Dicembre 10, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Germania settentrionale sarà presto completamente sott’acqua?

La diga, che dovrebbe proteggere gli abitanti di Brema-Neustadt dalle inondazioni, difficilmente serve al suo scopo. Durante le forti tempeste, il livello dell’acqua sulla riva sinistra del fiume Weser può raggiungere i 7,85 metri. “Se il livello continua a salire a causa del cambiamento climatico, non sarà sufficiente”, afferma Michael Dirks. La diga necessita di un’altezza di 8,70 metri. Deve anche diventare più stabile per poter resistere all’acqua dopo il 2050.

Questa parte della diga di Brema, sulla riva sinistra del fiume Weser, non è stata modificata dal 1962. Il direttore generale dell’Associazione delle dighe locali scuote la testa e indica un ponte erboso che si estende fino alle rive del fiume Weser. Maestosi platani fiancheggiano l’argine, i pedoni passeggiano su un marciapiede sterrato accanto ad esso e alcuni ciclisti pedalano. E la città inizia proprio dietro l’argine – con una strada acciottolata, auto parcheggiate davanti a condomini, un bar e un complesso di uffici.

Riva sinistra del fiume Weser a Brema Neustadt: questa diga ha un disperato bisogno di lavori di ristrutturazione. Ma il progetto di costruzione è in ritardo. © Fonte: RND / Saskia Heinze

Non costruirai più così

Dirks è sicuro che oggigiorno non si costruisce più in quel modo. La diga non è solo molto ripida, ma è costituita principalmente da sabbia e macerie. “Non useremmo mai questo materiale da costruzione oggi perché è permeabile all’acqua”. Gli alberi, sebbene belli da vedere nel paesaggio urbano, in realtà non sono più ammessi dalle nuove Linee guida per la protezione costiera ea causa dello spazio limitato. Diga verde, erba, al massimo qualche pecora – che in realtà appartengono alla diga. E come sedimenti hai bisogno di terreno argilloso.

Michael Dirks, amministratore delegato di Brema Deichverband © Fonte: RND / Saskia Heinze

Dal 2010 l’associazione e l’amministrazione comunale studiano come potrebbe essere qui la diga del futuro. Tecnicamente, questo può essere effettivamente raggiunto in circa cinque anni, afferma Dirks. Il trasferimento è ancora in sospeso dodici anni dopo. Tra l’altro, perché l’iniziativa dei cittadini lotta contro l’abbattimento degli alberi volanti. A una tavola rotonda nel marzo 2022, le autorità edilizie e l’Iniziativa dei cittadini stanno ancora lottando per raggiungere il consenso ed è in preparazione un referendum. Quando prevede che Dirks inizi la costruzione? scrollare le spalle.

READ  Carenza di vitamina D e aumento della mortalità: questo collegamento deve esistere

Dighe e cambiamento climatico: non aspettare per ricostruire

Ma le città e i comuni vicino alla costa non hanno molto tempo per adattarsi. Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) ritiene che le conseguenze dei cambiamenti climatici porteranno a sempre più problemi in futuro In un rapporto sullo stato che ho pubblicato alla fine di febbraio fermamente. La modellazione mostra che forti piogge, mareggiate e inondazioni diventano significativamente più intense e si verificano più frequentemente quando viene superato l’obiettivo di 1,5°. Secondo la comunità di ricerca internazionale, l’innalzamento del livello del mare rappresenterà una “minaccia esistenziale” per le comunità costiere al più tardi entro il 2100.

Aspettare fino ad allora per espandere le dighe sarebbe fatale. “Ora la società deve decidere se e come ciò dovrebbe accadere”, afferma Peter Fröhle, professore di ingegneria idraulica presso l’Università tecnica di Amburgo. “Già nel 2022 è necessario apportare modifiche, almeno concettualmente, per essere sicuri per il futuro”.

La sola Bassa Sassonia ha più di 1.000 km di argini lungo la costa. Secondo Fröhle, alzare e rafforzare tutte le dighe è uno “sforzo enorme”. Brema, che ha una popolazione di circa 530.000 abitanti, non fa eccezione. L’86% della città è minacciata da inondazioni. Pertanto, l’Associazione Dam, in collaborazione con gli urbanisti, non ha altra scelta che sollevare, rafforzare e installare circa 52 chilometri di dighe. Questo afferma il Piano generale per la protezione delle coste, in cui tutte le dighe in Bassa Sassonia e Brema sono state esaminate nel 2007 per scenari climatici futuri.

