La NASA lo ha trovato e ucciso decenni fa?

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Una missione della NASA negli anni ’70 scoprì la vita su Marte, ha detto un ricercatore. Durante gli esperimenti, la vita è stata accidentalmente “annegata”.

Francoforte – C’è vita su Marte? Questa domanda affascina l’umanità da tempo e, secondo la teoria di uno scienziato, la NASA avrebbe potuto rispondere affermativamente a questa domanda già negli anni ’70. Tuttavia, invece di confermare la scoperta della vita su Marte, il ricercatore Dirk Schulz-Makuch ritiene che la ricerca potrebbe aver inavvertitamente spazzato via quella vita.

Negli anni ’70, la NASA inviò due lander Viking su Marte. Ciascuno è dotato di quattro strumenti biologici per cercare la vita sul Pianeta Rosso – e alcuni test hanno già mostrato risultati positivi. Ma i risultati furono inconcludenti: in alcuni esperimenti si notarono cambiamenti che potevano – ma non erano necessariamente – dovuti alla vita organica. Lo scienziato Gilbert Levin, che all’epoca partecipò agli esperimenti, aveva ripetutamente sottolineato per anni che era possibile che la NASA avesse già scoperto la vita su Marte. Ma la maggior parte della comunità di ricerca non è d’accordo.

La navicella spaziale Viking della NASA esplorò Marte negli anni ’70. (Foto d’archivio) © NASA/JPL

Trovare la vita su Marte? Ne sono convinti due ricercatori

Ora entra in scena un altro scienziato e sostiene la tesi di Levin. Dirk Schulze-Makuch, astrobiologo dell’Università Tecnica di Berlino, scrive in uno di questi articoli Articolo ospite sul portale Big Think: “Ho avanzato un suggerimento che alcune persone potrebbero trovare provocatorio: abbiamo trovato la vita su Marte quasi 50 anni fa, ma l’abbiamo uccisa accidentalmente.”

Per comprendere la teoria di Schulze-McCuch, è necessario conoscere gli esperimenti condotti dalle sonde Viking in quel periodo e quali erano i loro risultati. Esperimenti mirati al metabolismo microbico e alla sintesi organica hanno trovato prove di vita, mentre un altro strumento non ha prodotto tali risultati. Uno strumento progettato per la ricerca di composti organici rilevò tracce di materia organica clorata, ma all’epoca fu interpretata come inquinamento proveniente dal suolo.

Ricerca sui composti dell’arancia e sui composti contenenti carbonio
Ha cercato di metabolizzare aggiungendo nutrienti rilevabili radioattivamente al terreno
Testato per la fissazione del carbonio da parte di potenziali organismi fotosintetici
Ha studiato come cambiano i gas associati alla vita (ossigeno, anidride carbonica e azoto).

Si dice che le sonde Viking della NASA abbiano scoperto la vita su Marte

Lo scienziato del progetto “Vikings” Gerald Sauvin ha poi pronunciato la frase “niente corpi, niente vita”. Ma oggi le cose potrebbero sembrare diverse, come sospetta Schulze-Makuch nel suo articolo. Molte cose sono cambiate nella ricerca su Marte dai tempi delle sonde Viking. Molti lander e altri rover hanno visitato ed esplorato Marte, molti dei quali hanno scoperto composti organici sul Pianeta Rosso, più recentemente il rover Perseverance della NASA. “Sovin direbbe ancora categoricamente oggi che i risultati dei test di Viking sono stati negativi?” si chiede Schultz-Makuch.

Nel suo articolo, Schulz-Makuch approfondisce questo problema: poiché la Terra è un pianeta acquatico, all’epoca si pensava di aggiungere acqua agli esperimenti su Marte per “attirare” la vita fuori dall’ambiente marziano estremamente secco. In retrospettiva, tale approccio potrebbe non essere stato ottimale, ha affermato. Lui e altri esperti hanno ora scoperto che negli ambienti estremamente secchi della Terra ci sono microbi che vivono nelle rocce salate e non hanno bisogno della pioggia: a loro è sufficiente una certa quantità di umidità nell’atmosfera.

Gli esperimenti potrebbero aver “sommerso” la vita su Marte

Se si versa acqua su questi microbi adattati alla siccità, li si “annega”, dice Schulze-Makuch, che fa un interessante paragone: “Sarebbe come se un’astronave aliena ti trovasse mezzo morto nel deserto e decidesse, “Gli esseri umani hanno bisogno di acqua, prendiamo questo ragazzo.” Al mare per salvarlo. Nemmeno questo funzionerà.”

Teoria del mondo: molti degli esperimenti dei Vichinghi riguardavano l’acqua. È possibile che l’aggiunta di acqua abbia causato la morte dei microbi dopo un po’, il che potrebbe spiegare alcuni dei risultati ambigui. Secondo Schulze-Makuch, gli esperimenti condotti senza aggiunta di acqua hanno mostrato segni di vita su Marte.

Bollettino satellitare

Iscriviti alla newsletter dello spazio libero e rimani aggiornato.

La teoria dei ricercatori potrebbe essere testata da una nuova missione su Marte

Lo scienziato porta la sua teoria un ulteriore passo avanti: sostiene che la vita microbica su Marte potrebbe contenere perossido di idrogeno nelle sue cellule per estrarre l’acqua direttamente dall’atmosfera. “Se assumiamo che la vita indigena marziana possa essersi adattata al suo ambiente incorporando il perossido di idrogeno nelle sue cellule”, ha scritto Schulze-Makuch, “questo potrebbe spiegare i risultati del progetto Vikings”. ucciderebbe le cellule marziane e verrebbe prodotta anche una grande quantità di anidride carbonica, che è esattamente quella misurata da uno strumento all’epoca, secondo Schulze-Makuch.

Ma come si determina se lo scienziato ha ragione? È stata davvero scoperta la vita su Marte negli anni ’70? Proprio come Gilbert Levin, Schulz-Makuch chiede una nuova missione su Marte. Secondo lo scienziato, questo dovrebbe essere dedicato principalmente alla ricerca della vita per testare le sue e altre teorie. “Non vedo l’ora di iniziare una missione come questa”, ha scritto Schulze-Makuch.

Gli attuali rover su Marte della NASA, Perseverance e Curiosity, mirano a scoprire se un tempo era possibile la vita su Marte, ma non sono dotati di esperimenti biologici per rilevare effettivamente la vita attuale. (fattura non pagata)

Per scrivere questo articolo il team editoriale ha utilizzato l’assistenza automatizzata. L’articolo è stato attentamente esaminato dalla redattrice Tanya Banner prima della pubblicazione.

Related articles

Gli alpinisti in Italia hanno bisogno di essere salvati dalla neve sulle Dolomiti

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 14 luglio 2024, 19:28Da: Martina LieblPremeredivisoUn tour delle Dolomiti si conclude in modo drammatico...

I prezzi delle auto piccole sono aumentati notevolmente e l’acquisto di una nuova auto è diventato quasi impossibile

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 22:27da: Marco HofstetterInsisteDivideSecondo uno studio dell'ADAC, le nuove utilitarie con...

Laura Wintoura racconta la sua vita da single e parla del partner dei suoi sogni

A sorpresa, Laura Wintoura parla della sua vita privata.Foto: Andreas Rentz/Getty ImagescelebritàLaura Wintoura è una delle presentatrici di...

La scienza vuole aggiornare la definizione del pianeta: l’ultima volta che Plutone è stato retrocesso

Home pageLo sappiamostava in piedi: 14 luglio 2024, 21:03da: Tanja BannerInsisteDividePlutone è un pianeta nano. Questo è...