Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La società energetica ucraina Naftogaz non servirà prestiti per due anni

DottMartedì sera è arrivato un colpo di avvertimento. Durante la giornata, l’amministratore delegato della Naftogaz ucraina, Yuriy Vitrenko, ha lamentato la necessità di 7,6 miliardi di euro per l’acquisto di gas aggiuntivo per riempire l’impianto di stoccaggio con 19 miliardi di metri cubi di gas e renderlo a prova di inverno. In serata, agli istituti di credito internazionali è stato chiesto di concordare un differimento di due anni dei pagamenti di capitale e interessi sulle obbligazioni esistenti, compresi i pagamenti in scadenza nei prossimi giorni. Il termine per l’approvazione è giovedì della prossima settimana.

Andreas Mihm

Corrispondente commerciale per l’Austria, l’Europa centrale e orientale e la Turchia con sede a Vienna.

Poiché Naftogaz è anche il più grande contribuente di Kiev, alcuni sul mercato lo vedono come un presagio di un fallimento ancora più grande: il fallimento dello stato ucraino. Il ministro delle finanze aveva escluso una mossa del genere, ma i membri del parlamento hanno speculato al riguardo. Ci sono state già accese discussioni la scorsa settimana. A quel punto, Naftogaz ha annunciato che avrebbe riesaminato “i requisiti di liquidità e operativi in ​​linea con il sostegno alle priorità strategiche dell’Ucraina, anche con l’obiettivo di mantenere la liquidità a disposizione”. Di conseguenza, il prezzo delle obbligazioni in valuta estera ucraine è sceso nuovamente. Ora si aggira intorno al 20 percento del suo valore nominale, proprio come era dopo l’inizio del raid russo.

Le conseguenze della guerra sono ovunque

Gunter Deuber può capire le preoccupazioni sui default. Ma è così che vede il capo economista austriaco Banca Raiffeisen La situazione finanziaria internazionale (RBI) non lo è. In effetti, Naftogaz non è legato a quantità molto grandi. La compagnia del gas deve avere liquidità sufficiente nei suoi conti in valuta estera per pagare i 335 milioni di dollari in questione. Duber preferisce distinguere tra “la capacità e la volontà di pagare”. Vede la proposta di differimento ai creditori come un campanello d’allarme politico, “un segnale di avvertimento dall’Ucraina all’Occidente: devi fare di più”.

READ  L'iniziativa prevede il divieto di processo: il movimento LGBT in Polonia teme per i propri diritti

Naftogaz ha giustificato la mossa con la crisi di liquidità causata dalla guerra imposta dalla Russia. Molti clienti non possono più pagare le bollette. La guerra ha portato a una “grande contrazione economica e commerciale in Ucraina”. Un mese fa, la BERS della Banca dell’Europa orientale ha concesso a Naftogaz un prestito di 300 milioni di dollari per l’acquisto di gas. Sembra che questo non sia più sufficiente. Anche i fornitori di elettricità sentono il rallentamento degli affari, segnalano inadempienze e sperano in un miglioramento perché l’80% delle entrate derivanti dalle esportazioni di elettricità avviate di recente nell’Europa centrale sono ora condivise tra tutte le società.