Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La scoperta di una nuova struttura cerebrale

Il quarto strato delle meningi

Roberto Clatt

Membrana SLYM nel cervello umano

)alP ainigriV dnu ksuK retePnehcsneM sed nriheG mi narbmeM-MYLS(Foto: ©

  • Nel la mente umana Lo sono diventato per caso Il quarto strato di meningi è stato rilevato
  • il membrana linfatica subaracnoidea (SLYM) Contiene cellule immunitarie e impedisce alle molecole più grandi di entrare nel cervello

Nel cervello umano è stata scoperta una nuova fortuita struttura anatomica che potrebbe essere fondamentale per l’equilibrio dei fluidi degli organi e la protezione immunitaria. Il quarto strato delle meningi impedisce alle grandi molecole di entrare nel cervello e contiene cellule immunitarie.


New York (Stati Uniti). Negli ultimi anni , Scienze Molte strutture precedentemente sconosciute nel corpo persone Scopri, compreso circa muscolo della mandibola come ghiandole umiche;, un membro all’ingresso della tromba di Eustachio. Ricercatore Centro medico dell’Università di Rochester E l’Università di Copenaghen ora ha un’altra struttura anatomica umana cervello Scoprire.


Secondo quanto pubblicato sulla rivista specializzata Scienze Gli scienziati in realtà volevano indagare su come il liquido cerebrospinale si muove attraverso le meningi. Nel loro esperimento, hanno mescolato un marcatore fluorescente nel liquido cerebrospinale dei topi in modo da poter monitorare il loro movimento attraverso il cervello usando la microscopia a due fotoni.


Scoperta del quarto strato meningeo

Nello spazio tra le meningi più interne e le meningi medie (lo spazio subaracnoideo), hanno scoperto una quarta meninge precedentemente sconosciuta, molto sottile ma continua.

“Questo strato divide lo spazio subaracnoideo in una camera esterna superficiale e una regione interna più profonda che circonda il cervello”.

C’è anche qualcosa chiamato linfangectasia subaracnoidea (SLYM) negli esseri umani. Lo strato meningeo è spesso solo pochi strati di cellule e assomiglia al mesotelio, una membrana che circonda gli organi interni di un essere umano.

READ  Corona in SH: Evento 375.1 | NDR.de - Notizie - Schleswig-Holstein

La funzione barriera delle proteine

Sebbene la meningesi recentemente scoperta sia molto sottile, svolge una funzione di barriera essenziale perché la maggior parte delle particelle non può attraversarla, secondo i test delle particelle colorate.

“SLYM quindi impedisce lo scambio della maggior parte dei peptidi e delle proteine, comprese le proteine ​​beta-amiloide e la tau, tra la parte esterna e quella interna dello spazio subaracnoideo”.

Sistema di separazione del liquor?

Secondo i ricercatori guidati da Kjeld Møllgård, è ipotizzabile che lo strato meningeo appena scoperto separi il liquido cerebrospinale pulito e fresco dal vecchio liquido cerebrospinale. Come spiega Maiken Nedergaard, la scoperta dimostra l’importante ruolo dei fluidi nella mente.


“La scoperta di una nuova struttura anatomica che controlla il flusso e la divisione del liquido cerebrospinale dentro e intorno al cervello conferma l’importante ruolo del liquido cerebrospinale”.

Inoltre, il guscio SLYM contiene una maggiore quantità di cellule di difesa per sistema immunitariocomprese le cellule dendritiche per rilevare nemici e macrofagi.

“Questo indica che SLYM funge anche da sito adatto per il monitoraggio immunitario”.

La membrana SLYM può anche fungere da strato scorrevole riducendo l’attrito tra l’osso del cranio e il cervello durante i movimenti vigorosi della testa.

Danni allo strato protettivo del cervello

Se la membrana protettiva di SLYM nel cervello è danneggiata, può influenzare il sistema fognario del cervello e il sistema immunitario. I contaminanti potenzialmente dannosi trovati nel vecchio fluido cerebrale possono farsi strada nello spazio subaracnoideo e persino nel cervello. Una crepa nello strato protettivo taglierebbe anche importanti canali di flusso.

“Questo potrebbe spiegare i modelli di flusso turbolento del sistema glinfatico dopo una lesione cerebrale traumatica”.

I ricercatori ritengono inoltre che sia possibile che il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer o complicanze della neuroinfiammazione dopo una grave commozione cerebrale sia correlato a una rottura della membrana SLYM. Negli esperimenti sugli animali, sono stati in grado di dimostrare che il danno allo strato protettivo innesca l’infiammazione e porta a un accumulo locale di cellule immunitarie.

READ  Quando la luna piena è molto vicina alla terra a giugno

Scienza, doi: 10.1126/science.adc8810