La polizia israeliana sta cercando di intimidire i critici?

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

Al: 10 luglio 2024 alle 14:50

La polizia israeliana arresta le persone per intimidirle? Questo è ciò che sostengono gli attivisti per i diritti umani. Vedono un tentativo di mettere a tacere i critici e limitare la libertà di espressione.

Di Nadia Armbrust e Pia Steckelbach, ARD Tel Aviv

Hussein Manna si appoggia allo schienale della sedia della scrivania nel suo ufficio e accende una sigaretta. Poi chiede il numero del suo cliente. Sa che questa conversazione richiederà tempo.

Dice che dal 7 ottobre ha rappresentato molte questioni legate all’espressione delle opinioni e alle sue conseguenze. Molti dei suoi clienti gli avevano raccontato degli arresti insoliti, ma solo nel caso della donna che ora rispondeva dall’altra parte del telefono c’era il video di quell’arresto – ed è diventato virale.

La donna è Rasha Harami, cittadina israeliana di origine araba. È stata intervistata telefonicamente in presenza del suo avvocato – una rara eccezione, poiché ha evitato di rilasciare dichiarazioni pubbliche dal suo arresto alla fine di maggio.

Hussein Manna è l’avvocato di Rasha Harami e muove gravi accuse contro la polizia israeliana.

Legato e bendato

È il 29 maggio, un mercoledì pomeriggio. Un ladro gestisce un salone di bellezza a Majd al-Krum, una cittadina nel nord di Israele. Dice che gli agenti di polizia sono arrivati ​​lì e l’hanno portata prima a casa sua e poi alla stazione di polizia locale.

Il video, divenuto poi noto sui social, inizia con l’arrivo di un ladro nel complesso di polizia. Lei è ancora in macchina. La polizia le ha spiegato che la stavano filmando. Sembra un po’ instabile davanti alla telecamera e non resiste quando la bendano con un pezzo di stoffa e le legano le mani con delle fascette.

Gli agenti di polizia le hanno ordinato di portare da sola la borsa da palestra, anche se era bendata e ammanettata. Ma Harami non vede nulla e lascia cadere la borsa. Poi il video finisce.

Rimangono molte domande: perché Al-Harami è stato arrestato? Perché è stata bendata e ammanettata con dei cavi nonostante fosse già in questura? Perché questo video è diventato pubblico? In breve: si è trattato di una dimostrazione di forza da parte della polizia israeliana?

“Atto di umiliazione”

Il tuo avvocato sta muovendo gravi accuse contro gli agenti di polizia. “Questo è stato un atto deliberato di umiliazione in modo che potesse imparare una lezione e non esprimere mai più la sua opinione”, ha detto Manna. “Il video è stato pubblicato per creare paura che questo sia ciò che attende le persone quando esprimono le loro opinioni sulla guerra a Gaza”.

La polizia lascia tutte le domande a Risposta Non c’è risposta a questa domanda, ma scrive semplicemente che la sospettata è stata arrestata perché i suoi messaggi contro i soldati israeliani e il governo potevano disturbare la quiete pubblica. La polizia non ha detto esattamente quali fossero i post.

L’avvocato di Al-Harami ha riferito che il suo cliente ha criticato due incidenti e ora viene incolpato. In seguito alle notizie dei media sugli attentati di Rafah, Al-Harami ha scritto che il primo ministro Benjamin Netanyahu stava bruciando bambini e gli ha attribuito la responsabilità di questi eventi.

In un altro post, ha criticato lo Stato per non aver ritenuto responsabili coloro che inneggiano “Morte agli arabi”. Ci sono manifestazioni quotidiane di ebrei di estrema destra che scandiscono questo slogan. Al-Harami ha commentato: “Come possono urlare una cosa del genere quando ci sono arabi nell’esercito? Come può il Paese rimanere in silenzio al riguardo?”

L’avvocato conferma che si trattava di pubblicazioni senza alcun incitamento o simpatia verso alcuna organizzazione. Tuttavia non ha potuto mostrare i post perché il cellulare di Harami era ancora in possesso della polizia.

Critiche da Procuratore generale

Quando è stato chiesto, la polizia non ha risposto perché Harami era bendata e ammanettata con dei lacci. Anche in questo caso il suo avvocato si lamenta: “Vediamo fascette durante gli arresti a Gaza o in Cisgiordania, è vietato arrestare cittadini israeliani e non esiste alcuna giustificazione legale per questo .” Me li ha fatti vedere.”

Pochi giorni dopo l’arresto di Al-Harami, la Pubblica Accusa ha criticato il comportamento della polizia in una dichiarazione e ha scritto, riferendosi al caso: Volevano chiarire che le indagini sui crimini di sedizione richiedono la previa approvazione della Pubblica Accusa.

In questo caso il consenso allo svolgimento dell’indagine non è stato richiesto e pertanto non è stato concesso. Non è chiaro il motivo per cui la polizia abbia deciso di mettere manette di plastica sulle mani della sospettata e di coprirle gli occhi.

La polizia fa rapporto al ministro israeliano della Sicurezza nazionale, di destra, Itamar Ben Gvir. Ha risposto rapidamente alle critiche del pubblico ministero. Scrive sulla piattaforma

Più di 1.000 arresti

Tutte le domande da Risposta Al momento in cui scrivo, il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale non ha lasciato alcuna risposta sui retroscena e sul metodo dell’arresto, sulla possibile cattiva condotta della polizia e sulle conseguenze che ne sono derivate. L’avvocato di Al-Harami ha presentato una denuncia contro la polizia. Ma non si aspetta alcuna conseguenza.

L’organizzazione per i diritti umani Adalah ha utilizzato una richiesta di libertà d’informazione per chiedere alla polizia israeliana quante persone sono state arrestate dal 7 ottobre per comportamenti inappropriati che potrebbero disturbare la pace pubblica. La polizia non ha bisogno della decisione del Pubblico Ministero a questo riguardo.

La stessa organizzazione indica che dal 7 ottobre 2023 alla fine di marzo di quest’anno sono state arrestate più di 1.130 persone con questa accusa. Questo numero è quasi tre volte superiore a quello delle persone ufficialmente detenute con l’accusa di incitamento al terrorismo e/o di appartenenza a organizzazioni terroristiche. Per fare ciò, la polizia ha bisogno dell’autorizzazione del pubblico ministero.

“Usa, ehm libertà di espressione restringere”

Il coordinatore dei media di Adalah, Ari Remez, afferma che la polizia abusa sistematicamente delle procedure legali per punire e scoraggiare i palestinesi che detengono la cittadinanza israeliana. Dall’inizio della guerra, gli agenti di polizia hanno pubblicato sui social media foto e video dei detenuti per umiliarli.

Harami non è un caso isolato, ma il suo video è quello diventato virale. Questo perché, a differenza dell’inizio della guerra, il mondo non guarda più solo a Gaza. L’ufficio del procuratore generale è sotto pressione per dimostrare che la legge si applica in Israele.

Adalah ritiene che il ministro Ben Gvir sia il principale responsabile del comportamento della polizia: usa la polizia per limitare illegalmente la libertà di espressione. Nel caso di Rasha Harami ha funzionato. “Non pubblico più in modo romantico, non mi piace più niente, ho paura perché tutti gli occhi sono puntati su di me.”

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...