Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra contro l’Ucraina: Wall Street in una spirale discendente


Rapporto di mercato

Stato: 07.03.2022 23:36

La guerra in Ucraina e l’impennata dei prezzi dell’energia hanno raggiunto Wall Street. Finora, i mercati statunitensi hanno retto meglio dell’Europa, che si è conclusa lunedì.

Alla luce della guerra in corso in Ucraina e dell’aumento dei prezzi dell’energia, le quotazioni azionarie statunitensi hanno subito nuove pressioni all’inizio della settimana. Per la prima volta da molto tempo, i principali indici azionari statunitensi hanno sottoperformato i mercati europei.

Il Dow Jones Leading Index è sceso del 2,37% a 32.817 punti e l’indice Standard & Poor’s 500 è sceso a livello di mercato del 2,95% a 4.201 punti. Anche il Nasdaq tecnologico ha chiuso molto debolmente, più debole del 3,62 per cento a 12.830 punti. Alla fine, nemmeno le speranze di una ripresa dei negoziati tra Russia e Ucraina hanno potuto sostenere i mercati. I colloqui non hanno prodotto risultati tangibiliMa la ripresa è prevista per martedì.

La Russia minaccia di fermare le consegne di Nord Stream 1

La situazione generale è peggiorata in serata. Dopo l’inizio della guerra contro l’Ucraina, la Russia ha minacciato pubblicamente per la prima volta di interrompere le forniture di gas attraverso il gasdotto Nord Stream 1 nel Mar Baltico. “Abbiamo il pieno diritto di prendere una decisione” equa “e di vietare il passaggio del gas attraverso il gasdotto Nord Stream 1, che è attualmente utilizzato a un tasso massimo del 100 per cento”, ha affermato il vice primo ministro Alexander. Nowak lunedì sera TV di stato.

Azioni sotto pressione

Lunedì, in particolare, le azioni del settore finanziario sono state sotto pressione. American Express ha perso il 7,9% e Visa il 4,8%. Ha detto nel commercio che a causa del forte aumento dei prezzi dell’energia, i consumatori possono ridurre la spesa dei consumatori. Ciò appesantirebbe i principali operatori di carte di credito.

Anche le azioni bancarie come Wells Fargo e Bank of America sono state sotto pressione. Anche le azioni del settore dei viaggi hanno risentito di un possibile rallentamento dei consumi dovuto all’aumento dei prezzi del petrolio e del gas.

Dax su un giro sulle montagne russe

All’inizio della settimana, il DAX ha continuato da dove si era interrotto venerdì. Con oscillazioni selvagge di quasi 700 punti tra 12438 e 13150 punti, il mercato non si è calmato, anzi.

È stata una corsa particolarmente sfrenata lunedì dopo che l’indice leader tedesco aveva già perso circa il dieci percento di valore la settimana precedente. La corsa sulle montagne russe ha inizialmente spinto il principale benchmark tedesco al ribasso del 5% a un minimo giornaliero, prima che quelle perdite fossero quasi completamente compensate di nuovo.

La notizia è che i ministri degli esteri di Ucraina e Russia Vuoi incontrarti in Turchia Nel frattempo, le speranze sono state sollevate, in modo che l’indice DAX sia salito brevemente sopra la soglia dei 13.100 punti, ma alla fine non è stato in grado di mantenerlo. Il livello di chiusura ha raggiunto 12.834 punti, con una netta perdita giornaliera dell’1,98%.

READ  Focus sulla tecnologia delle batterie: le azioni Volkswagen cedono: Volkswagen forgia l'unione delle celle della batteria: l'utilizzo degli impianti dovrebbe stabilizzarsi nel 2022 | newsletter

Petrolio e gas a livelli senza precedenti

Con prezzi alle stelle, il petrolio E il Gas Lunedì le vendite dell’indice DAX hanno raggiunto un nuovo picco. Lo sfondo è un possibile divieto di importazione di petrolio russo. Il segretario di Stato americano Anthony Blinken e il presidente della Camera Nancy Pelosi hanno proposto tale azione punitiva contro la Russia.

