Giugno 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia vuole usare il telescopio a raggi X tedesco contro la volontà della Germania

panorama Erosita su “Spektr-RG”

La Russia vuole usare il telescopio a raggi X tedesco contro la volontà di Berlino

Telescopio a raggi X Aerosita

Il telescopio a raggi X Erosita è composto da sette unità speculari identiche, ciascuna contenente 54 gusci di specchi

Fonte: pa / dpa / MPE / Peter Friedrich

A causa della guerra in Ucraina, il telescopio satellitare tedesco Erosita è stato posizionato a bordo di un satellite russo in un satellite dormiente. È stato utilizzato per studiare i buchi neri. Ora la Russia vuole riattivare il telescopio senza l’approvazione tedesca, il che potrebbe portare alla distruzione del dispositivo.

DottL’agenzia spaziale russa Roscosmos vuole riportare in funzione il telescopio satellitare tedesco Erosita nonostante l’interruzione della cooperazione da parte di Berlino. “L’ordine è stato dato per avviare il restauro del lavoro del telescopio tedesco nel sistema Spektr-RG con il telescopio russo”, ha detto sabato il capo di Roscosmos Dmitry Rogozin in un’intervista televisiva.

Il telescopio è stato addormentato dal Max Planck Institute tedesco a causa della guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina e delle successive sanzioni occidentali contro Mosca.

Leggi anche

La prima immagine di un buco nero nella nostra Via Lattea

Erosita è stata lanciata nel 2019 a bordo del satellite russo Spektrum-Röntgen-Gamma (Spektr-RG) con un razzo Proton. Insieme al telescopio russo, viene utilizzato per l’osservazione dello spazio e può illuminare galassie a milioni di chilometri dalla Terra. Si compone di sette unità specchio identiche, ciascuna con 54 alloggiamenti per specchi. Sulle tracce delle forze dei raggi X del Big Bang: il telescopio tedesco eRosita mira a offrire ai ricercatori uno sguardo nuovo e illuminante sull’energia oscura dell’universo.

I ricercatori russi e tedeschi sono stati in grado di valutare i dati insieme. Uno degli obiettivi della missione scientifica congiunta era scoprire i buchi neri nelle galassie vicine.

Rogozin ora vuole riprendere unilateralmente le osservazioni che la Germania ha interrotto dopo l’inizio della guerra sequestrando il telescopio. “Coloro che hanno preso questa decisione (di interrompere la cooperazione) oggi non hanno il diritto morale di fermare la ricerca dell’umanità, solo perché la loro posizione fascista è simile a quella dei nostri nemici”, ha affermato l’alto dirigente russo.

Leggi anche

Illustrazione di un buco nero

Ma il direttore scientifico del progetto Spectrum-X-ray-Gamma, Rashid Sionyaev, ha messo in guardia contro l’adozione di misure unilaterali. Il riavvio può avvenire solo con il consenso della Germania, altrimenti il ​​telescopio rischierà di crollare.

Rogozin, che era l’ambasciatore della Russia presso la NATO, per un certo periodo si è presentato come un intransigente contro l’Occidente. Alla luce delle sanzioni statunitensi seguite all’invasione russa della Crimea, nel 2014 è stato annunciato che in futuro gli astronauti americani avrebbero dovuto volare verso la Stazione Spaziale Internazionale “su un trampolino”. È anche un forte sostenitore della guerra contro l’Ucraina.

READ  La pandemia di Corona ++ aumenta il tasso di infezione a 1231,1 ++