Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Cina è ora all’avanguardia quando si tratta di pompe di calore

La Cina è ora all’avanguardia quando si tratta di pompe di calore
  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

da: Christian Cowell

Presto sarà di proprietà degli Stati Uniti: il capannone di produzione delle pompe di calore di Fiessman. © Viessmann / dpa

Il settore delle pompe di calore è preoccupato per la concorrenza attesa dall’Asia. Ora, il leader di mercato in Europa sta vendendo Viessmann al potente gruppo finanziario statunitense Carrier Group. Questo può aiutare?

MONACO DI BAVIERA – Per tutto il giorno sono circolate voci, la conferma è arrivata nella tarda serata di martedì: l’ingegnere del riscaldamento Fissmann, leader del mercato europeo delle pompe di calore, Vende esattamente questo segmento redditizio al gruppo statunitense Carrier Global. Ministro federale dell’Economia Roberto Habeck Ha annunciato che avrebbe controllato l’affare. “È importante che i benefici della nostra politica energetica e i profitti che ne derivano continuino a beneficiare la Germania come luogo di scambio”, ha affermato mercoledì Habeck. “Presteremo attenzione a questo.” Tuttavia, l’atmosfera è abbastanza tranquilla. Non si può immaginare l’entusiasmo se un concorrente cinese arriva a Viessmann.

Sia la Cina che Stati Uniti d’America, è considerato uno dei concorrenti più seri dell’industria tedesca delle pompe di calore. I dispositivi mirano a dare un contributo decisivo al trasferimento di calore e sono sulla strada del successo in tutta Europa. Finora le pompe di calore per il mercato tedesco venivano prodotte principalmente in Germania. Tuttavia, molti produttori di CinaGiappone, Corea del Sud e Stati Uniti si stanno precipitando nel mercato in forte espansione. E sempre più ingredienti provengono dall’Asia, in particolare le patatine da Taiwan e da altre parti della Repubblica popolare cinese.

Pompe di calore: produttori asiatici ai blocchi di partenza

È imminente una ripetizione del disastro fotovoltaico? E come promemoria: diversi anni fa, l’industria fotovoltaica tedesca è crollata di fronte a un’ondata di sistemi economici di produttori sovvenzionati dallo stato in Cina. La quota di mercato tedesca di circa il 20% in tutto il mondo è diminuita dal 2008 in poi. Diversi fornitori sono falliti e Bosch ha sciolto la sua divisione solare. L’operazione ha mostrato quanto velocemente si può perdere una forte posizione competitiva. All’epoca, lo Stato non voleva intervenire a sostegno. Ora è diverso: sia Berlino che l’UE ora sanno che, dati i concorrenti sovvenzionati nelle tecnologie chiave del futuro, i paesi dovranno prendere i soldi nelle proprie mani.

“L’esempio negativo del settore fotovoltaico è ovunque. Nessuno vuole ripeterlo”, afferma Bjorn Schreinermacher, Head of Policy presso Associazione federale delle pompe di calore. “Siamo in una difficile fase di transizione, in cui dobbiamo guardare come si posizionano i concorrenti”. I produttori europei di pompe di calore sono già leader tecnologici in alcuni settori, in particolare nei sistemi a pompa di calore ad acqua. Tuttavia, questo vantaggio non è sostenibile perché i concorrenti dell’Asia e del Nord America stanno recuperando rapidamente grazie ai sussidi lì, afferma Schreinermacher Zoom. Mercurio di Monaco da IPPEN MEDIA.

Pompe di calore: i produttori sostenuti dall’estero stanno spingendo nel fiorente mercato dell’UE

Negli Stati Uniti, questo è, tra gli altri, Carrier Global. Famosi fornitori dal Giappone sono Daikin e Mitsubishi. Il gigantesco gruppo sudcoreano Samsung – noto in questo Paese per i suoi smartphone – produce anche pompe di calore per l’esportazione. Tra i maggiori fornitori di pompe di calore in Cina ci sono grandi produttori di elettrodomestici come Gree, Midea e Haier. Finora, la Cina si rivolge principalmente ai mercati europei per le pompe di calore ad aria, che sta anche installando in numero crescente a livello nazionale. Nella prima metà del 2022, le esportazioni cinesi di pompe di calore ad aria sono aumentate vertiginosamente. Oro nell’Unione europea secondo il rapporto di stato Quotidiano cinese La sola Bulgaria nel 2022 era più di sette volte più grande dello stesso periodo dell’anno precedente, la Polonia cinque volte e l’Italia tre volte tanto.

