Giugno 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La fine dei resi gratuiti: il primo rivenditore di moda ad addebitare denaro per i resi

Il primo rivenditore sta tirando la corda e non offre più resi gratuiti. Altri potrebbero presto seguire l’esempio.

La Federal Association of Electronic Commerce and Postal Ordering (BEVH) presume che i resi gratuiti nella moda al dettaglio scadano presto. “Ci aspettiamo la fine dei resi gratuiti che sono stati popolari fino ad ora e che anche i clienti si aspettano”, ha affermato venerdì un portavoce della Süddeutsche Zeitung. Ha citato l’aumento dei costi come motivo: “I prezzi di trasporto e imballaggio più elevati significano che i rivenditori trasferiscono in gran parte questi costi sui clienti”.

NIENTE PIÙ RESI GRATUITI: Il primo rivenditore sceglie la tariffa

La fine dei resi gratuiti può comportare l'esonero dei fornitori di pacchi.
La fine dei resi gratuiti può comportare l’esonero dei fornitori di pacchi.

Foto: Sina Schuldt/D

In generale, il boom degli anni Corona nel settore della moda è finito. L’anno scorso, Uniqlo, il più grande rivenditore di abbigliamento giapponese, ha addebitato una commissione di restituzione di € 2,95 per pacco. Pochi giorni fa Zara, la catena di moda più popolare del gruppo spagnolo Inditex, ha seguito l’esempio con una commissione di ritorno di 1,95 euro a ritorno.

Secondo BEVH, seguiranno altre società. “Se i costi di spedizione per la restituzione rimangono elevati, Zara e Oneklo saranno i primi e non gli ultimi a trasferire il costo sui propri clienti”, ha affermato il portavoce. Su richiesta, Amazon, Zalando e Otto hanno annunciato che non intendono addebitare commissioni per i resi.

Altri commercianti sono contrari all’idea

Un portavoce del Gruppo Otto ha dichiarato: “Di certo non chiederemo ai nostri clienti di pagare un extra per le royalties pagate in un momento in cui sono ulteriormente gravati dall’elevata capacità e da varie materie prime”.

D’altra parte, Marco Atzberger, esperto di resi presso il Trade Research Institute di Colonia (EHI), chiede un ritorno a pagamento: “Questa è la strada giusta”, ha detto a SZ. Anche Björn Asdecker, capo del gruppo di ricerca sulla gestione dei resi presso l’Università di Bamberg, ha accolto favorevolmente la mossa. “Forse c’è un inizio ora”, ha detto.

La Germania è campione d’Europa in cambio. Secondo EHI, il tasso di restituzione arriva fino al 75%, con i resi di moda almeno ogni secondo pacchetto in media.

Altri lettori sono interessati anche a:

READ  Dovrebbe essere sottovalutato: opportunità di acquisto di Brainmarket: gli analisti di JPMorgan vedono una doppia opportunità in questi due titoli | newsletter