Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La tattica di Putin ha funzionato: un ex agente della CIA ha lanciato un chiaro avvertimento

La tattica di Putin ha funzionato: un ex agente della CIA ha lanciato un chiaro avvertimento
Il presidente russo Vladimir Putin sbarca da un bombardiere strategico Tu-160M ​​dopo un volo a Kazan, Russia, giovedì 22 febbraio 2024. (Dmitry Azarov, Sputnik, Kremlin Complex Image via AP)

Sembra che le cose non potrebbero andare meglio per il capo del Cremlino Vladimir Putin.Foto: Piscina Sputnik del Cremlino / Dmitry Azarov

Russia

26 febbraio 2024, alle 10:4026 febbraio 2024, 11:26

Anne Catherine Hamilton

Da due anni la Russia lancia un massiccio attacco contro l’Ucraina. Secondo l’ex agente della CIA Steve Hall, le cose non potrebbero andare meglio per il presidente russo Vladimir Putin.

“Putin ha trascorso settimane davvero buone”, afferma Hall in un’intervista alla CNN. Il capo del Cremlino può ora dimostrare a tutti coloro che hanno ancora dei dubbi: “Il piano funziona”.

Russia e Repubblica del Tatarstan - 21 febbraio 2024: Il presidente russo Vladimir Putin dà uno sguardo durante un incontro con il presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev all'Expo internazionale di Kazan...

L'ex agente della CIA Steve Hall dice che Vladimir Putin sta ridendo molto in questo momento.Foto: Imago Pictures / Sergey Bubilev

“E non mi riferisco agli scettici russi che protestano nelle strade”, chiarisce. Riguarda le persone nella sua cerchia ristretta che probabilmente ora stanno dicendo: “Gesù, funzionerà davvero”.

Il piano di Putin: pazienza.

I calcoli di Putin riguardo all'Ucraina potrebbero dare i loro frutti

Secondo Hall, i calcoli di Putin sono di avere più resistenza e di “rimanere in disparte”. Ad un certo punto, l’Occidente, soprattutto gli Stati Uniti, perderanno la concentrazione e i nervi, afferma oggi un analista della sicurezza nazionale. All'epoca era a capo delle operazioni russe presso il servizio di intelligence straniero degli Stati Uniti, la Central Intelligence Agency, ufficialmente abbreviato in CIA.

Hall spiega che, secondo Putin, il sostegno occidentale all’Ucraina prima o poi semplicemente scomparirà. Con lo slogan: “Sii paziente”.

Watson è ora su WhatsApp

Adesso su Whatsapp e Instagram: aggiorna il tuo Watson! Ci prenderemo cura di te Qui su WhatsApp Con i punti salienti di Watson di oggi. Solo una volta al giorno: niente spam, niente bla, solo sette link. una promessa! Preferisci essere aggiornato su Instagram? Qui Puoi trovare il nostro canale di streaming.

“Dopo un paio d'anni si può dire: 'La pazienza ripaga'”, afferma Hall. Secondo lui ora spetta all’Occidente dimostrare che Putin ha torto. Ma forse Putin è davvero contento della sua situazione attuale.

Alla luce delle imminenti elezioni in Russia, le cose stanno andando bene per i governanti russi. Secondo Hall, le elezioni russe, anche se assurde, sono comunque politicamente delicate. “Perché alle persone non è permesso scendere in strada per manifestare”, dice Hall, “ma la domanda in questo momento è: chi altro li manifesterà o li guiderà?” È morto il suo più grande avversario, Alexei Navalny. Putin è riuscito a far sparire dalla scena tutti gli altri suoi seri oppositori politici.

Hall sottolinea ancora una volta: Putin ha fiducia in se stesso. “Non ha assolutamente alcun problema a mandare a morte centinaia di migliaia di giovani russi per controllare l’Ucraina”, avverte l’americano. Finché il popolo russo non si ribella, secondo Hall, per ora le cose stanno andando bene per Putin, sia a livello nazionale che in Ucraina.

La valutazione dell'ex agente della CIA supporta anche le precedenti notizie sulle spedizioni di armi occidentali.

Il ritardo nella consegna delle armi significa “perdita di vite umane”

Secondo Kiev, nella metà dei casi gli aiuti militari promessi dall'Occidente all'Ucraina arrivano più tardi di quanto promesso. Il ministro della Difesa ucraino Rustam Umarov ha dichiarato in un forum di discussione a Kiev in occasione del secondo anniversario dell’inizio della guerra: “Le promesse non significano attualmente la consegna”.

“Il 50% delle promesse non vengono mantenute in tempo”, prosegue Omero, affermando che un ritardo nella consegna metterà l’esercito ucraino in un ulteriore svantaggio “nei calcoli della guerra”. Soprattutto alla luce della “superiorità aerea” russa, ciò significa “perdita di vite umane, perdita di territorio”. Il ministro afferma che l'esercito ucraino sta facendo “tutto il possibile e tutto l'impossibile” nella lotta contro gli aggressori russi. “Ma le consegne premature ci stanno danneggiando”.

Inoltre, l'attrezzatura fornita sembra presentare gravi difetti.

Secondo uno un report Al Royal United Services Institute (RUSI) di Londra, ad esempio, più di 40 veicoli da combattimento della fanteria Bradley americani arrivarono al fronte con batterie difettose e cavi difettosi. Gli ucraini vicino al fronte informarono Rossi che diversi obici M777 da 155 mm erano arrivati ​​senza i dispositivi di puntamento richiesti.

Egli continua dicendo:

“La mancanza di un’adeguata manutenzione e di parti di riparazione aggrava le difficoltà, e alcune forze ucraine ci hanno informato che i fucili M-4 di fabbricazione statunitense si sono rotti dopo una settimana di utilizzo in trincea”.

Rossi ha detto che c'è carenza di personale per effettuare controlli “ragionevoli” sulle attrezzature prima di inviarle oltre il confine con l'Ucraina. Perché: “Nei primi due anni di guerra, l’esercito ucraino era disperso e scoordinato, ma fu rapidamente equipaggiato”, ha scritto Rossi.

Il rapporto afferma che se l’Occidente vuole mantenere l’Ucraina nella lotta, deve adeguare di conseguenza il suo sostegno.

(Con materiali dell'AFP)