“Se l’Occidente tagliasse la maggior parte delle esportazioni di energia della Russia, sarebbe un enorme shock per i mercati globali”, ha affermato Ethan Harris, capo economista di Bank of America (BofA). Ciò potrebbe spingere i prezzi del petrolio a $ 200 al barile e ridurre la crescita economica in tutto il mondo.

“C’è un crescente timore che il conflitto possa esercitare pressioni sull’economia globale, che sta già lottando per far fronte alle conseguenze della pandemia”, ha affermato Kunal Sawhney, presidente del Calkin Research Center. Le speranze di una forte ripresa economica stanno svanendo.

Ho pagato fino a $ 140 per un Brent del Mare del Nord al mattino, che attualmente è un buon $ 122. Le fluttuazioni del gas sono altrettanto drammatiche, ma anche di minerali industriali come il palladio, utilizzato principalmente dall’industria automobilistica e di cui la Russia è uno dei maggiori esportatori mondiali.

“La Russia rappresenta il 38% della produzione mondiale di palladio”, afferma l’esperto di Commerzbank Daniel Pressman. Le mancate consegne non possono essere compensate in nessun altro modo, per cui il mercato è minacciato da un ampio deficit di offerta.

Paura della stagflazione

Strettamente legati agli effetti della guerra in Ucraina, che sono ancora condotti con grande amarezza e crudeltà, gli investitori temono ancora la stagflazione, cioè la stagflazione fermare la crescita Mentre i prezzi stanno aumentando allo stesso tempo. Ciò crea un grado di incertezza molto elevato, che attualmente si riflette nell’elevata volatilità del mercato. Non sono solo le azioni ad essere interessate, le cose non vanno sempre bene nemmeno nei mercati obbligazionari e forex.

Cercasi dollari e franchi di rifugio sicuro: i franchi costano più di un euro

C’è una domanda in particolare per il dollaro USA, oltre al franco svizzero, cosa insolita in tempi di crisi. Anche l’euro è salito contro il dollaro lunedì, scendendo a 1,0807$. La Banca centrale europea ha fissato il prezzo di riferimento a 1,0895 (venerdì: 1,0929) e nel trading statunitense il prezzo dell’euro è di 1,0866 dollari.

All’inizio della settimana, il tasso di cambio del franco svizzero rispetto all’euro è salito al livello più alto da oltre sette anni: per la prima volta da quando la Banca centrale svizzera (BNS) ha abbandonato l’euro peg, il costo della principale valuta di esportazione della Svizzera . meno di un franco. Nel processo sono stati pagati 1.0030 franchi per 1 euro. Gli osservatori valutari hanno confermato la loro volontà di indebolire la valuta svizzera acquistando valute estere.

READ  Tuttavia, le vendite aumentano: le azioni MorphoSys calano drasticamente: MorphoSys rimane in rosso | newsletter

Oltre al franco e al dollaro, gli investitori si rivolgono anche al prezioso metallo giallo e all’oro come “porto sicuro” per eccellenza. Il prezzo dell’oro era già sopra i $ 2000 oggi a un massimo giornaliero, ma ora il prezzo è tornato a $ 180.

Wall Street in basso

Anche la Borsa di New York è preoccupata per l’aggravarsi della crisi ucraina e per il boom delle materie prime. Tutti i principali indicatori sono in rosso, ma ancora una volta non sono volatili come i mercati europei. Il Dow Jones Leading Index è attualmente in calo dell’1,7%, anche altri indici stanno scendendo in questo range.

Un fenomeno apparso più volte negli ultimi giorni di borsa. Mentre il DAX è già sceso al di sotto del suo massimo pre-coronavirus, l’S&P 500 è attualmente oltre il 25% al ​​di sopra del suo massimo pre-Covid, confermano gli esperti di DWS Asset Management. “In sostanza, più geograficamente una società è ucraina, meglio è”, sottolinea Marcus Pope, gestore del fondo di DWS.

L’aumento dei prezzi dell’energia sta dando alle aziende di energia verde un vento favorevole

Sperando in una rapida espansione delle energie rinnovabili, gli investitori stanno investendo in partecipazioni in questo settore. I titoli dei costruttori di turbine eoliche Nordex, Vestas e Siemens Gamesa stanno aumentando in modo significativo. I titoli della società di energia solare SMA Solar hanno guadagnato oltre il 16%. La manifestazione ha alimentato il dibattito sul divieto delle forniture russe di petrolio e gas all’Europa.

