Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La metà dei casi può essere prevenuta

La metà dei casi può essere prevenuta
  1. 24vita
  2. Vivi sano

Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte in Germania. Ma non sei in balia della pressione alta o di un infarto.

Uno stile di vita non sano aumenta il rischio di malattie. Ciò vale anche per i problemi al cuore e alla circolazione sanguigna, che sono la causa di morte più comune in Germania. Secondo l’Ufficio federale di statistica, nel 2021 sono morte 340.619 persone a causa di malattie del sistema circolatorio. Pertanto, per il bene della salute, si dovrebbero investire molte energie nel trattamento e nella prevenzione di infarti, ictus e ipertensione. Questo tipo di cura di sé sta diventando sempre più importante alla luce di un nuovo studio.

Recentemente gli scienziati sono riusciti a dimostrare che circa la metà delle malattie che colpiscono il cuore e i vasi sanguigni (malattie cardiovascolari) possono essere prevenute. Il motivo: i fattori di rischio modificabili sono responsabili di circa il 50% di tutte le malattie cardiache. I ricercatori sul Dr. Christina Magnussen, PD, cardiologa clinica presso il Centro universitario per le malattie cardiovascolari dell’Ospedale universitario di Amburgo-Eppendorf (UKE). Lo studio è stato condotto dall’UKE in collaborazione con la Federazione mondiale per il rischio cardiovascolare e il Centro tedesco per la ricerca cardiovascolare.

Ma quali fattori di rischio modificabili sono responsabili della metà di tutte le malattie cardiovascolari?

Obesità, ipertensione e diabete aumentano i problemi cardiaci

Secondo il gruppo di ricerca guidato da Magnussen, le seguenti cause di problemi cardiaci sono direttamente collegate a più della metà di tutte le malattie cardiovascolari:

  • sovrappeso
  • ipertensione
  • Livelli elevati di colesterolo
  • fumare
  • diabete
L’obesità favorisce lo sviluppo di infarti e ictus. © Bond5/Imago

Non perdetevi nulla: trovate tutto ciò che riguarda la salute nella newsletter periodica del nostro partner 24vita.de.

Secondo il comunicato stampa dell’UKE, l’ipertensione è di fondamentale importanza nel verificarsi di infarti e ictus. “Il nostro studio mostra chiaramente che più della metà degli infarti e degli ictus possono essere evitati controllando e trattando i classici fattori di rischio. Questi risultati sono di fondamentale importanza se vogliamo migliorare la prevenzione in questo settore. Allo stesso tempo, circa il 45% dei casi malattie cardiovascolari in tutto il mondo In tutto il mondo, questi fattori di rischio non possono essere spiegati e dovrebbero motivare noi e gli enti finanziatori accademici a intraprendere maggiori sforzi di ricerca”, afferma il professor Stefan Blankenberg, direttore medico del Centro cardiovascolare dell’Università. dal Regno Unito comunicato stampa citato.

Prevenire efficacemente gli attacchi di cuore

Secondo i responsabili dello studio, uno stile di vita sano può ridurre significativamente il rischio di malattie cardiovascolari. Secondo i ricercatori un ruolo importante è svolto soprattutto dall’abbassamento della pressione alta o dei livelli di colesterolo. Nel mondo“Una cosa è ormai certa: circa il 50% di tutte le malattie cardiovascolari sono completamente prevenibili”, ha affermato Blankenberg. “I risultati di questo studio avranno un enorme impatto sulle misure preventive e, in ultima analisi, sull’intero trattamento medico, perché soprattutto l’ipertensione deve essere curata”. essere affrontati.” Controlli e aggiustamenti più rigorosi.

Controlli regolari dal medico aiutano a identificare e curare tempestivamente le malattie circolatorie. È anche importante condurre uno stile di vita sano che includa una dieta equilibrata e molto esercizio fisico. Ridurre lo stress è anche un vero protettore del cuore.

Maggiori informazioni sullo studio L’impatto globale dei fattori di rischio modificabili sulle malattie cardiovascolari e sulla mortalità.

data di rilascio: 26 agosto 2023

pubblicato Nel New England Journal of Medicine

Dominio: 1,5 milioni di persone provenienti da 34 paesi

Autori dello studioIl gruppo di ricerca sul Dr. Christina Magnussen della Clinica Cardiologica del Centro Universitario per le Malattie Cardiovascolari dell’Ospedale Universitario di Amburgo-Eppendorf

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita del medico. Sfortunatamente, il nostro team editoriale non può rispondere a domande individuali sulle immagini cliniche.