Novembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina: l’apertura del centro di controllo per le esportazioni di grano

Stato: 27/07/2022 16:43

Il Centro di controllo del lavoro di Istanbul ha iniziato a monitorare le esportazioni di grano dalla Russia e dall’Ucraina. Ma anche prima del decollo della prima nave, Mosca minaccia già di rescindere l’accordo di esportazione.

Il centro di monitoraggio concordato da Russia e Ucraina per monitorare le esportazioni di grano dell’Ucraina è stato ufficialmente aperto a Istanbul. Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha dichiarato alla cerimonia di apertura che il centro darà un contributo significativo al superamento della crisi alimentare. Sono in corso i preparativi per la prima nave carica di grano che lasci l’Ucraina attraverso il Mar Nero.

Osservazione quando si entra nel Mar Nero

Le navi devono essere controllate quando attraversano il Bosforo, cioè quando entrano e escono dal Mar Nero, per assicurarsi che non portino armi o simili. Akar ha detto che il centro di coordinamento registrerà le navi mercantili e traccerà i loro movimenti via satellite, tra le altre cose.

Il centro fa parte di un accordo negoziato venerdì a Istanbul dalle Nazioni Unite e dalla Turchia per revocare il blocco dei porti ucraini. Secondo Akar, il centro è operativo da sabato.

La Russia bombarda Odessa – il giorno dell’accordo

La Russia si è impegnata venerdì nell’accordo di consentire alle navi di navigare su una rotta sicura e di non attaccare loro o i porti in questione. Tuttavia, l’esercito russo aveva ancora Odessa è stata bombardata con missili lo stesso giorno. Mosca aveva inizialmente negato questo, Il giorno successivo, ha confessato l’attentato. Il presidente ucraino Volodymyr Poi Silinsky ha accusato la Russia di aver violato il contratto Prima.

READ  Confine con la Bielorussia: la crisi migratoria porta a un'escalation di violenza - calma "relativa" in serata

Le porte iniziano a funzionare

Nel frattempo, i tre porti dell’Ucraina dedicati all’esportazione di grano hanno ripreso il loro lavoro. La Marina ucraina ha dichiarato che i porti di Odessa, Chornomorsk e Bivdnyi sono tornati operativi.

Tuttavia, gli esperti vedono sfide logistiche significative. L’Associazione internazionale degli armatori Pimco ha affermato che i porti di Odessa, Chornomorsk e Yuzhny “non hanno gestito una così grande quantità di grano negli ultimi cinque anni”. In particolare, Nils Rasmussen, analista di Bimco, ha affermato che la necessità di scortare le navi nei porti “probabilmente porterà a una certa congestione”.

Prima della guerra d’aggressione russa, l’Ucraina era uno dei più importanti esportatori di grano al mondo. Ma a causa della guerra, non è stato possibile esportare più di 20 milioni di tonnellate di grano dall’Ucraina.

La Russia minaccia di rescindere l’accordo

Ma prima che la prima nave per il grano partisse, Mosca stava già minacciando di far fallire l’accordo. Il viceministro degli Esteri russo Andrei Rudenko, secondo Interfax, ha chiesto che l’esportazione di grano dalla Russia e dall’Ucraina inizi contemporaneamente. Pertanto, gli ostacoli all’esportazione di grano russo devono essere rimossi rapidamente.

Apparentemente, questo significa sanzioni occidentali. In passato, la Russia ha apertamente posto fine al blocco dei porti ucraini del Mar Nero a causa dell’allentamento delle sanzioni occidentali impostele. Sebbene le sanzioni non mirino alle esportazioni di cibo e fertilizzanti dalla Russia, hanno effetti di ricaduta.

Mosca si lamenta del fatto che le navi russe che trasportano grano non possono più attraccare o assicurare nei porti europei. Ci sono anche problemi nel finanziamento di tali mosse a causa delle restrizioni nel settore finanziario.