Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La discalculia non è una malattia e quasi tutti possono imparare la matematica

La discalculia non è una malattia e quasi tutti possono imparare la matematica

di Clemens Hugh

A partire dal 2 maggio 2023 alle 8:55

Nota 2.5: una versione precedente di questo articolo affermava erroneamente che la figlia di 13 anni frequentava una scuola per bisogni speciali. In effetti, ho frequentato un liceo liberale e ho preso una B in matematica. L’abbiamo corretto.

“Non so come abbiano fatto, ma oggi mia figlia sa contare”. Miriam Schmidt (nome cambiato) ha attraversato un lungo calvario. Il tuo tredicenne non è riuscito a tenere il passo con le lezioni di matematica di prima elementare. Ho commesso molti errori durante i test e con il tempo i problemi sono cresciuti.

Gli insegnanti hanno consigliato alla madre di fare più esercizio con sua figlia. Miriam Schmidt, che ha studiato proprio come suo marito, ha fatto del suo meglio: ha mostrato a sua figlia come fare i conti mentre cucinava o usava i cubi di legno, “così poteva vederlo”, dice Schmidt. Ma niente di tutto ciò ha aiutato. “A quel tempo, semplicemente non potevo immaginare che ci fossero persone che non potevano immaginare i numeri”, dice oggi.

I Ministeri dell’Istruzione dichiarano di non essere responsabili della discalculia

Gli insegnanti a scuola non conoscono la discalculia, il problema che alcuni bambini hanno specifiche difficoltà di apprendimento in matematica. I Ministeri dell’Istruzione sanno che ci sono bambini che vanno davvero bene nella maggior parte delle materie e falliscono solo in numeri e aritmetica. Ma a differenza della dislessia, la cosiddetta compromissione della lettura e dell’ortografia, funzionari e politici dell’istruzione spesso si dichiarano irresponsabili.

“La discalculia differisce dalla dislessia in quanto non ci sono risultati di ricerca validi e corretti da nessuna parte”, afferma Felix Kneth, portavoce del Ministero dell’Istruzione della Turingia all’inizio dell’anno quando richiesto da MDR AKTUELL. E aggiunge: “Supponiamo che nel caso della discalculia sia soprattutto l’abilità dello studente stesso ad essere limitata, per non parlare della prova della sua abilità”. In altre parole: con la discalculia il problema non sono le lezioni scolastiche, ma lo studente.

La debolezza aritmetica era risolvibile: oggi la ragazza poteva spiegare le operazioni aritmetiche di base

Miriam Schmidt è stata fortunata. Conosceva un suo amico che soffriva di aritmetica in età adulta. “Questa è l’unica ragione per cui ci ho pensato in quella direzione, se fosse un problema di mia figlia”, dice. Alla fine, la ragazza probabilmente ha salvato una parte significativa del suo futuro. Perché Schmidt è riuscita a finanziare le cure di sua figlia. Per tre anni, la ragazza l’ha visitata una volta alla settimana Centro per la cura della discalculia (ZTR) a Lipsia. La struttura è disponibile anche in molte altre città.

“In qualche modo sono riusciti a spiegarglielo”, dice Schmidt. A poco a poco i brutti voti sono migliorati, da cinque in matematica a quattro, poi tre. Oggi la ragazza frequenta una scuola superiore gratuita a Lipsia, ma lì ottiene una B in matematica: “Non farai matematica attuariale, ma andrà bene l’aritmetica di base”, riassume la madre.

Il racconto è ben compreso e descritto scientificamente

Questo caso è un esempio del fenomeno della cattiva matematica, che alcuni vogliono considerare una malattia congenita, ma gli scienziati ritengono che derivi da un insegnamento inadeguato della matematica nelle scuole. Non solo i terapeuti ZTR la vedono in questo modo, ma anche i ricercatori educativi che si occupano di discalculia da molto tempo.

