Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La gente del Donbas tra speranza e disperazione

Aggiornato il 01/06/2022 alle 13:12

  • Le forze russe stanno avanzando a poco a poco nell’Ucraina orientale.
  • Le persone che vivono lì sperano e temono, come fanno le forze armate ucraine.
  • Soprattutto, aspettano armi pesanti dall’Occidente. Questo arriva in tempo?

Puoi trovare altre notizie sulla guerra in Ucraina qui

La loro città è in rovina, la maggior parte dei loro vicini è fuggita e il fronte fortemente conteso è a poche decine di chilometri di distanza. Tuttavia, Walentina Breeze fa quello che deve essere fatto in questo periodo dell’anno: rimuovere le erbacce dalle aiuole. “Sto cercando di andare avanti”, dice con un sorriso il medico in pensione di 71 anni di Baruenko. “Questa guerra finirà, ma la vita va avanti per sempre”.

Solo coloro che erano troppo poveri o malati per scappare stavano ancora aspettando in una piccola città dell’est Ucraina Fuori. Le strade sono stranamente deserte e i soldati ucraini di pattuglia sembrano tesi.

Gli anziani rimasti hanno bei ricordi del tempo in cui l’Ucraina faceva parte dell’Unione Sovietica. Prys ama la Russia, ma con i suoi parenti dentro Mosca Non parla più, perché non vogliono credere a quello che sta facendo la guerra russa.

Leggi anche: Tutte le informazioni attuali sulla guerra di Putin contro l’Ucraina nel nastro della trasmissione in diretta

La guerra di logoramento nel Donbass

L’invasione si trasformò in una guerra di logoramento. La distruzione è enorme, ma l’esercito russo sta facendo pochi progressi. Ora Mosca sta concentrando il suo attacco sulle aree industriali dell’Est, Gran parte di Sievjerodonetsk è già sotto il controllo russo. Si teme che migliaia di famiglie siano intrappolate negli scantinati senza accesso all’acqua e alle medicine.

READ  Omosessualità in Iran: esecuzione di due gay! - Politica all'estero

Gli osservatori militari presumono che le forze russe vogliano usare Severodonetsk e la vicina città di Lysichansk come avamposti per avanzare verso ovest.

Il successo nel tentativo di catturare il centro amministrativo orientale dell’Ucraina, Kramatorsk, sembra essere modesto. “Le forze russe non sono state in grado di compiere alcun progresso su altri assi per settimane e spesso non ci hanno nemmeno provato”, analizza l’Istituto statunitense per lo studio della guerra.

Il territorio dell’Ucraina occupato dalle forze russe. (Attenzione: questa infografica verrà aggiornata regolarmente)

© dpa infografica GmbH

Spera di consegnare armi dall’Occidente

I soldati ucraini in prima linea sperano di acquisire nuove armi di precisione con cui colpire i russi a distanza. “Quando sai di avere un’arma pesante dietro di te, il morale si alza”, dice un soldato che si fa chiamare Lugny. . “Altrimenti ti saresti seduto nel fosso e fisseresti l’orizzonte.”

Martedì, gli Stati Uniti hanno annunciato che ora avrebbero fornito all’Ucraina più lanciamissili. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha scritto che questi “consentiranno all’esercito ucraino di colpire con maggiore precisione obiettivi importanti sul campo di battaglia”. Tuttavia, ha anche sottolineato: “Non incoraggiamo né consentiamo all’Ucraina di colpire al di fuori dei suoi confini”, quindi la portata delle munizioni fornite è limitata a 80 chilometri.

“L’Ucraina può scambiare spazio per tempo nel Donbass senza influire in modo significativo sulla sua posizione strategica”, afferma Rob Lee del Foreign Policy Research Institute degli Stati Uniti. Ma è importante che l’Ucraina non permetta che le sue forze siano accerchiate”.

Quanto tempo sotto il controllo ucraino?

Tali considerazioni strategiche militari sono di scarsa utilità per Evgen Onishchenko. L’idraulico di 42 anni guarda fuori dalla finestra al piano terra del suo appartamento di Lysychansk, chiedendosi chi controlla le strade circostanti.

“Non sappiamo nulla”, ha detto, prima di accettare con gratitudine una ciotola di zuppa che il suo vicino aveva cucinato su un fuoco aperto nel cortile sul retro. “Vediamo alcune auto con bandiere ucraine, quindi pensiamo di appartenere ancora all’Ucraina”, afferma Onyshchenko. “Ma per il resto stiamo brancolando nel buio.” (Dmitrij Zaks/AFP/MF)
© AFP

Secondo un rapporto dei media, la NATO non si aspetta che la guerra in Ucraina finisca presto. Nel report corrispondente, il portale “Business Insider” fa riferimento a un documento classificato come “riservato”.