Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia ha sparato ai prigionieri di guerra?

La Russia ha sparato ai prigionieri di guerra?

La Russia ha preso il pieno controllo di Avdiivka. La Lituania chiede maggiori sforzi europei. Maggiori informazioni nel blog delle notizie.

Le cose più importanti a colpo d'occhio


scaricamento…

Immagine dell'icona del contenuto incorporato

inclusione

Frederiksen: la Danimarca sta svuotando il suo arsenale all'Ucraina

3:04: Come riportato dal think tank americano ISW, il primo ministro danese Mette Frederiksen avrebbe annunciato domenica il vasto sostegno militare del suo paese all'Ucraina. Di conseguenza, la Danimarca vuole consegnare il suo “stock completo di artiglieria” al paese che la Russia ha attaccato in violazione del diritto internazionale. Si attende ancora la conferma ufficiale da parte del governo danese.

Non è chiaro se la dichiarazione includa non solo le munizioni di artiglieria, ma anche altro equipaggiamento di artiglieria. Anche la Repubblica Ceca aveva precedentemente annunciato che avrebbe messo a disposizione dell’Ucraina le sue scorte di munizioni per artiglieria. Da mesi nel Paese invaso dal dittatore russo Vladimir Putin vi è carenza di munizioni. Pertanto, il governo di Kiev ha ripetutamente chiesto ai suoi alleati occidentali di fornire più armi.

Lunedì 19 febbraio 2024

Ucraina: secondo quanto riferito, la Russia ha fucilato i prigionieri di guerra

22:33: L'Ucraina accusa la Russia di aver sparato a soldati ucraini disarmati. “È stata aperta un'indagine sull'uccisione di prigionieri di guerra ucraini disarmati ad Avdiivka e Vesely”, ha detto la procura della regione di Donetsk sul suo canale Telegram.

Un video registrato da un drone mostra un soldato russo che spara a distanza ravvicinata a due soldati ucraini catturati nel villaggio di Vysely. Come riportato dal think tank statunitense ISW, le forze russe avrebbero giustiziato sei soldati ucraini feriti vicino ad Adivka.

Non c'è stato alcun commento immediato da parte del Ministero della Difesa russo. La televisione Sospilny ha citato un portavoce militare ucraino che ha affermato che questa non è la prima volta che la Russia commette crimini di guerra.

L'ex presidente russo minaccia l'Occidente con la guerra nucleare

20:22: L'ex presidente russo Dmitry Medvedev minaccia l'Occidente con la guerra nucleare e descrive questi paesi come “folli”. L'attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza ha ribadito domenica in un post su Telegram la sua nota posizione secondo cui “le potenze nucleari non perdono mai una guerra” finché difendono la propria patria. Qui puoi leggere di più a riguardo.

Continuano i combattimenti in Ucraina – “La situazione operativa è difficile”

20:09: Le forze ucraine sono ancora sotto pressione a causa degli attacchi alle unità russe. “La situazione operativa nell'Ucraina orientale e meridionale rimane difficile”, ha scritto lo stato maggiore a Kiev sulla sua pagina Facebook. Si registrarono complessivamente 56 combattimenti in vari settori del fronte. Durante gli attacchi russi, anche le zone residenziali furono sottoposte ad attacchi di artiglieria e missili. Ci sono stati morti e feriti tra la popolazione civile. Non è stato possibile verificare immediatamente le informazioni in modo indipendente.

A sud di Zaporizhia, nel settore centrale del fronte, si svolsero combattimenti particolarmente pesanti. Lì furono respinti sette attacchi russi, supportati da aerei da combattimento.

video | Ecco perché era necessario il ritiro da Avdiivka

Fonte: T Online

Putin considera la guerra in Ucraina una “questione di vita o di morte”

17:17: Secondo il presidente del Cremlino Vladimir Putin, la Russia considera “vitale” la situazione intorno all’Ucraina. Ma per l'Occidente è solo una questione di tattica, dice Putin in un'intervista alla televisione statale, riportata dall'agenzia statale TASS. Mentre l’Occidente assume posizioni tattiche sull’Ucraina, per il suo Paese è “una questione di destino, una questione di vita o di morte”. Se l'Occidente non fosse intervenuto, “la guerra sarebbe finita un anno e mezzo fa”.

“Siamo passati dalle misure inizialmente pacifiche agli strumenti militari e abbiamo cercato di porre fine a questo conflitto pacificamente”, afferma Putin. E: la Russia è ancora pronta a negoziare una soluzione pacifica.