Maggio 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La catena di moda C&A chiude le filiali: così vanno gli affari a Herforder

La catena di moda C&A chiude le filiali: così vanno gli affari a Herforder

Tutti i centri urbani in Germania possono cambiare. La pandemia di Corona ha subito un’accelerazione così grave. Molte catene di vendita al dettaglio stanno lasciando i centri. La maison H&M ha detto addio a Herford a fine ottobre 2021, seguita da Orsay sei mesi dopo, Gerry Weber nell’estate 2022 e tra poche settimane chiuderà anche il fashion store Patches nel Neuer Markt.

Ulteriori informazioni sui temi del tempo libero nelle regioni di Herford e Minden-Lübbecke sono disponibili nella sezione “Lifestyle, Gastro, Shopping”.

C&A ha 1.300 filiali in 17 paesi europei

Ma i fan della serie C&A possono respirare facilmente a Herford. “Al momento non ci sono piani per chiudere una filiale a Hereford”, ha detto l’ufficio stampa della società. “Quindi siamo lieti di continuare ad accogliere i nostri clienti nel nostro negozio”. D’altra parte, le filiali di Kiel, Elmshorn e Rendsburg saranno chiuse quest’anno, secondo diversi resoconti dei media.

Secondo le proprie informazioni, il gruppo ha 1.300 filiali in 17 paesi europei. Ci sono 403 negozi in Germania. “Queste sono una parte importante della nostra struttura di vendita. Anche se l’e-commerce cresce di importanza, continueremo a mantenere il nostro portafoglio di filiali”, ha affermato l’ufficio stampa. Negli ultimi 18 mesi, C&A ha modernizzato più di 730 negozi in tutta Europa. “Questo ci mette sulla strada giusta nella nostra strategia di modernizzazione del punto vendita”. La società non rivela alcun dettaglio su questo argomento, se dipendenti o immobili.

Attualmente ci sono 30 posti vacanti a Herforder, secondo il direttore del centro Ricarda Mohr. “Questo è un tasso di posti vacanti dell’otto percento.” Tutti i negozi sono incorporati all’interno del muro. Questo pone Herford in una buona posizione rispetto ad altre città. Secondo Mehr, la città ha del potenziale. C’è ancora qualcosa da fare. L’area pedonale è troppo lunga e sono necessarie più aree ricreative lungo il fiume e un mix di diramazioni. La città non poteva più sopravvivere solo con il commercio. “Le esperienze devono essere create”, afferma Mohr.