Aprile 18, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La “pillola tascabile” per la fibrillazione atriale

La “pillola tascabile” per la fibrillazione atriale

Gli individui che raramente manifestano episodi di fibrillazione atriale possono essere in grado di evitare di assumere i farmaci ogni giorno: per loro, la terapia su richiesta può essere utile se interrotta in anticipo sotto controllo medico.

Tra il 2007 e il 2020, 273 pazienti hanno ricevuto un trattamento di “back-up” per la fibrillazione atriale presso l’ospedale dell’Università della Pennsylvania: hanno ricevuto flecainide o propafenone come farmaco di soccorso nel caso in cui sviluppassero fibrillazione atriale. Il 61% di loro ha ricevuto la prima dose del farmaco durante una degenza in ospedale o al pronto soccorso.

In generale, gli effetti collaterali erano rari, ma quando si verificavano, la maggior parte erano gravi: 11 pazienti presentavano effetti collaterali all’inizio, sette erano gravi e quattro necessitavano di un intervento urgente. Cinque dei sette pazienti con gravi effetti collaterali non hanno assunto la prima dose sotto controllo medico. I ricercatori, che hanno pubblicato lo studio su JACC Clinical Electrophysiology, ritengono che sia sicuro osservare la prima dose.

Le persone che assumevano una dose bassa inferiore a 300 milligrammi di flecainide o meno di 600 milligrammi di propafenone avevano meno probabilità di manifestare effetti collaterali. Tuttavia, il trattamento non è stato del tutto efficace neanche per loro, quindi hanno avuto bisogno di impulsi elettrici esterni abbastanza frequentemente per riportare il cuore in ritmo (cardioversione elettrica).

Fonte: DOI 10.1016/j.jacep.2022.07.010