Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La mente dopo mezzanotte: perché di notte ci comportiamo semplicemente in modo diverso

La mente dopo mezzanotte: perché di notte ci comportiamo semplicemente in modo diverso

Fenomeno psicologico Mente dopo mezzanotte: perché di notte ci comportiamo in modo diverso e non è del tutto dannoso

Alcune persone restano sveglie di notte e sono tormentate da pensieri malvagi. Secondo una teoria, c'è una ragione logica per questo

© Andrey Lysenko/Getty Images

Di notte agiamo in modo più impulsivo, viviamo tutto in modo più intenso e siamo più inclini alla ruminazione. Almeno questo è ciò che dice il “Fenomeno mentale dopo mezzanotte”. Spieghiamo cosa c'è dietro.

C'è qualcosa di magico nella notte. Quando siamo fuori, siamo immersi in un mondo colorato dove a volte sembra che tutto sia improvvisamente possibile. Col favore dell'oscurità, all'improvviso osiamo fare cose che durante il giorno ci sembrerebbero del tutto ridicole: ballare sotto la pioggia, baciare la persona che ci piace per la prima volta, tuffarci nudi nel lago al chiaro di luna. Almeno quando siamo in buona forma. È anche vero che i tassi di suicidio aumentano di notte, vengono commessi più atti di violenza e ci perdiamo più rapidamente in circoli di pensiero negativi.

Ma perché dopo mezzanotte prendiamo così sul serio le preoccupazioni e le paure e allo stesso tempo ci sentiamo più liberi e spensierati rispetto al giorno? Anche gli scienziati se lo sono chiesto più e più volte. Una teoria popolare sul nostro comportamento a volte strano durante la notte descrive quello che viene chiamato il “fenomeno mentale dopo mezzanotte”.

Perché il nostro cervello cambia di notte?

Un gruppo di ricerca americano guidato da Andrew S. Tubbs dell'Università dell'Arizona ha coniato per primo il termine in un articolo sulla rivista Frontiers in Network Physiology. I ricercatori hanno valutato diversi studi e hanno spiegato il fenomeno con un cambiamento nel metabolismo cerebrale.

Di conseguenza, la nostra corteccia prefrontale – l'area del cervello responsabile, tra le altre cose, della nostra mente – smette di funzionare dopo mezzanotte e funziona solo in una sorta di modalità di risparmio energetico. Invece, l’amigdala – il nostro centro emotivo – diventa più attiva di notte. Questo da solo cambia molto, ma anche i nostri ormoni cambiano quando fa buio. L’aumento della secrezione dell’ormone del sonno, la melatonina, riduce anche la secrezione degli ormoni della felicità come la serotonina e la dopamina e diminuiscono i nostri livelli di cortisolo, importanti per la gestione dello stress.

Questi cambiamenti di vasta portata nel cervello appaiono in modo diverso da persona a persona. Tuttavia, i ricercatori concordano sul fatto che ognuno di noi funziona in modo leggermente diverso di notte rispetto a durante il giorno: agiamo in modo più motivato emotivamente, prendiamo decisioni più impulsive, cadiamo in una profonda ruminazione o improvvisamente abbiamo voglie. L’ultimo motivo è che di notte i processi cerebrali sono più intensi e quindi abbiamo bisogno di più energia. Poiché di notte il nostro controllo degli impulsi è più debole, di solito non mangiamo frutta o verdura, ma piuttosto cioccolato, piatti pronti o fast food.

Notte emozionante

La diminuzione dei segnali nella corteccia cerebrale dopo la mezzanotte è un altro fattore che può cambiarci. Di conseguenza, “funzioni cognitive come la memoria di lavoro, l’attenzione e la capacità di risoluzione dei problemi” si sono deteriorate. Ciò potrebbe a sua volta spiegare il crescente numero di incidenti notturni. Anche dal punto di vista statistico la violenza e il suicidio si verificano più frequentemente dopo la mezzanotte. Secondo il gruppo di ricerca, chiunque sia incline a pensieri negativi dovrebbe andare a dormire prima di mezzanotte.

Ma l’atmosfera notturna ci riserva anche cose positive. Sentimenti ed esperienze vengono percepiti più intensamente, la nostra creatività aumenta e diventiamo più coraggiosi quando si tratta di nuove esperienze. Non è un caso che spesso ci piace ricordare a distanza di anni le serate movimentate trascorse con i nostri amici. Ma anche questi piaceri, secondo gli scienziati, vanno goduti con moderazione, perché svegliarsi spesso di notte favorisce lo sviluppo di problemi psicologici come depressione, disturbi d'ansia e pensieri paranoici.

fonti: Studia la mente dopo mezzanotte, Notizie sulle neuroscienze, Educazione al sonno