione di vitamina D presentano differenze funzionali nella salute umana, nonostante condividano somiglianze strutturali. Infatti: i ricercatori hanno trovato prove che solo la vitamina D3 ha un effetto modulante sul sistema immunitario, che protegge il corpo dalle malattie virali e batteriche.1

Interessante anche: L’autotest della redazione mostra: le nostre scorte di vitamina D sono davvero pessime in inverno!

Entrambi i tipi di vitamina D vengono assunti per 12 settimane

Per il loro studio, gli scienziati hanno somministrato vitamina D a 355 donne al giorno per 12 settimane, il primo gruppo ha ricevuto vitamina D2, il secondo vitamina D3 e il terzo gruppo un placebo. Quindi è stato esaminato come gli integratori speciali influissero sull’attività dei geni nel sangue. Hanno scoperto che la vitamina D2 non ha praticamente alcun effetto, ma la vitamina D3 ha avuto un effetto. Abbiamo dimostrato che la vitamina D3 sembra stimolare il sistema di segnalazione dell’interferone di tipo 1 del corpo, un componente essenziale del sistema immunitario e la prima linea di difesa contro batteri e virus. Pertanto, uno stato sano di vitamina D3 può aiutare a prevenire che virus e batteri prendano piede nel corpo”, ha spiegato il professor Colin Smith, capo dello studio in una dichiarazione universitaria.2

READ  Corona in auto: 2778 nuovi feriti - aumento record | NDR.de - Notizie

Interessante anche: Come fai a sapere se hai un sistema immunitario debole?

La vitamina D-3 può proteggere efficacemente dalle infezioni in inverno

Per il ricercatore, ciò significa che quando i consumatori acquistano a Integratore di vitamina D Occorre prestare maggiore attenzione alle informazioni sulla confezione. Ricorda inoltre di non dimenticare di mangiarlo, soprattutto durante i mesi invernali. “Molte persone soffrono di livelli insufficienti di vitamina D3 perché vivono in luoghi dove c’è poca luce solare in inverno”, afferma lo studio. “Quindi la vitamina D3 dovrebbe essere la forma preferita di alimenti fortificati e integratori”.

Interessante anche: Vitamina D – Come soddisfare il fabbisogno giornaliero attraverso il sole

Vitamina D2 e ​​Vitamina D3: qual è la differenza?

La vitamina D3 (colecalciferolo) è ciò che il corpo può produrre una volta che la luce solare colpisce la pelle. È caratterizzato da una maggiore biodisponibilità della vitamina D2 (ergocalciferolo), che si trova in piccole quantità principalmente negli alimenti vegetali e nei funghi. Tuttavia, il suo effetto sulla salute non deve essere sottovalutato. Uno studio recente ha rilevato che la vitamina D contenuta negli alimenti, anche se è impossibile coprire il fabbisogno giornaliero attraverso la sola dieta, riduce il rischio di cancro del colon-retto (FITBOOK segnalato). Gli autori hanno concluso che è necessario uno studio di follow-up più ampio per comprendere meglio le differenze negli effetti della vitamina D2 e ​​della vitamina D3 sull’attività genica.

rigonfiamento