Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra della Russia in Ucraina nel telegiornale: gli inglesi si aspettano più attacchi aerei russi nell’Ucraina meridionale e orientale

  • 11:46: ➤ Gli inglesi si aspettano più attacchi aerei russi nell’Ucraina meridionale e orientale
  • 09:30: Zelensky chiede “una forte risposta globale” all’attacco di Kramatorsk
  • 07:55: ONU: Migliaia di marittimi bloccati nei porti e nelle acque ucraine

Fare clic qui per aggiornare l’indicatore live

➤ Gli inglesi si aspettano più attacchi aerei russi nell’Ucraina meridionale e orientale

Il governo britannico prevede un aumento degli attacchi aerei russi nel sud e nell’est del Paese Ucraina. Questo ha lo scopo di supportare gli attacchi russi nella regione del Donbass dell’Ucraina orientale e intorno alle città meridionali di Mariupol e Mykolaiv. Russia Lo ha annunciato sabato il ministero della Difesa britannico nel suo regolare aggiornamento dell’intelligence. Tuttavia, la resistenza ucraina ha ancora impedito il piano russo di costruire un corridoio terrestre tra la Crimea sul Mar Nero e il Donbass.

Gli inglesi hanno anche scritto che la Russia continua ad attaccare i civili ucraini, come quelli uccisi nell’attacco missilistico alla stazione ferroviaria nella città ucraina orientale di Kramatorsk. Secondo fonti ucraine, più di 50 persone sono rimaste uccise e più di 100 altre sono rimaste ferite nell’attacco, avvenuto venerdì.

© dpa infografica GmbH

Stato a colpo d’occhio:

Dal 24 febbraio, la Russia ha condotto una guerra di aggressione contro l’Ucraina dall’aria e dal suolo. Un po’ prima, signor Presidente Vladimir Putin colui il quale Il diritto dell’Ucraina di esistere come stato indipendente è in dubbio e il Dichiarato il riconoscimento delle cosiddette Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale.

L’esercito ucraino sta facendo del suo meglio per difendersi dagli invasori. Migliaia di morti sono state segnalate da entrambe le parti, ma il numero esatto di soldati e civili non è stato verificato in modo indipendente. La verità è che la situazione umanitaria in Ucraina peggiora di giorno in giorno. secondo Più di 4,3 milioni di persone sono fuggite dall’Ucraina (dal 7 aprile), in particolare donne e bambini, in quanto gli uomini di età compresa tra i 18 ei 60 anni non possono lasciare il Paese.

L’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno risposto con sanzioni. Forniscono anche armi all’Ucraina e la Germania sostiene il paese Armi pesanti dalle scorte Bundeswehr e NVA. Quello Nato Interviene attivamente nella guerra finora improbabile.

Il primo fine settimana di aprile sono apparse le immagini I cadaveri di diversi civili nella cittadina di Bucha vicino a Kiev hanno causato terrore internazionale. L’Ucraina parla di gravi crimini di guerra e di genocidio e accusa le forze russe di averli commessi. Mosca Nega il coinvolgimento nell’uccisione di civili nonostante le numerose indicazioni. Presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky Ha sottolineato che i negoziati con la Russia dovrebbero continuare.

Gli altri rapporti di oggi

Funzionari del governo: la Russia sta cambiando leadership in Ucraina

10:59: Si dice che la Russia abbia riorganizzato la sua guerra in Ucraina e abbia nominato un nuovo comandante esperto in Siria per guidarla. Secondo un funzionario del governo occidentale, l’operazione militare sarà ora guidata dal generale Alexander Dvornikov, che ha una vasta esperienza di guerra in Siria. Più recentemente è stato comandante del distretto militare meridionale della Russia. Nel 2016, il presidente Vladimir Putin gli ha conferito il titolo di Eroe per il suo servizio nella guerra siriana. Ufficialmente, il cambio di leadership da parte russa non è stato inizialmente confermato.

Dopo aver invaso l’Ucraina il 24 febbraio, la Russia non è riuscita a occupare le principali città come la capitale Kiev Di recente, la sua guerra di aggressione si è concentrata principalmente sulla regione del Donbass nell’Ucraina orientale.

Ucraina: continuano gli attacchi nel Donbass nell’est del Paese

10:11: Fonti ucraine affermano che continuano gli attacchi delle unità russe nel Donbass, nell’Ucraina orientale. Citando il rapporto sulla situazione militare pubblicato sabato mattina dallo Stato Maggiore ucraino, l’Agenzia Unian ha riferito che le forze russe sono concentrate sul controllo delle città di Rubyshyn, Nizhny, Popasna e Novopachmotivka e sul pieno controllo della città di Mariupol.

Il governatore della città di Luhansk, Serhiy Hadji, ha dichiarato venerdì al quotidiano online “Okranska Pravda” che la situazione nella regione di Luhansk è più difficile nelle città di Robijn e Popasna. Le unità russe hanno catturato parte della città di Rubyshyn con una popolazione di 50mila abitanti e ci sono continue battaglie per posizioni e bombardamenti. Hajjaj ha detto che Bubasna, che ha una popolazione di circa 20.000 abitanti, è “sotto pressione” da più di un mese. È impossibile evacuare le persone da lì perché “tutto viene bombardato a destra ea manca”. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Esperti militari dell’Istituto statunitense di ricerca sulla guerra per lo studio della guerra (ISW), hanno affermato sabato sera a Mariupol, che le forze armate ucraine hanno continuato a mantenere posizioni difensive a est e sud-ovest della città portuale assediata, in particolare nel porto di Mariupol. Acciaierie di Asovstal e nell’area portuale.