Il docente Michael Jaeduszek dell’Università di Posen in Alto Adige lavora sul problema dei disturbi speciali dell’apprendimento nelle lezioni di matematica. Se gli chiedi dell’affermazione del Ministero dell’Istruzione della Turingia secondo cui il problema non è stato ancora adeguatamente studiato, ride ad alta voce e poi risponde brevemente: “Certo che puoi sempre indagare in modo più dettagliato. Ma questa affermazione manca di qualsiasi base scientifica. “

Se non capisci le basi della matematica, dovrai affrontare problemi sempre più grandi

A partire dagli anni ’30, ci sono stati studi che hanno spesso riassunto la specificità logica di base dell’insegnamento della matematica. Più della maggior parte delle altre materie scolastiche, la matematica è organizzata in modo strettamente gerarchico. Ogni fase di apprendimento si basa sulle fasi precedenti. Se non capisci che i numeri denotano quantità, troverai molto difficile aggiungere e sottrarre. Se non conosci “Plus” e “Minus”, non capisci “Mal” e “Geteilt”. E se non vai d’accordo con queste operazioni aritmetiche di base, non capirai mai le funzioni con le variabili.

Gaidoschik riassume “Se non hai capito o rinforzato sufficientemente qualcosa di fondamentale a un certo livello, ci saranno difficoltà conseguenti a un livello superiore”. Quindi, se non capisci qualcosa all’inizio della lezione di matematica, ti imbatterai in problemi che diventano sempre più importanti di anno in anno. “Viene aggiunto sempre nuovo materiale. I bambini sviluppano sempre nuove strategie di sostituzione”.

Non esiste una comprensione innata dei numeri


In piedi uno accanto all’altro ci sono Olaf Stephen, Jorg Kwapis e Stephen Marks
Credito immagine: MDR/Clemens Haug

I terapisti ZTR hanno familiarità con questo problema. Gli alunni non dovrebbero avere lacune nel corso dell’apprendimento della matematica. “Perché c’è una mancanza di conoscenza per poter giungere alla conclusione successiva. E se non riesco a giungere a una conclusione e non riesco a trarre la successiva, ho sviluppato una lacuna di conoscenza che mi porta rapidamente al punto dove questo processo di apprendimento è completamente rimasto indietro”, afferma Olaf Steffen, uno dei manager di ZTR.

Ma il sistema educativo spesso non riesce a insegnare ai bambini le basi necessarie. Non esiste una comprensione naturale dei numeri, afferma Joerg Kwapis, collega di Stephen. “Nel Medioevo tutti contavano con le dita.” A differenza del Medioevo, le società odierne richiedono agli individui di sviluppare una comprensione astratta dei numeri. Ma questo non si sviluppa da solo, motivo per cui gli incubi richiedono: “Devi impararlo sistematicamente con i bambini dell’asilo”.

A volte i concetti di base della matematica non vengono compresi


Gli insegnanti di matematica dicono che la comprensione dei numeri non è innata, ma deve essere appresa.
Credito immagine: IMAGO/Westend61

Il seguente esempio può aiutare a capire meglio il problema: a ZTR a volte vengono bambini e anche adulti per i quali i numeri non sono quantità astratte, ma puri nomi senza contenuto specifico, che stanno in fila come lettere dell’alfabeto. Il sette viene dopo il sei e viene prima dell’otto. A queste persone manca la percezione che “posso anche dire a sei, che è uno meno di sette o due volte tre”, spiega Kwabies. Invece, le persone colpite ricorrono spesso a strategie alternative: memorizzano i risultati, li calcolano o devono provare a copiare le soluzioni dei loro compagni di classe. Tutto questo è molto faticoso. La matematica può essere sopravvissuta solo con grande sforzo.

Dal punto di vista degli insegnanti e dei terapeuti, se un bambino ha una menomazione in aritmetica, significa soprattutto che manca un certo passaggio nella lunga catena di risultati che compongono la capacità di calcolare e di fare matematica. Ma le scuole spesso non riescono a colmare queste lacune nei loro studenti. Perché il curriculum prevede che nuovi argomenti debbano essere costantemente aggiunti alle lezioni, indipendentemente dal fatto che tutti gli studenti abbiano o meno le basi. “La migliore istruzione non sarà sufficiente finché si aderisce al principio secondo cui tutti i bambini devono compiere un certo progresso nell’apprendimento in un certo periodo di tempo”, afferma l’insegnante di matematica Gaidoschik.

