Aprile 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra contro l’Ucraina: l’Unione Europea accetta nuove sanzioni russe

La guerra contro l’Ucraina: l’Unione Europea accetta nuove sanzioni russe

Stato: 25/02/2023 02:53

L’Unione Europea ha approvato il decimo pacchetto di sanzioni contro la Russia. Le misure includono controlli più severi sulle esportazioni di merci con usi civili e militari.

Di Jacob Meyer, ARD Studio Bruxelles

L’Unione europea trova sempre più difficile inasprire le sanzioni contro la Russia. Mentre gli Stati membri discutevano sui dettagli, il decimo pacchetto di sanzioni contro la Russia non è entrato in vigore ieri, nel simbolico anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina.

L’Ungheria aveva inizialmente ritardato l’accordo e la Polonia si è recentemente opposta. Varsavia ha chiesto regole più severe per l’importazione di gomma sintetica dalla Russia e dall’Italia per periodi di transizione più lunghi. La gomma viene utilizzata, tra le altre cose, per fabbricare pneumatici per automobili.

Solo in tarda serata la Polonia ha concesso, e la presidenza svedese del Consiglio Ue ha annunciato su Twitter: regole più severe per l’esportazione di merci verso la Russia, misure più punitive contro persone e istituzioni.

L’Unione europea interviene contro i sostenitori della Russia

Durante una visita ieri nella capitale estone Tallinn, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha sottolineato: “La Russia sta ancora una volta regredendo verso un’economia tagliata fuori dal mondo. Le nostre sanzioni restringono fortemente la sua base economica e limitano le prospettive di modernizzazione della sua economia. ”

L’UE continuerà a fare pressioni sulla Russia, così come su coloro che la sostengono sul campo di battaglia. “Continueremo ad agire contro i sostenitori di Putin e contro coloro che aiutano la Russia ad aggirare le sanzioni o a mantenere in funzione la sua macchina da guerra”, ha affermato il presidente del comitato.

Come ha spiegato in anticipo von der Leyen, l’ultimo divieto di esportazione ammonta a circa 11 miliardi di euro. Ciò include elettronica, motori e parti di camion, oltre al divieto di esportazione di prodotti high-tech in Russia che possono essere utilizzati anche per scopi militari. Ciò include termocamere e componenti elettronici utilizzati in velivoli senza pilota, missili ed elicotteri.

Consegna della merce in Russia a vista

L’Unione Europea impone anche sanzioni alle società iraniane che dovrebbero fornire droni da combattimento alla Russia. Fondamentalmente, la comunità vuole reprimere i paesi che aiutano la Russia a eludere le sanzioni.

“Nei nostri pacchetti di sanzioni, rafforziamo le misure per garantire che non vi siano scappatoie o abusi”, ha affermato von der Leyen. “Abbiamo il nostro responsabile delle sanzioni, David O’Sullivan, che si reca in vari paesi terzi per rafforzare il messaggio che qualsiasi elusione delle sanzioni avrà conseguenze”.

I pacchetti includono, ad esempio, la possibilità di includere persone o organizzazioni di paesi terzi che portano merci dall’UE alla Russia. Quindi stiamo inviando un messaggio che non lo accetteremo e che ci saranno delle conseguenze”.

L’Ucraina voleva misure più severe

Come nei precedenti pacchetti di sanzioni, il G10 si aggiungerà all’elenco delle persone che non possono più entrare nell’Unione Europea e i cui beni saranno congelati. Riguarda gli editori di propaganda e l’alto esercito.

L’Ucraina avrebbe voluto adottare misure più severe. Lo ha chiarito il ministro dell’Economia Julia Soirenko durante una visita a Bruxelles a metà settimana.

Il problema è che esiste un divario tra l’imposizione delle sanzioni e la loro efficacia. Ecco perché abbiamo bisogno di misure più punitive contro l’industria nucleare, nel settore finanziario, nell’importazione di diamanti. Speriamo di vederlo nel prossimo pacchetto di sanzioni.

Ma prima va messo in pratica quanto deciso ieri. Lo fa solo quando è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea. L’accordo dovrebbe essere ufficialmente confermato per iscritto entro oggi a mezzogiorno.

Trattative difficili: l’Unione Europea adotta il decimo pacchetto di sanzioni

Jacob Meyer, ARD Bruxelles, 25.2.2023 00:58