Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La missione contro Nadal: il momento più bello di Zverev nel momento della sconfitta più profonda

DottSolo le sue grida acute furono spezzate dai suoi singhiozzi mentre si contorceva tra le ceneri rosse di Parigi. 15.000 spettatori a corte Philippe Chatrier hanno assistito al dramma. Alexander Zverev, questo atleta orgoglioso e sicuro di sé, pieno di forza ed energia, è diventato improvvisamente estremamente debole e indifeso. I tentativi riflessivi di stare in piedi non hanno avuto successo. Una distorsione alla caviglia mentre scivolava su una linea di fondo ha fatto sì che il gigante di 1,98 metri fosse improvvisamente sbalzato in posizione orizzontale e, con l’aiuto dei fisioterapisti, poco dopo su una sedia a rotelle.

Potrebbe essere il dolore alla caviglia destra che ha portato in primo piano sentimenti intensi. Molto probabilmente, però, il dolore psicologico ha causato la reazione: sono esplose amarezza, delusione e rabbia. Era chiaro che Zverev, subito dopo la tragica caduta, non poteva più continuare a giocare questa partita, che avrebbe dovuto essere uno dei più grandi scontri della sua carriera. un compito. Fine. è finita.

“Sembra che io abbia un grave infortunio”, ha detto Zverev più tardi in un videomessaggio.

Grande dolore: Alexander Zverev infortunato a terra

Fonte: dpa / Thibault Camus

È stato un istante, solo un piccolo passo falso, che ha rallentato la sua corsa al trono del tennis nelle semifinali degli Open di Francia. Nelle sue settimane a Parigi, Zverev sembrava pronto per il grande successo, maturo, in forma e concentrato. Ma ora tutto è eliminato in una volta: l’occasione di battere il re dei campi in terra battuta Rafael Nadal nel suo salotto è mancata, ed è esploso il sogno della prima vittoria in uno degli Slam, impedendo anche il salto al primo posto in le classifiche mondiali. . Questo fine settimana avrebbe potuto inaugurare una nuova era nel tennis; Invece, ci sarà una pausa e la durata delle ulteriori indagini di sabato dovrebbe fornire informazioni.

Dopo essere stato ferito, Alexander Zverev deve essere portato su una sedia a rotelle e spinto fuori dal campo

Dopo essere stato ferito, Alexander Zverev deve essere portato su una sedia a rotelle e spinto fuori dal campo

Fonte: dpa / Thibault Camus

Leggi anche

Le tante domande sollevate dal precedente elettrizzante match sono rimaste senza risposta. La cosa più eccitante: Rafael Nadal avrà ancora riserve di forza sufficienti al suo 36esimo compleanno per resistere a una partita di questa intensità in quattro o anche cinque set? Lo spagnolo era in vantaggio 7:6, 6:6 al momento dell’incidente, ma ha continuato a deteriorarsi fisicamente nel secondo turno, afflitto dalle conseguenze della sua malattia cronica del piede. Che tragico punto che alla fine sia stato il piede di Zverev a portare la saga alla sua fine brusca e immeritata.

Nadal torna con Zverev

Ancora più sorprendenti sono le scene che si sono svolte più tardi allo stadio Roland Garros. Zverev è stato spinto verso le catacombe su una sedia a rotelle per farsi controllare i piedi. La sua resa non era ufficiale in quel momento, ma chiunque avesse sentito l’urlo o visto al rallentatore l’angolazione anormale del suo piede al momento dell’incidente sapeva che non ci sarebbe stato ritorno.

Prevedere un infortunio ai legamenti: il piede di Zverev è rimasto incastrato nella sabbia

Prevedere un infortunio ai legamenti: il piede di Zverev è rimasto incastrato nella sabbia

Credito: AFP/Thomas Stevens

Ma l’hamburger è tornato in campo dopo sei minuti e ha mostrato una reazione netta nonostante abbia vinto 19 titoli e raggiunto la finale del torneo. US Open Può essere classificato come il momento più bello della sua carriera in questo momento. Con l’appoggio delle stampelle e piegando la gamba destra a piedi nudi, Zverev è tornato in rete tra gli applausi del pubblico.

Nadal, che lo ha seguito nello spogliatoio, ha dato l’impressione di un supporto silenzioso, camminando in diagonale dietro al suo avversario. Un ritratto bello e rispettabile che Zverev ha fatto brillare poco dopo. L’impetuoso, non a caso descritto come arrogante ed egoista, si è diretto alla poltrona dell’arbitro, ha stretto la mano a Raynaud Liechtenstein e ha ufficializzato l’incarico. Poi si è congratulato con Nadal, che ha ricambiato l’abbraccio.

Grande sport: Rafael Nadal e Alexander Zverev non hanno potuto giocare due set completi l'uno contro l'altro

Grande sport: Rafael Nadal e Alexander Zverev non hanno potuto giocare due set completi l’uno contro l’altro

Fonte: dpa / Christophe Ena

“È così difficile per lui. Mi dispiace così tanto. Ha giocato a tennis in modo incredibile”, ha detto Nadal. “So quanto ha lottato per vincere un Grande Slam. Sono sicuro che vincerà non solo una volta, ma molte volte”.

Sulla via del ritorno allo spogliatoio, lo sfortunato ragazzo ha approfittato degli applausi degli spettatori per prendersi una breve pausa. Ha alzato una stampella in segno di saluto e ringrazia il pubblico che ha cantato il suo pseudonimo “Sasha! Sasha!” Anche se la delusione è durata a lungo, almeno le prime lacrime si erano asciugate. Grandi gesti dopo una grande partita finora.

Il fatto che fossero già state giocate le ore 3:13 quando le due ineguali avversarie sono andate dritte a casa dal secondo set documenta la straordinaria intensità e tensione generata dal match, condotto come una battaglia di logoramento.