READ  Valutazione del rischio del laboratorio odontotecnico - ZWP online - Portale di notizie per l'industria dentale

Quali aree sono a rischio inondazione?

Non c’è alternativa. “Nelle zone costiere, ci sono molte aree che sarebbero state allagate molto tempo fa se non ci fossero state le dighe”, spiega Diana Resched di Climate Services (Jerex) ad Amburgo. Fino alla metà del secolo si era ancora in una posizione molto sicura. “Ma sappi che se vivi in ​​una zona del genere e il livello del mare si sta alzando, dovresti sempre tenere d’occhio: questa diga è abbastanza stabile da tenere fuori l’acqua?” Spiega il ricercatore climatico. Di quanto e quando aumenterà il livello del mare, con quale frequenza e con che frequenza si verificheranno tempeste e inondazioni nella seconda metà del secolo – ci sono ancora molte incertezze, però, anche nella modellizzazione dei possibili scenari.

La mappa della US Central Climate Organization, ad esempio, mostra aree del Mare del Nord che potrebbero essere allagate in uno scenario pessimistico di cambiamento climatico entro il 2100. I ricercatori hanno utilizzato dati topografici e demografici per studiare le conseguenze dell’innalzamento del livello del mare in questa regione, tra l’altro cose. . Tuttavia, le salvaguardie adattative come le dighe non svolgono un ruolo in questo modello.

È sicuro vivere sulla costa nel 2100, ma a quale costo?

Ma una cosa è chiara in tali scenari: le dighe devono crescere sempre più in alto. “Se il cambiamento climatico continua incontrollato, probabilmente arriverà un punto in cui sarà molto costoso mantenere queste dighe”, afferma lo scienziato del clima Rich. Quindi non è più possibile vivere lì, quindi le persone devono spostarsi dalla costa nell’entroterra. “

Fröhle, esperto di ingegneria idraulica, è un po’ più ottimista. “Esistono soluzioni tecniche per poter vivere in sicurezza nelle zone costiere della Germania settentrionale nel 2100 e nel 2150”, afferma, ma solleva anche preoccupazioni: “Tutte le soluzioni sono costose e richiedono molto tempo per essere implementate”. costa un sacco di soldi. , ma soprattutto lo spazio. “Se alzi una barriera di un solo metro, la sezione alla base della diga sulla costa si allarga di solito di oltre dieci metri”, spiega Fröhle.

READ  Epidemia: i bambini lamentano mal di testa e mal di stomaco

Se la diga raggiunge un’altezza di un metro, la sua larghezza è sette

Secondo Dirks, per l’area metropolitana di Brema vale quanto segue: per ogni diga un metro più alta, ha bisogno di sette metri di larghezza. Ciò comporta anche incongruenze nell’uso, perché nella città in particolare c’è concorrenza simultanea per spazi abitativi, edifici commerciali, parcheggi, piste ciclabili, sentieri e spazi verdi. È anche preoccupato che le conseguenze del cambiamento climatico non possano essere calcolate con precisione. Se i modelli climatici vengono aggiornati dalla scienza, ciò avrà un impatto diretto sui progetti di costruzione della sua associazione di dighe. E il lavoro non finisce mai così.

Del resto, in nove siti a sinistra di Weser, ad esempio, i terrapieni sono già stati riqualificati e aumentati di mezzo metro secondo il Piano di protezione costiera. “Ora il piano 2007 è già superato”, riferisce il direttore generale. “Ora le dighe devono essere alzate di un metro in molti luoghi”. Le dighe sono già state progettate e costruite per quasi 100 anni.

Costruisci una volta e goditi la pace per decenni: alla luce di possibili scenari futuri, ora potrebbe essere finita. “Dipende davvero dai prossimi anni”, afferma la ricercatrice climatica Diana Rashid. “Molti pensano che il cambiamento climatico sia il problema del futuro che non ci ha ancora colpito”. Tuttavia, i ricercatori concordano: in questo momento e molto rapidamente, sono necessari enormi cambiamenti ovunque per adattarsi ai cambiamenti climatici e allo stesso tempo portare a zero le emissioni. In caso contrario, le inondazioni alla fine porteranno a danni assolutamente incontrollabili.