Il mercato UE delle pompe di calore è attraente perché attualmente sta crescendo del 35% più velocemente di qualsiasi altra regione del mondo. L’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) prevede un fatturato annuo di sette milioni di dispositivi nel 2030, rispetto ai due milioni nel 2021. La tecnologia è in forte espansione anche in Cina: secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, nel 2021 verranno installate circa 13 milioni di pompe di calore. .

L’anno scorso in Germania sono state vendute circa 236.000 pompe di calore, con un aumento del 53%. più che nel 2021. I produttori tedeschi hanno generato circa 2,8 miliardi di euro nel 2022. Il governo federale punta a un fatturato annuo di 500.000 unità. Quindi i produttori stanno espandendo le loro capacità con un grande costo finanziario. Con la recente apertura di un imponente impianto a Seneca, in Slovacchia, Vaillant ha aumentato la sua capacità di 300.000 pompe di calore all’anno fino a superare il mezzo milione di unità. E la stessa società Fissmann ha annunciato che investirà 1 miliardo di euro per espandere la sua produzione entro il 2025.

Weissmann: Insieme siamo più forti

Ma l’azienda di famiglia Sembrava che Viessmann non volesse più fare da solo. Max Viessmann, CEO del Gruppo Viessmann, lo ha espresso così martedì sera: “Possiamo gestire con successo la transizione energetica globale solo se le aziende pensano, agiscono e agiscono insieme a livello globale”. Unendo le forze con Carrier, verrà creato un attore globale “a prova di futuro” nelle soluzioni di climatizzazione. “La fusione crea un leader dell’innovazione in rapida crescita in un mercato altamente competitivo da una posizione di forza”.

Le parole di Fisman chiudono l’accordo con una nota positiva, ma mostrano tutto il rispetto che l’industria dovrebbe avere per i futuri concorrenti. La quota della Cina nel mercato tedesco è ancora di poco superiore al 20%, secondo l’Associazione Tedesca delle Pompe di Calore, citando il Fraunhofer Institute. Ma è così che è iniziato con il fotovoltaico. Quindi il sindacato ei produttori premono per i sussidi governativi. “La concorrenza nel settore delle pompe di calore deciderà anche il prezzo, ecco perché i sussidi sono importanti”, afferma Schreinermacher. Anche in Europa è in corso una campagna per rispondere ai sussidi di Stati Uniti, Cina e altri paesi.

Accordo sulla pompa di calore: il governo vede una prova di qualità per la Germania come sede aziendale

Le conseguenze della fusione di Viessmann e Global Carrier sono ancora aperte. Con il suo grande capitale, Carrier lo aiuterà a costruire la scala di cui ha bisogno per respingere la concorrenza dall’Asia? O l’azienda vuole principalmente sbarazzarsi di un concorrente europeo? “Siamo venuti per investire in Germania, per investire nella forza lavoro, per investire nella crescita”, ha sottolineato il presidente di Carrier David Gitlin.

In ogni caso, il governo federale non vede il lavoro come una battuta d’arresto per l’industria delle pompe di calore. Il portavoce del governo Steffen Hebbestreit ha affermato mercoledì che l’esempio mostra innanzitutto che i produttori tedeschi hanno il know-how delle tecnologie future e stanno attirando capitali internazionali. Anche il ministro dell’Economia Habeck ha resistito mercoledì a un confronto con l’industria solare tedesca. “Esamineremo il progetto come parte delle fasi di test pianificate e parleremo con il venditore e l’investitore”, ha affermato Habeck. “In modo che il progetto serva la nostra economia e la Germania come luogo di lavoro”.