Novembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina: qui sarà pericolosa per la Finlandia! – Politica all’estero

Nel contesto della guerra in Ucraina e dei tentativi di Finlandia e Svezia di aderire alla NATO, un gruppo di isole spicca attualmente nel Mar Baltico: le Isole Åland. Secondo gli accordi internazionali, l’arcipelago finlandese gode di uno status speciale di neutralità militare dalla metà del 19° secolo e le forze armate potrebbero non essere di stanza lì. Di fronte alla minaccia russa, gli esperti militari avvertono che potrebbe incidere gravemente sulla difesa nazionale finlandese.

“Questo è il tallone d’Achille della difesa finlandese”, ha detto all’AFP il professor Albo Rossi, ex professore e consigliere presidenziale finlandese. “C’è preoccupazione che la Finlandia potrebbe non essere in grado di rispondere militarmente abbastanza rapidamente in caso di attacco a sorpresa alle Åland”. Tuttavia, la maggior parte della popolazione dell’isola, circa 30.000 abitanti, si oppone ancora a qualsiasi presenza militare.

Le isole Åland, in gran parte di lingua svedese, ora appartengono alla Finlandia, ma godono di un’ampia autonomia politica. La Svezia lo cedette dopo una guerra con l’Impero russo all’inizio del XIX secolo, insieme al resto di quella che oggi è la Finlandia. Poi Helsinki ottenne l’indipendenza da Mosca nel 1917, cioè 100 anni dopo. Le isole Aland rimasero finlandesi, ma a questo punto avevano già occupato una posizione speciale.

READ  Sembra che la Russia stia spostando molte truppe a Sevgerodonetsk

La neutralità militare dell’arcipelago risale a un trattato di pace del 1856. A quel tempo, Gran Bretagna e Francia occuparono le isole nella guerra di Crimea con la Russia e imposero la smilitarizzazione della regione strategicamente importante del Mar Baltico nel Trattato di Parigi. Dalla seconda guerra mondiale, questa situazione è stata monitorata dal consolato prima sovietico e poi russo a Mariehamn, la capitale dell’arcipelago.

Ogni giorno in questi giorni un gruppo di residenti si riunisce davanti all’alta recinzione di ferro che circonda il Consolato per manifestare contro la guerra russa in Ucraina. “Non hai affari qui. La Russia è sempre stata una minaccia”, ha detto all’AFP il manifestante Moss Wallen, 71 anni.


Un manifestante tiene un cartello con la scritta “Putin go home” il 1 giugno durante una protesta contro la guerra in Ucraina davanti all’ambasciata russa a Mariehamn, ÅlandFoto: Alessandro Rampazo/AFP

Gli esperti avvertono anche che la neutralità potrebbe non proteggere le Isole Åland da un attacco russo. “Perché dovremmo fidarci dell’idea che le truppe non prenderanno le Åland il più rapidamente possibile?”, afferma Charlie Salonius Pasternak, ricercatore presso l’Istituto finlandese per gli affari internazionali. Un sondaggio di giugno ha mostrato che il 58% dei finlandesi sostiene una presenza militare nelle Åland.

D’altra parte, Allanders vuole mantenere il loro status speciale e finora ha respinto con forza l’idea di porre fine alla smilitarizzazione. “Perché dovremmo cambiarlo? Penso che sia un fattore stabilizzante nella regione baltica”, ha detto all’AFP il primo ministro islandese Veronica Thorneross.

“Abbiamo sempre pensato: ‘Chi vuole attaccarci se non abbiamo nulla che valga la pena conquistare?'”, afferma Aländer Ulf Grussner, 81 anni. Sebbene siano stati sollevati dubbi su questo con la guerra in Ucraina, era ancora favorevole al mantenimento della neutralità militare delle isole.

Il governo finlandese afferma di non avere alcuna intenzione di affrontare la situazione speciale di Aland. Sarebbe comunque difficile, afferma Sia Spiliopollo Ackermark, direttrice dell’Aland Institute of Peace. La situazione di Aland deve essere vista olisticamente come un “nodo complesso” di autonomia, tutele culturali e disarmo.