Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La domanda da 25.000 euro: il debito pubblico è diventato un problema per gli investitori

La domanda da 25.000 euro: il debito pubblico è diventato un problema per gli investitori

La domanda è 25.000 euro
Il debito pubblico è diventato un problema per gli investitori

Articolo ospite di Marco Herrmann

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Considerata la bassa inflazione, è probabile che la Banca Centrale Europea taglierà presto i tassi di interesse di riferimento. Le cose sono un po’ più complicate negli Stati Uniti, dove la svalutazione monetaria si sta rivelando persistente e il debito nazionale continua ad aumentare. I titoli di Stato a lungo termine non sono più necessariamente un rifugio sicuro.

Si prevede che la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde taglierà i tassi di interesse di 25 punti base per la prima volta a giugno. Ciò potrebbe essere seguito da due ulteriori tagli dei tassi di interesse quest’anno e altri due nel 2025.

Marco Herrmann lavora dal 1992 in famose banche e società di investimento. Dal 2010 è responsabile della strategia di investimento di FIDUKA in qualità di amministratore delegato.

Marco Herrmann lavora dal 1992 in famose banche e società di investimento. Dal 2010 è responsabile della strategia di investimento di FIDUKA in qualità di amministratore delegato.

D'altro canto, le aspettative del primo rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve americana vengono sempre più respinte. Ciò è dovuto recentemente all’improvviso aumento del tasso di inflazione del 3,5% a marzo. L'economia americana sta andando molto bene grazie alla politica di spesa molto espansiva del governo. Per questo motivo il tasso di inflazione non è più in calo, ma dalla metà dello scorso anno si è stabilizzato su un livello superiore al 3%. Dato che i prezzi del petrolio greggio sono tornati a salire, difficilmente ci saranno sorprese positive sul fronte dell'inflazione.

In ogni caso, il tasso di base, senza tenere conto dei prezzi dei generi alimentari e dell'energia, è attualmente ancora molto elevato (3,8%). Tuttavia, i membri della Fed si aspettano fino a tre tagli dei tassi di interesse quest’anno. Questo può essere sorprendente.

Naturalmente possiamo dire che il tasso di interesse di riferimento nell'attuale range del 5,25-5,50% è sufficientemente al di sopra del tasso di inflazione da consentire ora di esercitare pressione sui freni e rimanere nell'intervallo ristretto.

Tuttavia, ciò che è più probabile sono considerazioni economiche, e potrebbero esserci anche motivazioni politiche all’opera tra alcuni membri della banca centrale – ad esempio, rilanciare l’economia per impedire l’elezione di Donald Trump. Nonostante i buoni dati economici, il mondo dei “piccoli uomini”, cioè delle fasce più povere della popolazione, appare molto peggiore di quanto non fosse prima della grande ondata di inflazione.

Sollievo attraverso tassi di interesse più bassi

I generosi assegni distribuiti dal governo sono stati emessi durante e dopo il Corona. L’inflazione ha ridotto il reddito reale disponibile per molte persone e l’aumento dei tassi di interesse ha reso il debito delle carte di credito e i prestiti automobilistici notevolmente più costosi. I tassi di insolvenza per tali prestiti sono aumentati costantemente negli ultimi mesi, raggiungendo in alcuni casi i livelli più alti da oltre un decennio. I bassi tassi di interesse darebbero sollievo a queste persone. Non hanno nulla da guadagnare da un mercato azionario in rialzo perché non hanno risorse.

Anche il governo americano sarebbe felice di abbassare i tassi di interesse. I tempi della sana gestione del bilancio sono finiti al più tardi dopo la crisi dei mercati finanziari del 2008. Inizialmente, i tassi di interesse persistentemente bassi hanno compensato l’elevato onere del debito. Ma con lo spostamento dei tassi di interesse nel 2022, tutto ciò è finito. Oggi è prevista l'emissione di nuovi titoli del Tesoro USA decennali con un rendimento del 4,5%. Il tasso di interesse medio per tutti i titoli di stato statunitensi sul mercato è del 2,3%. Ciò significa che il governo dovrà pagare circa due punti percentuali in più per rifinanziare il proprio debito rispetto a quanto paga attualmente.

