Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La propaganda “pappagallo” di Putin? Lola si arrende

La propaganda “pappagallo” di Putin?  Lola si arrende
  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

da: Storione Cristiano

Il capo di Stato brasiliano Lula accusa l’Occidente di “alimentare la guerra in Ucraina”. Ciò provoca aspre critiche. Lola reagisce.

Brasília – Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva sta indietreggiando – almeno un po’. Dopo le aspre critiche degli Stati Uniti, il capo di stato del Brasile ha condannato l’invasione russa, definendola “una violazione dell’integrità territoriale dell’Ucraina”. Allo stesso tempo, durante una visita a Brasilia del presidente rumeno Klaus Iohannis martedì (18 aprile), Lula ha sottolineato che il suo governo continua a sostenere una “soluzione politicamente negoziata del conflitto”.

Lula da Silva ha chiesto la fine della guerra, sottolineando che Stati Uniti e Unione Europea condividono la responsabilità. “Gli Stati Uniti devono smettere di alimentare la guerra e iniziare a parlare di pace”, ha detto Lula qualche giorno fa durante una visita in Cina. Anche l’Unione europea deve cominciare a parlare di pace. Lula chiede colloqui di pace guidati dalla Cina, anche se ciò significa che l’Ucraina deve cedere il suo territorio.

Luiz Inácio Lula da Silva. © Marcelo Camargo / Agencia Brasil / dpa

Accusa dagli Stati Uniti: Lula prende propaganda dalla Russia nella guerra in Ucraina

Poi gli Stati Uniti hanno accusato il Brasile di aver adottato la propaganda russa nella guerra in Ucraina. Tuttavia, lunedì un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha risposto con rabbia: “In questo caso, il Brasile sta ripetendo a pappagallo la propaganda russa e cinese senza nemmeno considerare i fatti”, ha detto John Kirby. Tali dichiarazioni sul conflitto in Ucraina sono “profondamente problematiche”.

Chiunque voglia essere preso sul serio come mediatore di pace in questo conflitto dovrebbe visitare entrambe le parti. Non solo Russia. Bruna Santos ha dettoDirettore dell’Istituto Brasile del Centro Wilson. agenzia di stampa Reuters Ha citato una fonte anonima a Washington, DC, secondo cui i funzionari statunitensi avevano comunicato privatamente alle loro controparti brasiliane il dispiacere dell’amministrazione Biden per le critiche di Lula sull’armamento dell’Ucraina.

Kyiv critica e invita Lola a visitare

Le critiche di Lula arrivano anche dall’Ucraina. Un portavoce del ministero degli Esteri ucraino ha detto martedì che Kiev sta osservando “con interesse” gli sforzi di Lula per risolvere il conflitto, ma ha criticato il governo brasiliano per “aver dato uguale peso alla vittima e all’aggressore”. “La guerra infuria sul suolo ucraino, causando indicibili sofferenze e distruzioni”, ha aggiunto Oleg Nikolenko. Allo stesso tempo, ha sottolineato che Lula ha ricevuto un invito a visitare Kiev “per comprendere le vere cause dell’aggressione russa e le sue conseguenze per la sicurezza globale”. L’Ucraina ha da tempo rifiutato categoricamente la proposta brasiliana di cedere la Crimea, annessa dalla Russia.

Il capo consigliere per la politica estera di Lula, Celso Amorim, ha liquidato le critiche definendole “ridicole”. Ci sono “diversi punti di accordo” tra Russia e Brasile, “ma il Brasile ha ripetutamente condannato l’invasione dell’Ucraina sotto l’attuale governo”, ha detto Amorim a una stazione televisiva. Globo News. A marzo, Amorim ha incontrato Vladimir Putin a Mosca per discutere le prospettive di pace.

Lavrov ringrazia il Brasile per il suo sostegno nella ricerca di una soluzione al conflitto ucraino

D’altra parte, il ministro degli Esteri brasiliano Mauricio Vieira ha confermato l’interesse del Brasile per una soluzione pacifica e ha criticato le sanzioni imposte alla Russia. “Tali misure hanno un impatto negativo sull’economia in particolare nei paesi in via di sviluppo”. Il Brasile, uno dei principali produttori agricoli mondiali, dipende dai fertilizzanti dalla Russia.

D’altra parte, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha ringraziato il Brasile per il suo sostegno nella ricerca di una soluzione. “Naturalmente, siamo interessati a porre fine al conflitto in Ucraina il prima possibile”, ha detto l’agenzia citando l’agenzia. bicchiere Lavrov, che lunedì era in visita nella capitale brasiliana, Brasilia. (C.S)