Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La rock star Brian May ha aiutato la NASA a ottenere il primo campione dall’asteroide

La rock star Brian May ha aiutato la NASA a ottenere il primo campione dall’asteroide
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Il chitarrista dei Queen Brian May ha conseguito un dottorato in astrofisica e ha aiutato la NASA a raccogliere campioni di terreno dall’asteroide Bennu.

Prima di esibirsi davanti a un mare di fan allo stadio inglese di Wembley, il chitarrista dei Queen Brian May stava lavorando a un dottorato in astrofisica e stava facendo ricerche sulla luce zodiacale, un punto luminoso nel cielo creato dalla luce solare che si riflette su milioni di particelle di polvere. Nel sistema solare.

Tuttavia, May interruppe i suoi studi a metà degli anni ’70 quando i Queen acquisirono lo status di uno dei gruppi rock più famosi della storia.

La pausa durò 30 anni. Da allora, May non solo ha conseguito il dottorato, ma ha anche dimostrato le sue capacità alla NASA e ha persino contribuito a garantire che l’attuale missione non fallisse.

Leggi il Washington Post gratuitamente per quattro settimane

Il tuo biglietto di qualità washingtonpost.com: Ottieni ricerche esclusive e oltre 200 storie Quattro settimane libere.

Tutto è iniziato quando la navicella spaziale OSIRIS-REx – abbreviazione di Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security-Regolith Explorer – è stata lanciata al largo delle coste della Florida nel 2016. La missione avrebbe dovuto prelevare campioni da Asteroide Bennu Nel complesso, è un residuo della nascita del sistema solare con una probabilità 1 su 2.700 che entri in collisione con la Terra nel 2182.

La NASA vola sull’asteroide Bennu

Si ritiene che Bennu, dal nome del dio uccello della creazione e della resurrezione nell’antico Egitto, sia il prodotto di un impatto catastrofico in cui un asteroide delle dimensioni del Connecticut collassò, secondo la NASA. Uno dei pezzi sparsi è Bennu, una raccolta di rocce di circa 4,5 miliardi di anni, tenute insieme dalla gravità e in orbita attorno al sole ogni 1,2 anni.

Nel 2018, OSIRIS-REx ha raggiunto l’orbita di Bennu. Tuttavia, il problema non era tanto raggiungere Bennu quanto atterrare su un asteroide che gli scienziati ritengono contenga i segreti del primo sistema solare. Il Washington Post aveva precedentemente riferito che il piano della missione prevedeva l’atterraggio in un’area che gli ingegneri chiamavano “la spiaggia” per via dei suoi materiali pregiati. Ma presto divenne chiaro che non esisteva una spiaggia sabbiosa, ma che Bennu era in realtà un mucchio di macerie piene di rocce.

Brian May assiste la NASA nella missione OSIRIS-REx.

E qui è arrivato il turno di May. Poco prima del lancio della sonda nel 2016, May ha incontrato Dante Lauretta, comandante della missione di ritorno dei campioni di asteroidi OSIRIS-REx. I due hanno stretto un’amicizia basata sul loro comune interesse per lo spazio e sul loro comune amore per Tucson.

Il chitarrista dei Queen Brian May dal vivo sul palco. © Thomas Rasmussen/González Photo/Imago

“Mentre la missione OSIRIS-REx procede, non ho potuto fare a meno di condividere alcuni degli ultimi sviluppi”, ha scritto Lauretta nell’introduzione a “Bennu 3-D: Anatomy of an Asteroid”, un libro di cui è coautore. Maggio. … Con mia grande gioia, Brian ha mostrato grande interesse per la missione e la scienza dietro di essa. Era chiaro che non era solo un fan occasionale, ma un vero appassionato dello spazio e sostenitore dell’esplorazione spaziale.

Alla fine, ha portato Loretta May in una missione in cui la rock star ha avuto un ruolo importante: ha aiutato la sonda spaziale ad atterrare su Bennu.

Per trovare un punto di atterraggio sicuro per la sonda, il fisico rock star ha sviluppato immagini stereoscopiche della superficie di Bennu, spiega May nel suo libro. L’olografia è una tecnologia che conferisce alle immagini piatte un effetto di profondità, simile agli occhiali 3D.

Sebbene le telecamere OSIRIS-REx fornissero solo immagini 2D, gli scienziati hanno mappato ogni centimetro della superficie di Bennu in grande dettaglio. May ha poi elaborato la scena ritagliando coppie di immagini una accanto all’altra – “così possiamo vedere il paesaggio aspro e aspro di Bennu in uno splendido 3-D”, ha scritto Loretta nell’introduzione a “Bennu 3-D: Anatomy of an Asteroide.” . “.