Ho chiesto di nuovo alle società di difesa Rheinmetall e Hensoldt

D’altra parte, l’escalation della guerra è rimasta più favorevole al prezzo delle azioni delle armi. Il gruppo Arms, il fornitore di automobili Rheinmetall e il produttore di elettronica Hensoldt sono stati tra i pochi beneficiari della crisi in Germania. Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina una settimana e mezzo fa, gli aumenti di prezzo totali per le due azioni sono stati rispettivamente del 57% e di circa il 73%.

Il business delle vernici di Merck si venderà

Secondo un rapporto di stampa, Merck Pharmaceutical and Technology Group con sede a Darmstadt potrebbe disinvestire dalla sua attività di coloranti. Lunedì, il quotidiano Handelsblatt, citando circoli finanziari, ha riferito che Merck sta preparando l’area alla vendita. Secondo il quotidiano, il valore della gestione dei coloranti si può stimare intorno al miliardo di euro.

Sempre più aziende smettono di fare affari in Russia

Il numero di aziende che hanno cessato o ridotto la propria attività è in forte aumento in Russia. Netflix ha smesso di funzionare in Russia. Samsung, leader del mercato degli smartphone, interrompe le consegne in Russia. Dopo Mastercard e Visa, anche American Express chiude il business delle carte di credito in Russia. L’azienda alimentare Danone sospende tutti gli investimenti in Russia.

READ  In questo giorno, i prezzi del carburante sono i più economici

Facebook blocca il suo sistema pubblicitario per gli annunci dalla Russia. Il servizio di pagamento PayPal interrompe i servizi rimanenti in Russia; Le rimesse internazionali sono interessate, tra le altre cose. La casa madre spagnola Inditex e il produttore tedesco di articoli sportivi Puma stanno chiudendo tutti i loro negozi in Russia.

Gli oligarchi russi sono ancora uno dei principali contributori di TUI?

Il principale azionista russo TUI Alexei Mordashov Ha riorganizzato i suoi interessi nel gruppo di viaggio poco prima dell’imposizione delle sanzioni dell’UE. Della sua precedente quota del 34%, che aveva tramite Unifirm a Cipro, ha trasferito una quota del 4,1% alla sua holding russa Severgroup. Ha venduto le sue partecipazioni in Unifirm a una società chiamata Ondero Limited nelle Isole Vergini britanniche.

“Non sappiamo chi c’è dietro Ondero e se il signor Mordashov è un azionista”, ha detto lunedì un portavoce di TUI. Le Isole Vergini sono un paradiso fiscale in cui si trovano molte società di comodo.

I supervisori Volkswagen dirigono i piani Trinity

Il consiglio di amministrazione della Volkswagen ha finalmente avviato la costruzione di un nuovo stabilimento per l’avveniristico modello Trinity elettrico centrale nelle immediate vicinanze dello stabilimento principale di Wolfsburg. Il gruppo sta spendendo 2 miliardi di euro per l’impianto e i lavori dovrebbero iniziare nella primavera del 2023.

OMV sta valutando l’uscita da un giacimento di gas russo

La compagnia petrolifera austriaca parzialmente di proprietà statale OMV ha annunciato che non perseguirà alcun investimento in Russia. “La Russia non è più una delle regioni centrali strategiche del portafoglio di esplorazione e produzione di OMV”, si legge in un annuncio obbligatorio. Verrà inoltre avviata una revisione strategica della partecipazione economica di quasi un quarto del giacimento di gas naturale Yuzhno-Roskoye.

La banca centrale svizzera realizza un utile di oltre 26 miliardi di franchi

La Banca nazionale svizzera (BNS) ha chiuso lo scorso anno con un utile di 26,3 miliardi di franchi svizzeri. Ciò è dovuto principalmente ai guadagni di valutazione in valuta estera e disponibilità di oro, ha annunciato la Banca nazionale svizzera in riferimento ai dati finali. Gli azionisti riceveranno un dividendo di 15 franchi svizzeri per azione.