Maggio 22, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra nel Donbass: dove poche speranze per una vittoria russa

Aggiornato il 29/04/2022 alle 20:17

  • Il fiume Donbass nell’Ucraina orientale è al centro della guerra dal 2014.
  • I residenti bramano la fine delle ostilità.
  • Alcuni addirittura supportano gli invasori russi per questo.

un report

a partire dal
Dafne Russo, AFP

Puoi trovare altre notizie sulla guerra in Ucraina qui

Dall’inizio dell’offensiva russa nella regione del Donbass, l’esercito ucraino ha opposto una feroce resistenza. Ma non tutti nell’Ucraina orientale vogliono la vittoria sulla Russia. Che sia per senso di appartenenza, nostalgia per l’era sovietica o semplicemente per la speranza che la guerra possa finire presto, molti aspettano l’avanzata delle forze russe senza paura, se non speranza.

In uno dei mercati della città industriale di Lysychansk, Olina descrive il suo punto di vista: “Ufficialmente, siamo ucraini. Ma il Donbass non è l’Ucraina”. Gli ucraini sono “gli stranieri qui, non i russi”. Olina non è il vero nome di battesimo di una donna. E non vuole che il suo vero nome venga trasmesso, perché la sua opinione potrebbe metterla in “prigione”, ha detto.

Leggi anche: Tutte le informazioni attuali sulla guerra in Ucraina nel nastro della trasmissione in diretta

sostenere gli invasori

Per anni Mosca ha accusato il governo di Kiev di discriminare le persone di lingua russa nel Donbass. I separatisti filo-russi hanno parzialmente controllato la regione dal 2014. Il Cremlino afferma che l’obiettivo della sua offensiva militare è di “liberare” le regioni minerarie e petrolifere ancora sotto il controllo di Kiev.

In effetti, alcuni soldati ucraini si sentono già in territorio nemico. “Anche se avessimo fatto tutto il possibile per camuffare le nostre posizioni, i residenti qui forniscono informazioni su di noi dall’altra parte”, dice Irina, un sottufficiale dell’esercito ucraino. L’esercito di Kiev ha anche annunciato regolarmente l’arresto di “sabotatori” nel Donbass.

READ  New York: diverse persone sono rimaste ferite in una sparatoria in metropolitana

Vadim Lyakh, sindaco della città di Slaviansk, nel nord-ovest del Donbass, dice dell’umore tra parti della popolazione in vista del progresso russo: “Ci sono persone a cui, nella migliore delle ipotesi, non importa, peggio, vorrei che i russi lo facessero arrivo.”

Focus sull’est del paese e localizzazione delle acciaierie a Mariupol, nonché ammodernamento delle aree occupate dalle forze russe

© dpa infografica GmbH

Ricordi dell’era sovietica

La maggior parte della popolazione del Donbass parla russo. Mosca ha permesso a molti russi di stabilirsi nella regione dopo la seconda guerra mondiale. Una delle principali lamentele di molti residenti è che l’economia della regione è diminuita dal crollo dell’Unione Sovietica.

Per tre decenni, Olena ha lavorato in una raffineria di petrolio a Lysychansk. Durante l’era sovietica, il Donbass aveva “tutto”: “carbone, sale, industria chimica”, dice. “Mentre gli ucraini manifestavano in piazza, noi stavamo lavorando”, ha commentato le proteste del 2014 a Kiev che si sono concluse con il rovesciamento del governo filo-russo.

In un bunker nella città in prima linea di Severodonetsk, più di 160 residenti si sono riparati dai missili per due mesi. Molti di loro accusano l’esercito ucraino di aver bombardato il loro villaggio, non le forze russe.

Perché abbiamo paura dei russi?

Tamara, 77 anni, è seduta sul suo letto nel seminterrato della fabbrica Uschem a Severodonetsk.

© AFP / YASUYOSHI CHIBA

Tamara Doryuentko, un’insegnante di inglese in pensione, si siede su una branda nel seminterrato e legge Jane Austen in attesa che i bombardamenti finiscano. Perché abbiamo paura dei russi? chiedi a lei. “Abbiamo vissuto in Unione Sovietica per 70 anni. Siamo gli stessi”.

Tuttavia, il pensionato sembra essere lacerato. Dice di simpatizzare con Mosca, ma “ama anche” l’Ucraina – “un bel paese con molte libertà”. Ecco perché Doriwientko, secondo lui, ha preferito continuare a vivere in Ucraina. Ma presume che in futuro vivrà sotto il governo russo: “La decisione è stata presa per noi”, sottolinea.

Il sindaco Lyach afferma che le autorità ucraine possono fare poco per il sentimento filo-russo. Questa parte della popolazione vuole porre fine alla guerra e non vede “un problema nelle ostilità russe”. Ma Layak scommette che la distruzione di città di lingua russa come Mariupol e Kharkiv da parte delle forze d’invasione farà “cambiare idea” tra la comunità pro-Mosca.
© AFP

Giovedì Kiev è stata nuovamente l’obiettivo degli attacchi missilistici russi. Cinque missili sono caduti sulla capitale ucraina subito dopo un incontro con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, secondo il presidente Volodymyr Zelensky. Zelensky ha accusato la Russia di voler umiliare le Nazioni Unite. Secondo fonti ucraine, questo è stato il primo attacco missilistico in circa due settimane.