Con un debito pari a circa 30.000 miliardi di dollari, un aumento di due punti percentuali dei tassi di interesse sui prestiti rappresenta una somma di denaro elevata. Questo denaro viene perso altrove o, se non risparmiato, fa sì che il debito aumenti più velocemente di prima. Il Fondo monetario internazionale prevede per il 2024 un deficit di bilancio del governo americano pari al 7,6%, dopo l’8,8% dell’anno precedente. Le prospettive per i prossimi anni non sembrano migliori. Nel giro di pochi anni, il debito americano in percentuale del Pil raggiungerà il livello del debito italiano.

La prospettiva di tassi di interesse più bassi ha rallentato l’aumento dei rendimenti

Il conflitto tra i banchieri centrali si riflette anche sui mercati obbligazionari, dove i rendimenti dei titoli del Tesoro statunitense a lungo termine sono aumentati di circa mezzo punto percentuale dall’inizio dell’anno. Una maggiore offerta (aumento del debito nazionale) soddisfa una minore domanda (boicottando singoli paesi emergenti come la Cina).

La prospettiva di tassi di interesse più bassi ha sicuramente rallentato l’aumento dei rendimenti. Se queste speranze dovessero essere abbandonate perché l’inflazione torna a salire, il risultato potrebbe essere un forte aumento dei tassi di interesse. Gli investitori non dovrebbero inoltre sottovalutare il rischio di uno sciopero dell'acquirente. L'amministratore delegato di lunga data della grande banca americana JP Morgan ha recentemente dichiarato di avere nel cassetto un progetto per un tasso di interesse dell'8%. Tuttavia, ha anche un piano per un tasso di interesse di mercato del 2%. Quest’ultima opzione sarà probabilmente realistica in caso di recessione più profonda.

La conclusione è che i mercati finanziari sono diventati più vulnerabili agli shock esterni a causa dell’aumento dei livelli di debito globale. Per decenni, i titoli di Stato a lungo termine sono serviti da cuscinetto di rischio durante le fasi di mercato surriscaldate, perché in genere beneficiano della fuga degli investitori verso porti sicuri. E se la causa delle turbolenze fossero i mercati obbligazionari? Allora anche questa strategia non aiuta.

La domanda è 25.000 euro

In sostanza, puoi costruire un portafoglio resistente alle intemperie attraverso una buona diversificazione, ma se piove, ti bagnerai anche tu. Ciò significa che chiunque sia coinvolto nei mercati finanziari deve poter convivere con la volatilità perché questa può essere evitata solo fino a un certo punto. Ad esempio, un portafoglio di 25.000 euro con un’elevata percentuale di obbligazioni e un’elevata concentrazione di titoli assunti rischia di perdere potere d’acquisto reale a lungo termine a causa dell’inflazione – o ancora di più se il debito pubblico non è più sostenibile e deve essere ripagato. ristrutturarlo. Ristrutturazione. Gli investitori dovrebbero preferire titoli solidi con forti prospettive di crescita e bilanci solidi. Oro e obbligazioni a breve termine completano il portafoglio.

Marco Herrmann lavora dal 1992 presso rinomate banche e società di investimento. Dal 2010 è responsabile della strategia di investimento in qualità di amministratore delegato Viduka.

Questa pubblicazione è a scopo informativo e ad uso esclusivo del destinatario. Non costituisce un'offerta o una sollecitazione da parte o per conto di FIDUKA ad acquistare o vendere titoli o fondi di investimento. Le informazioni contenute in questa pubblicazione sono state raccolte da fonti considerate affidabili. Tuttavia, FIDUKA non fornisce alcuna garanzia circa la sua affidabilità e completezza e declina ogni responsabilità per perdite derivanti dall'uso di queste informazioni.