Il problema della discalculia può essere risolto solo cambiando radicalmente il sistema scolastico

Una soluzione all’interno della scuola sarà possibile solo attraverso una sorta di rivoluzione educativa, affermano i materapisti di ZTR: “Le lezioni dovranno essere molto più individualizzate. Gli insegnanti appositamente formati con conoscenze di matematica dovranno correggere le lacune che sono sorte in bambini. O anche loro non creeranno una vacanza”, dice Olaf Steffen. Ma per questo, gli insegnanti dovranno trattare più intensamente con i singoli studenti. In classi numerose con più di 25 studenti, questo è del tutto irrealistico.

Inoltre, in un sistema scolastico con i suoi voti, spesso ci si aspetta che gli esami terminino con una sorta di normale distribuzione dei voti. Parte del lavoro è già abbastanza difficile se alcuni studenti ottengono voti molto buoni, la maggior parte ne prende tre o quattro e alcuni ne ottengono scarsi. Ma quest’ultimo spesso significa che alcuni contenuti non sono stati compresi: la scuola non specifica di cosa si tratta e se è probabile che sia cumulativo. Se questo vuoto non può essere colmato dopo, il bambino perde il contatto. Nel caso di debolezze aritmetiche, ciò accade già nelle prime lezioni delle prime classi.

“Questo può arrivare al punto in cui i bambini sviluppano una paura della matematica”, afferma Michael Jaeduschik. Se non ricevono aiuto, gli studenti alla fine abbandonano, sfidano, interrompono le lezioni o smettono del tutto di frequentare.

I problemi di matematica possono trasformarsi in problemi psicologici

Alla ZTR, i terapisti sperimentano che i bambini acquisiscono sicurezza molto rapidamente quando si rendono conto che improvvisamente capiscono la matematica. “Insieme agli studenti, diamo la prova: sei un esperto in matematica. Puoi spiegare cosa sta succedendo lì e gli esperti possono farlo”, afferma Jörg Kwapis. Non tutti i bambini diventano improvvisamente professionisti dell’aritmetica a seguito della terapia. Ma come nel caso della figlia di Miriam Schmidt, Olaf Steffen afferma che il 98% delle volte viene impartita una conoscenza di base della matematica.

Tuttavia, il trattamento costa circa 250-300 euro al mese per 45 minuti di matematica a settimana. I costi sono a carico dell’assistenza sociale gestita dall’Ufficio per la tutela dei minori solo se, oltre alle difficoltà di apprendimento, i bambini presentano una serie di altri problemi mentali ed eventualmente anche fisici derivanti da problemi di matematica. Dovrebbe essere fatta una diagnosi specialistica per determinare se tale sviluppo si è verificato o è a rischio di verificarsi. Solo allora può esserci il diritto legale di ottenere un’assistenza adeguata.

La vera compensazione per i difetti: spiegare la matematica

Alcuni genitori e associazioni richiedono anche che i bambini ricevano quella che viene chiamata indennità di privazione se hanno particolari problemi con la matematica, ad esempio più tempo per i test in classe o voti meno rigorosi. Dal punto di vista dell’esperto di educazione Gaidoschik o dal punto di vista dei terapisti ZTR, questa è la strada sbagliata. “Ciò significa trattare i sintomi piuttosto che il problema. Ciò non cambia affatto la mancanza di conoscenza causale; l’emarginazione sociale continua a minacciare, perché tutta l’istruzione richiede una conoscenza della matematica con licenza”, afferma Olaf Steffen.

“L’unica degna compensazione per questa mancanza è spiegare i concetti matematici ai bambini”, afferma Michael Jaeduschik. Ma questo è molto difficile per molti insegnanti, specialmente se non hanno studiato educazione matematica ma stanno entrando nella professione come cambiavalute.

Capire la matematica: non è mai troppo tardi

I terapisti del Difficulty Math Center hanno detto che non è mai troppo tardi per mettersi al passo con la matematica. Jörg Kwapis parla di un’infermiera che “si è ritirata dalla professione perché non sapeva cosa stesse effettivamente facendo quando riempiva o raccoglieva medicinali”. Ora sta affrontando il problema, parallelamente a una maggiore formazione medica. “Li rende di successo”, afferma Kwapis. Il rientro al lavoro è già previsto.

Questo argomento nel programma:MDR Notizie | 02 gennaio 2023 | 06:00