Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La magistratura iraniana ha emesso una sesta condanna a morte sullo sfondo delle proteste

Aggiornato il 20/11/2022 22:12

  • In Iran, un altro uomo è stato condannato a morte in relazione alle proteste.
  • Il tribunale rivoluzionario di Teheran lo ha ritenuto colpevole di “aver estratto un coltello durante i recenti disordini con l’intento di uccidere, diffondere il terrore e destabilizzare la società”.
  • È la sesta condanna a morte comminata in relazione alle manifestazioni.

Altre ultime notizie

Nel Iran Un altro uomo è stato condannato a morte in relazione alle proteste. La magistratura iraniana ha dichiarato domenica sul suo sito Web Maysan Online che il tribunale rivoluzionario di Teheran lo aveva condannato per “aver estratto un coltello durante i recenti disordini con l’intento di uccidere, diffondere il terrore e destabilizzare la società”.

Le proteste non si sono fermate in Iran dalla morte di Mohsa Amini

È la sesta condanna a morte comminata in relazione alle manifestazioni. Le proteste hanno scosso l’Iran dalla morte di una giovane donna curda, Mohsa Amini, il 16 settembre. La 22enne è stata arrestata dalla polizia morale per aver indossato un hijab in modo inappropriato. Morì poco tempo dopo in ospedale. Gli attivisti accusano la polizia di aver insultato Amini.

L’artista, Hengama Ghassiani, è stato arrestato

Le autorità iraniane descrivono la maggior parte dei manifestanti come “rivoltosi” che vengono sfruttati da potenze straniere e stanno reprimendo le proteste con tutte le loro forze. Stanno anche prendendo provvedimenti contro i critici di spicco. Ad esempio, la nota attrice Hengameh Ghasiani è stata arrestata, secondo quanto riportato domenica dall’agenzia di stampa ufficiale (IRNA).

Leggi anche: Proteste in Iran: Ha ucciso almeno 18 persone in un giorno

READ  Russia: i veri attrattori al Cremlino

La 52enne, molto critica nei confronti della repressione delle autorità, sabato sera ha pubblicato un video su Instagram in cui si toglieva il velo in pubblico. “Questo potrebbe essere il mio ultimo post”, ha scritto. “Qualunque cosa mi accada, dovresti sapere che starò con il popolo iraniano fino al mio ultimo respiro”. La scorsa settimana, ha descritto il governo iraniano come un “assassino di bambini” e lo ha accusato di aver “ucciso” più di 50 bambini.

Le celebrità del cinema, dello sport e della politica sono sempre più prese di mira dalla magistratura

Secondo IRNA, Ghassani è stato arrestato per incitamento e sostegno a “rivolte” e per aver contattato i media dell’opposizione. Secondo Misan Online, altri sette personaggi del cinema, dello sport e della politica sono stati convocati dalla magistratura. Tra loro c’è Jahjah Golmohammadi, allenatore della squadra di calcio Persepolis di Teheran. Aveva criticato i giocatori della nazionale iraniana per “non aver fatto sentire la voce degli oppressi alle autorità”.

Per la prima volta l’Iran ha ammesso di aver inviato minacce alla Russia. Ma il ministro degli Esteri Hossein Amir Rabdalahian ha affermato che ciò è accaduto in “piccoli numeri” e mesi prima che la Russia invadesse l’Ucraina.