Leggi anche

+Tariffe richieste +++ Forfait 250€, - Stampa / Online +++ Lutz Wöckener in conversazione con Günther Bosch - tennista rumeno-tedesco e attuale allenatore di tennis.  Era un allenatore della nazionale giovanile del DTB e divenne noto come il personal trainer di Boris Becker quando vinse il suo primo campionato a Wimbledon nel 1985.

“Non è sfortunato?”

“Muovi le linee con stile” è stato lo slogan ideato dallo staff marketing della Federazione francese di tennis in occasione del loro più grande torneo dell’anno: oltrepassare i confini con stile.

Non solo Nadal, che ha costantemente riportato Zverev fuori dal telone verde alla fine dell’arena, a quanto pare capisce. In ogni caso, il tempo e lo spazio non giocano più un ruolo sotto il tetto chiuso per pioggia.

Il tennis di livello mondiale, come ha mostrato solo ai Campionati olimpici di tennis di Tokyo, ha inizialmente dato a Zverev un vantaggio di 4:2, che in seguito è diventato più aggressivo, trasformandolo in 4:5, segnalando che aveva finito. Per lui, non si atterrebbe ai quattro o cinque litri che normalmente suda durante una partita al giorno. A metà del memorabile primo set, il maiorchino ha sudato così tanto che il liquido in tasca ha influito sulla sua seconda di servizio. Le palle bagnate non erano favorevoli a giocare il miglior gioco di spin.

Leggi anche

Push-up sulla spiaggia di Rodi

Ha sbagliato tre calci piazzati prima che Zverev pareggiasse per il 5:5 e ha sbagliato un piccolo calcio piazzato imballato come break ball quando Nadal ha servito. Nel tiebreak il tedesco sembrava incapace di battere 6:2, ma ha anche sbagliato quattro occasioni di fila a causa di colpi strepitosi dell’avversario. Quando Nadal ha usato la sua sesta occasione per raggiungere 10:8 nel tiebreak poco dopo, aveva già giocato 98 minuti, il set più lungo del torneo.

Ha subito chiesto tributo. L’arena dei due lottatori appena scavata è stata pulita mentre Nadal indossava abiti asciutti. Anche a causa dell’anticipo dei tempi, il setup dava l’impressione che non solo si giocasse un altro girone, ma si giocasse anche una seconda partita.

Leggi anche

Un momento di vittoria, immagine iconica: Boris Becker festeggia la sua prima vittoria a Wimbledon.  Gunther Bosch in seguito scrisse:

Nadal, che, come Zverev, aveva lavorato per più di 14 ore agli Open di Francia, non aveva le forze per farlo. Le sue ferite avevano già posto fine a molte altre carriere da giocatore. Alcuni potrebbero trovare irresponsabile che dopo 13 vittorie al Bois de Boulogne, vada ancora lì per aggiungere 14 finalisti alla sua serie. Ma potrebbe voler usare quest’ultimo post per dire addio al palcoscenico in cui è il suo più grande successo.

I sacrifici che è disposto a fare non hanno eguali. Aveva lasciato il campo di allenamento di Jan Bowen zoppicando il giorno prima delle semifinali. I suoi problemi ai piedi sono cronici e le sue due partite di maratona contro Felix Auger-Aliassime e Novak Djokovic questa settimana avrebbero dovuto aumentare il dolore a un livello che difficilmente poteva sopportare. È riuscito a superare gli Open di Francia solo per due settimane con il costante supporto del suo medico personale.

Comunque, le prime conseguenze sono apparse nella seconda frase. I suoi movimenti sono diventati più lenti e il più delle volte era in ritardo con i suoi pugni. Nadal ha cercato di ridurre gli assembramenti, evitando quelli lunghi e dando sempre più l’impressione che una partita di quattro o cinque set di questa intensità non fosse più possibile. Il secondo round è stato caratterizzato da una lotta contro il suo stesso corpo: Rafa Nadal e i Forty Villains.

Cosa può tollerare il corpo?  Rafa Nadal e i quaranta bastardi

Cosa può tollerare il corpo? Rafa Nadal e i quaranta bastardi

Credito: AFP/Christophe Archambault

E Zverev? Nonostante abbia perso il primo set, ha portato tutte le briscole sulla sua racchetta. Alla fine, quando lo spagnolo ha rinunciato alla sua quarta partita dopo le prime tre, lo slancio è stato dalla parte dell’avversario.

La tedesca ha però mostrato ancora una volta una mancanza di determinazione, che non solo ha ricordato al fratello, appeso al microfono dell’emittente televisiva “Eurosport”, la finale degli US Open 2020, che ha perso incautamente e nonostante il vantaggio del girone 2-0. . Un doppio fallo gli è costato 5:2, due delle possibili combinazioni vinte in un rapporto di 6:3.

Quindi la lotta di Nadal ha mantenuto la mente e il suo fisico con un significato. Se non fosse in grado di fare grandi cose da solo, potrebbe semplicemente rimanere in gioco e fidarsi delle debolezze del suo avversario. Per fare 5:5 ha servito per la prima volta nel round. 6:6 Poi è sfociato nell’errore di Zverev, che con il dritto non aveva la posizione ottimale sulla lunga e si è storto la caviglia… Che finale insoddisfacente. Per tutti.

“Tornare alla finale di Parigi è un sogno – ha detto Nadal dopo la demolizione -. Ma in questo momento è difficile trovare le parole quando l’ho visto piangere negli spogliatoi”.

READ  Il presidente del Barcellona Joan Laporta critica l'assegnazione dei biglietti al Camp Nou ai tifosi dell'Eintracht Francoforte.