Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La sonda della NASA rileva il brillamento solare più forte dal 2017

La sonda della NASA rileva il brillamento solare più forte dal 2017
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Il sole saluterà nel 2023 con l’eruzione più violenta dal 2017. Gli effetti potrebbero farsi sentire sulla Terra.

FRANCOFORTE – Il Sole sta diventando più attivo e si prevede che raggiungerà la sua massima attività nel 2024. E si sta comportando di conseguenza: nelle ultime settimane e mesi si sono verificate frequenti e violente eruzioni che hanno fatto apparire l'aurora boreale sulla Terra. Il 31 dicembre 2023 alle ore 20:55 (CET) è stata osservata un'eruzione solare particolarmente violenta, classificata come eruzione di classe X5.0. L'eruzione è avvenuta dalla regione 3536 del Sole, che aveva già prodotto un bagliore di magnitudo X2.8 il 14 dicembre.

I brillamenti solari sono classificati in base alla loro intensità, con i brillamenti più deboli appartenenti alla categoria B, seguiti dalle categorie C e M. I brillamenti solari più violenti sono classificati come classe X. All'interno di ciascuna classe ci sono valori da 1 a 9 – solo la classe X non ha un limite superiore. Il brillamento solare più potente mai registrato è avvenuto nel 2003. I sensori si sono guastati su X17, successiva eruzione Secondo le informazioni della NASA Stimato a circa x45.

Il Sole, osservato dalla sonda spaziale Solar Dynamics Observatory della NASA. Il punto luminoso a sinistra è il brillamento solare X5.0 avvenuto il 31 dicembre 2023, l'eruzione solare più potente dal 2017. © NASA/SDO

Il brillamento solare più potente registrato dal 2017

Secondo la NASA, potenti esplosioni di classe X possono produrre “tempeste di radiazioni di lunga durata che possono danneggiare i satelliti”. Secondo l’agenzia spaziale statunitense, queste esplosioni potrebbero anche “causare problemi di trasmissione globale e interruzioni di corrente in tutto il mondo”. Un’altra conseguenza di una tempesta solare che colpisce la Terra potrebbe essere l’aurora boreale.

Ciò potrebbe accadere anche se la tempesta solare causata dall’eruzione del 31 dicembre colpisse la Terra. Ha aggiunto: “La tempesta avrebbe dovuto colpire violentemente il suolo, ma durerà meno di un giorno”. Lo spiega il fisico meteorologico spaziale Tamitha Skov X (ex Twitter). “Aspettatevi aurore luminose ma di breve durata, nonché interferenze di segnali radio sul lato oscuro della Terra”.

Previsioni meteorologiche spaziali: è prevista una tempesta geomagnetica G1

Tuttavia, lo Space Weather Prediction Center (SWPC) prevede una tempesta geomagnetica G1 (piccola) solo il 2 gennaio, il giorno in cui si prevede che la tempesta solare colpirà la Terra. In Descrizione di SWPC “L'aurora boreale è solitamente visibile alle alte latitudini”, dice.

Quindi non dovresti aspettarti molto dal più forte brillamento solare dell'attuale ciclo solare sulla Terra. Ciò potrebbe deludere alcuni, ma nel 2024 ci saranno ancora molte opportunità per osservare l’aurora boreale, anche alle medie latitudini. Tuttavia, il massimo solare è appena iniziato. Un ricercatore presuppone che il massimo solare duri tipicamente circa tre anni. In generale, all'inizio della primavera si osserva più aurora boreale nel cielo che in altri periodi. (fattura non pagata)