Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La NASA fa una misteriosa scoperta su un pianeta lontano

La NASA fa una misteriosa scoperta su un pianeta lontano
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Il telescopio spaziale James Webb ha rilevato metano nell’atmosfera del pianeta “caldo Giove” WASP-80b. (Impressione dell’artista) © NASA

Il telescopio spaziale James Webb rivela un segreto su un pianeta extrasolare lontano: lì c’è metano. Come appariva il gas su WASP-80b?

Washington, DC – Un gruppo di ricerca dell’agenzia spaziale americana NASA ha scoperto il metano nell’atmosfera di un pianeta extrasolare. Ciò che a prima vista può sembrare poco interessante è in realtà molto interessante. Perché il metano può essere creato attraverso processi biologici, cioè prodotto da organismi viventi. Di conseguenza, il rilevamento di metano su un UFO provoca sempre eccitazione e uno sguardo più da vicino all’oggetto.

Il metano può resistere solo per breve tempo alla luce del Sole o di altre stelle. Occorre quindi un “rinnovamento” costante. Questo è l’unico modo in cui è possibile rilevare una quantità sufficiente di metano nell’atmosfera. Ciò è particolarmente vero per i pianeti simili alla Terra. Se un pianeta roccioso contiene metano, la fonte del gas deve essere grande, come sulla Terra. Sul nostro pianeta il metano è prodotto da microrganismi, piante e funghi, ma anche da animali come pecore e bovini. Tuttavia, esistono anche fonti di metano che non sono indicative di vita, come le eruzioni vulcaniche.

La NASA rileva gas metano sull’esopianeta WASP-80b

Nel nostro sistema solare, ad esempio, su Marte è stato scoperto il metano, ma non è stata ancora trovata alcuna forma di vita ad esso associata. In generale, la ricerca presuppone che la maggior parte del metano sia prodotta attraverso un processo chiamato serpentinizzazione, in cui il minerale olivina viene convertito utilizzando acqua. L’olivina si trova comunemente nel mantello superiore della Terra, ma non nei pianeti gassosi perché non sono fatti di roccia.

Tuttavia, il James Webb Space Telescope (JWST) ha rilevato metano su un pianeta gassoso al di fuori del nostro sistema solare. L’esopianeta WASP-80b è un pianeta gigante gassoso in orbita attorno a una stella nana rossa a 162 anni luce dalla Terra. Il gruppo di ricerca presenta i suoi risultati Nella rivista specializzata natura pubblicato Dopo aver scoperto il metano, ne è diventato assolutamente certo: “Non solo abbiamo trovato una molecola sfuggente, ma ora possiamo anche indagare su cosa dice questa composizione chimica sulla formazione, crescita ed evoluzione del pianeta”.

Grazie alla scoperta del metano la ricerca può imparare molto sul pianeta WASP-80b

In effetti, il metano ci dice molto sui ricercatori: misurando la quantità di metano e acqua sul pianeta, si può dedurre il rapporto tra gli atomi di carbonio e di ossigeno sul pianeta lontano. Questo rapporto, a sua volta, fornisce indizi sul fatto che il pianeta si sia formato vicino o lontano dalla sua stella. “Con una temperatura di circa 550 gradi Celsius, WASP-80b è quello che i ricercatori chiamano un ‘Giove caldo'”, hanno spiegato il leader dello studio Taylor Bell e il suo coautore Louis Wilbanks. Sul sito della NASA.

I ricercatori sono particolarmente contenti di una cosa: “La NASA ha già inviato in passato sonde spaziali sui giganti gassosi del nostro sistema solare per misurare la quantità di metano e altre molecole nella loro atmosfera. Misurando lo stesso gas su un pianeta extrasolare, possiamo Ora possiamo fare un confronto completo e scoprire cosa Se ciò che ci aspettiamo dal sistema solare corrisponde a ciò che vediamo al di fuori del sistema solare.

In futuro il telescopio spaziale James Webb utilizzerà strumenti aggiuntivi per esaminare l’esopianeta WASP-80b. Il gruppo di ricerca è già convinto: “Il viaggio di scoperta con il telescopio spaziale James Webb è pieno di potenziali sorprese”. (fattura non pagata)