Secondo Unian, il rapporto dello stato maggiore ucraino afferma che venerdì le forze armate del Paese sono riuscite a respingere sette attacchi da parte di unità russe. Gli attacchi furono respinti anche intorno alla città di Izyum nella regione di Kharkiv, che era stata occupata dalle forze russe. Al sud ci sono ancora obiettivi nella regione di Odessa dei territori annessi alla Russia Crimea con i missili.

Zelensky chiede “una forte risposta globale” all’attacco di Kramatorsk

09:30: Dopo l’attacco mortale ai rifugiati alla stazione ferroviaria di Kramatorsk, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto una “forte risposta globale”. Zelensky ha dichiarato in un videomessaggio venerdì sera che tutte le persone coinvolte saranno ritenute responsabili del “nuovo crimine di guerra commesso dalla Russia”.

L’attacco ha suscitato proteste in tutto il mondo. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato di “terribile atrocità”, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen di un “spregevole attacco”. Anche il cancelliere Olaf Schultz (Partito socialdemocratico) è rimasto scioccato. “Uccidere civili è un crimine di guerra e la responsabilità di questi crimini spetta al presidente russo”, ha detto durante una visita a Londra.

Zelensky ha accusato la Russia di “cinica distruzione” della popolazione civile del suo paese. “Questo è un male senza limiti”, ha scritto su Twitter. “E se non vengono puniti, non si fermerà mai”. Nel suo videomessaggio, chiede: “Ci aspettiamo una forte risposta globale a questo crimine di guerra”.

La Russia ha negato la responsabilità dell’attacco alla stazione ferroviaria di Kramatorsk e ha accusato l’Ucraina: il ministero della Difesa a Mosca ha affermato che il “regime di Kiev” ha bombardato la stazione per impedire ai residenti di fuggire e l’ha usata come “scudi umani” per difendere le posizioni del esercito ucraino. .

Dopo che decine di corpi di civili sono stati scoperti nel sobborgo di Bucha a Kiev una settimana fa dopo il ritiro delle forze russe, la Russia ha seguito un approccio simile e ha parlato di una “provocazione” da parte del governo ucraino.

Il Pentagono: migliaia di altri soldati russi vicino a Kharkiv

08:34: Le forze russe hanno accumulato migliaia di soldati aggiuntivi vicino al confine con la città ucraina di Kharkiv, secondo un alto funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Un alto funzionario ha detto venerdì che il numero del battaglione tattico vicino alla città russa di Belgorod è aumentato da 30 a 40. Non ha fornito il numero esatto di truppe aggiuntive, ma tali battaglioni di solito consistevano da circa 600 a 1.000 soldati. Ha detto che l’esercito russo sta concentrando le sue forze lì per concentrare i suoi sforzi sull’occupazione della regione del Donbass nell’Ucraina orientale. La città assediata di Kharkiv è vicina al confine russo.

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha dichiarato venerdì che le forze russe stanno cercando di ricostruire le loro unità dopo le perdite nell’Ucraina settentrionale con nuovi materiali e soldati al confine con il Donbass. Ci sono anche rapporti secondo cui le unità ora da schierare a est saranno rafforzate mobilitando “decine di migliaia di riservisti”.

L’alto funzionario del ministero ha affermato che ci sono indicazioni che i russi sperano di mobilitare “più di 60.000 soldati”. A causa del conflitto nelle regioni vicino al confine russo, durato anni, entrambe le parti in guerra hanno familiarità con la geografia del Donbass e sono collegate tra loro. Il funzionario ha avvertito che nella zona sono previsti combattimenti molto pesanti. “Può diventare molto sanguinoso e brutto”, ha detto.

ONU: Migliaia di marittimi bloccati nei porti e nelle acque ucraine

07:55: Le Nazioni Unite chiedono misure di soccorso “urgenti” per i quasi 1.000 marittimi bloccati a bordo delle navi mercantili nei porti e nelle acque ucraine. Come annunciato venerdì dall’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) e dall’Organizzazione marittima internazionale (IMO), a più di cento navi non è stato permesso di lasciare i porti e le acque ucraine dall’inizio della guerra in Ucraina. Così hanno chiesto all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, al Comitato Internazionale della Croce Rossa e a Medici senza frontiere di “prendere provvedimenti urgenti” per aiutare a rifornire le navi.

“Oltre ai rischi posti dagli attacchi, molte delle navi colpite sono prive di cibo, carburante, acqua potabile e altre forniture essenziali”, si legge nell’appello. L’Organizzazione internazionale del lavoro e l’Organizzazione marittima internazionale hanno dichiarato che “di conseguenza, la situazione dei marittimi di molti paesi sta diventando sempre più insostenibile”.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, ci sono almeno un migliaio di marittimi bloccati nel porto della città portuale assediata di Mariupol e su navi nel Mar d’Azov. A marzo, l’Organizzazione internazionale del lavoro ha chiesto alla Russia di porre fine alla guerra in Ucraina “immediatamente e incondizionatamente”.

I rapporti sulla guerra in Ucraina dell’8 aprile possono essere trovati qui

Con materiali di dpa, AFP, APA

27 paesi dell’UE hanno lanciato il quinto grande pacchetto di sanzioni contro la Russia. Giovedì sera i rappresentanti permanenti degli Stati membri hanno approvato le proposte della Commissione dell’Unione Europea per vietare l’importazione di carbone, legna e vodka, oltre a molte altre misure punitive. Miniatura: Alleanza fotografica

READ  La Francia lancia centrali a carbone: timori di blackout