Questa serie di ologrammi fornisce una vista 3D del grande masso di 52 metri (170 piedi) che sporge dall'emisfero meridionale dell'asteroide Bennu e dei pendii rocciosi circostanti.
Questa serie di ologrammi fornisce una vista 3D del grande masso di 52 metri (170 piedi) che sporge dall’emisfero meridionale dell’asteroide Bennu e dei pendii rocciosi circostanti. La coppia stereo è stata sviluppata dagli scienziati dell’elaborazione delle immagini olografiche Dr. Brian May, che è anche il chitarrista solista del gruppo rock Queen, e Claudia Manzoni. © NASA/Imago

Ha aggiunto che la natura aspra pone un nuovo problema. “Vedere la superficie di Bennu in questo modo ha evidenziato la spaventosa realtà di questo asteroide”, ha scritto Loretta. “Era ben oltre le nostre capacità originali come veicolo spaziale. All’inizio sembrava che la nostra missione fosse impossibile, come se non avremmo mai trovato un luogo adatto per l’addestramento.

Problemi di atterraggio sull’asteroide Bennu

Poi le foto di May hanno mostrato un buco – un buco di usignolo, per l’esattezza. Sebbene una roccia conosciuta come “Monte della Morte” incombesse precariamente sul suo bordo, il colore del cratere Nightingale suggerisce che fosse pieno di antica regolite, o una coltre polverosa di sedimenti che potrebbe far luce sulla storia di Bennu. Gli scienziati hanno deciso che il braccio robotico della navicella dovesse atterrare a questo punto e iniziare a raccogliere campioni.

Nell’ottobre 2020, sono stati prelevati campioni da una superficie che, sorprendentemente, si comportava come una “bolla liquida”, come ha spiegato Loretta al Washington Post, il prodotto della debole gravità che tiene insieme le molecole in modo lasco, trasformando l’asteroide in un cratere sferico. . . L’atterraggio è stato catturato in un frammento 3D che May ha messo insieme al team, mostrando frammenti di polvere e schegge che volano in giro, alcuni dei quali nella camera dei campioni OSIRIS-REx.

Nel 2021, quando la navicella spaziale iniziò il suo viaggio di ritorno sulla Terra, OSIRIS-REx aveva raccolto circa 250 grammi di materiale, più dei 60 grammi originariamente previsti per la prima missione di ritorno di campioni della NASA.

Il 24 settembre, questi campioni hanno finalmente raggiunto la Terra dopo essere stati paracadutati dallo spazio nel deserto dello Utah. La navicella spaziale, ora diretta verso l’asteroide Apophis, lasciò cadere la scatola da una distanza di 63.000 miglia. Dopo una caduta di quattro ore, la scatola è atterrata, completamente in posizione verticale, allo Utah Test and Training Range, dove è stata raccolta per ulteriori esami.

La rock star Brian May non era presente allo sbarco

Tuttavia, May non ha potuto assistere di persona allo sbarco fuori dal pianeta, come era accaduto negli anni ’70, a causa dei suoi impegni da rock star.

“Attualmente sto provando per la corsa dei Queen, ma il mio cuore è con voi mentre questo prezioso esemplare viene recuperato”, ha detto May in un video trasmesso sulla TV della NASA il 25 settembre.

Cosa c’è nella scatola del campione rimane un mistero perché “la conservazione iniziale del campione OSIRIS-REx dell’asteroide Bennu sta procedendo più lentamente del previsto, ma per la migliore ragione: il campione è in corso”, ha detto la NASA in un comunicato stampa. Sopra”.

Potresti sospettare che potrebbe trattarsi di qualcosa di insolito.

“Se questa scatola di materiale proveniente dalla superficie di Bennu venisse aperta, potrebbe rivelare segreti indicibili sulle origini dell’universo, le origini del nostro pianeta e le origini della vita stessa”, ha detto il chitarrista in un video sul suo sito web. “Che giornata incredibilmente emozionante.”

Forse questa è la giustificazione per una canzone come l’inno spaziale che May pubblicherà nel 2019 per commemorare il sorvolo della NASA New Horizons dell’oggetto più lontano del nostro sistema solare mai visitato da un veicolo spaziale – un’altra missione spaziale alla quale ha contribuito.

Attualmente stiamo testando le traduzioni automatiche. Questo articolo è stato tradotto automaticamente dall’inglese al tedesco.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in inglese il 3 ottobre 2023 su “washingtonpost.com” è stato pubblicato nell’ambito della collaborazione ed è ora disponibile anche in traduzione per i lettori dei portali IPPEN.MEDIA.