Aprile 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Cina chiede un cessate il fuoco in Ucraina – Berbock e Hofreter esprimono i loro dubbi

La Cina chiede un cessate il fuoco in Ucraina – Berbock e Hofreter esprimono i loro dubbi

SI politici del Partito dei Verdi e del Partito Democratico Libero sono scettici sulle proposte cinesi per porre fine alla guerra in Ucraina. Il ministro degli Esteri Annalina Berbock (i Verdi) ha dichiarato venerdì in una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a New York che il documento contiene diverse posizioni ben note. Se Pechino lo avesse voluto, la leadership avrebbe potuto già usare la sua influenza.

La Cina ha responsabilità speciali come membro permanente del Consiglio di sicurezza. Avrebbe potuto usare la sua influenza con la Russia per convincerla di questo piano”. “È importante che la Cina avverta di un’escalation nucleare”, ha affermato. Tuttavia, con l’ultima risoluzione delle Nazioni Unite, esiste un piano di pace per l’Ucraina. Questo include il ritiro delle forze russe.

“Chi parla di pace non deve voler dire arrendersi. Chi equipara l’aggressore alla vittima non fa la pace, ma premia la violenza”, ha detto il politico dei Verdi, “Sarà la strada per un ordine mondiale diverso, dove la legge del più forte si applica.” Il governo federale farà di tutto per mantenere “Altrimenti, nessun piccolo paese sarà in grado di vivere in sicurezza in futuro”, ha detto il ministro degli Esteri tedesco.

Maggiori informazioni su questo argomento

Anton Hofreiter (I Verdi), presidente della Commissione europea al Bundestag, ha accolto con favore lo sforzo di pace in linea di principio. Il presupposto per la pace tra Ucraina e Russia è il ritiro delle forze russe dal territorio ucraino. “Ho seri dubbi sul fatto che la Cina stia agendo come un broker onesto qui”, ha detto Hofreter Welt.

Venerdì il ministro degli Esteri Analina Berbock in viaggio dalla Deutsche House, rappresentante permanente della Germania presso le Nazioni Unite, alla sede delle Nazioni Unite.

Venerdì il ministro degli Esteri Analina Berbock in viaggio dalla Deutsche House, rappresentante permanente della Germania presso le Nazioni Unite, alla sede delle Nazioni Unite.

Fonte: dpa / Bernd von Jutrczenka

Hoferter ha affermato che giovedì la Cina si è nuovamente astenuta dal voto sulla risoluzione delle Nazioni Unite e non ha condannato l’attacco. Ci sono indicazioni che la Cina voglia anche sostenere militarmente la Russia in futuro, ad esempio con droni kamikaze. “Questo non indica neutralità, ma piuttosto un doppio gioco a spese delle vittime della guerra ucraina”, ha aggiunto.

Anche la presidente del Comitato per la difesa, Marie Agnes Strack Zimmerman (FDP), ha espresso dubbi sul potenziale ruolo della Cina come pacificatore. “Senza la Cina, la Russia non avrebbe attaccato”, ha detto Strack-Zimmermann a WELT TV. “Putin è stato – lo ricordiamo – solo un anno fa alle Olimpiadi e ha ottenuto il via libera”. mondo democratico “, e non dovrebbero sottovalutare in questo modo. Questo porta questa amicizia. “

“Senza la Cina la Russia non avrebbe attaccato”

Dov’è la comunità internazionale dopo un anno di guerra in Ucraina? Marie-Agnes Strack-Zimmermann ritiene che ci troviamo a un bivio per capire se possiamo davvero consentire alle generazioni future di sperimentare ciò che abbiamo potuto sperimentare noi: un’Europa in crescita, pace e democrazia.

Fonte: WELT / Marie-Agnes Strack-Zimmermann

La Cina chiede un cessate il fuoco in Ucraina e chiede negoziati

La Cina aveva precedentemente chiesto un cessate il fuoco nella guerra in Ucraina. In un foglio da 12 punti Pubblicato dal Ministero degli Affari Esteri a Pechino venerdì, è necessaria un’immediata ripresa dei negoziati tra Ucraina e Russia. Il documento di posizione afferma: “Il dialogo e il negoziato sono l’unica soluzione possibile alla crisi ucraina”.

Innanzitutto, la Cina chiede il rispetto per “la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale di tutti i Paesi”. Allo stesso tempo, è anche necessario che vengano presi sul serio i “legittimi interessi di sicurezza di tutti i paesi”. I diplomatici vedono questa formulazione come una chiara indicazione dell’argomento della Russia secondo cui deve difendersi dagli Stati Uniti e dalla NATO.

Chiede inoltre la fine delle sanzioni occidentali contro la Russia, misure per mettere in sicurezza gli impianti nucleari, la creazione di corridoi umanitari per l’evacuazione dei civili e misure per garantire l’esportazione di grano.

Leggi anche

Altalena Gregor Combo XI Jinping

Piano di pace per l’Ucraina

Borrell, il massimo diplomatico dell’UE a New York, ha affermato che il piano in 12 punti di Pechino “non è un piano di pace, ma un documento di posizione”. In esso, la Cina ha riassunto le posizioni espresse dall’inizio della guerra in Ucraina.

Una portavoce della Commissione europea a Bruxelles ha affermato che la posizione della Cina si basa su un obiettivo errato. Sebbene il documento enfatizzi alcuni dei principi della Carta delle Nazioni Unite, è selettivo e inadeguato nel suo impatto sulla guerra. “Il documento di posizione non tiene conto di chi è l’aggressore e chi è vittima di una guerra di aggressione illegale e ingiustificata”, ha detto la portavoce.

Selenskyj accoglie il progetto, il cancelliere lo respinge

Kiev ha inviato segnali contrastanti in risposta a un quotidiano di Pechino venerdì. “La Cina ha iniziato a parlare dell’Ucraina, il che non è male”, ha detto venerdì il presidente Volodymyr Zelensky in una conferenza stampa. L’Ucraina deve cooperare con la Cina. “Il nostro compito è unire tutti per isolarne uno”, ha aggiunto riferendosi alla Russia.

Leggi anche

Ancora progettato un anno dopo: il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky

Intervista a Volodymyr Zelensky

Il consigliere presidenziale Mykhailo Podolak ha respinto il documento. Ha scritto su Twitter: “Qualsiasi ‘piano di pace’ che preveda solo un ‘cessate il fuoco’ e la conseguente nuova linea di demarcazione e occupazione di territori non legati alla pace”. Piuttosto, si tratta di “congelare la guerra”, “le prossime fasi del genocidio” – e quindi la sconfitta. L’Ucraina continua a insistere sul ritiro delle forze russe dai suoi confini riconosciuti a livello internazionale nel 1991.

La Russia insiste nel riconoscere le annessioni

Il ministero degli Esteri di Mosca ha approfittato della pressione cinese per annunciare ancora una volta i suoi termini per porre fine alla guerra. “Accogliamo con favore il sincero desiderio dei nostri amici cinesi di aiutare a risolvere il conflitto in Ucraina con mezzi pacifici”, ha detto venerdì la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova. “Condividiamo le considerazioni di Pechino”.

Tuttavia, la precondizione per una soluzione diplomatica è la fine delle forniture di armi occidentali all’Ucraina, la cessazione di tutte le ostilità e il ritorno dell’Ucraina a uno stato neutrale e non allineato. Inoltre, dovrebbero essere riconosciute le “nuove realtà territoriali”, ovvero l’annessione illegale di diversi territori ucraini da parte della Russia. Zakharova ha anche ribadito l’obiettivo originario di Mosca per la guerra: “disarmare e disarmare” l’Ucraina.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.