La casa automobilistica Chery vuole creare una fabbrica per la Volkswagen: ecco come i cinesi beneficiano dell’esodo di massa dalla Russia

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

La casa automobilistica Chery vuole una fabbrica per la VW
È così che i cinesi traggono vantaggio dallo spostamento dalla Russia

Di Diana Detmer

Le case automobilistiche cinesi sono le più grandi vincitrici in Russia. Quando i produttori occidentali si ritirano e abbandonano le loro attività, scioperano. È anche possibile che la concorrenza cinese si sposti presto nell’ex stabilimento Volkswagen di Kaluga.

Da mesi si vociferava di un possibile ingresso della casa automobilistica cinese Chery nel mercato russo, e ora sembra che si stia concretizzando. Come riporta “Handelsblatt”, citando fonti informate, il nuovo proprietario dell’ex stabilimento Volkswagen di Kaluga, il concessionario russo Avlon e la casa automobilistica cinese Chery stanno trattando una cooperazione. Chery potrebbe così rilevare come parte di una joint venture lo stabilimento a sud-ovest di Mosca, abbandonato dal marzo 2022.

La direzione del Gruppo Volkswagen abbandonò lo stabilimento dopo lo scoppio della guerra in Ucraina e completò la vendita nel maggio di quest’anno. E si è deciso di non rivelare il prezzo, come ha annunciato Volkswagen su richiesta di ntv.de. I 125 milioni di euro riportati dai media russi sarebbero errati. Secondo il rapporto annuale, il 2022 ha portato alla vendita di tutte le azioni di Volkswagen Group Rus LLC e delle sue filiali locali con una diminuzione di due miliardi di euro.

Avilon, sostenuta dalla società finanziaria russa Art Finance, da allora è alla ricerca di un partner per riprendere la produzione. Dopo l’acquisizione, Chery vuole produrre limousine con il nuovo marchio Omeda S5, ha riferito il Berliner Zeitung citando un portale automobilistico russo. La Volkswagen ha prodotto in questo stabilimento le vetture compatte Polo, Tiguan e Skoda Rapid dal 2007 al marzo 2022. Secondo l’azienda, nell’anno prebellico 2021, dalla catena di montaggio sono usciti qui circa 118.000 veicoli.

Per i cinesi l’accordo arriva al momento giusto. Sebbene Chery sia il marchio automobilistico più venduto al mondo in Russia, la sua attività ha recentemente sofferto di un aumento significativo dei dazi all’importazione. La Russia ha approvato questa legge lo scorso agosto per consentire all’industria nazionale di fabbricare i propri prodotti, ma l’industria automobilistica nazionale non può fare miracoli. I dazi doganali rendono i veicoli stranieri molto più costosi per gli acquirenti russi. In precedenza, Chery non aveva una propria fabbrica in Russia. E con l’ex stabilimento Volkswagen, la casa automobilistica cinese sarebbe avvantaggiata. Si dice che l’azienda sia in trattative contemporaneamente ad altri proprietari di stabilimenti automobilistici che hanno venduto o abbandonato i produttori occidentali a causa della guerra in Ucraina. Anche BMW, Mercedes, Renault e Hyundai hanno interrotto la produzione in Russia dopo lo scoppio della guerra e hanno lasciato il Paese.

Secondo gli esperti si può osservare una tendenza chiara: le aziende cinesi stanno sistematicamente colmando le lacune createsi nel mercato russo a seguito dell’uscita delle case automobilistiche. I dati attuali dell’Associazione cinese dei produttori CAAM (China Automobile Association) mostrano quanto le case automobilistiche cinesi siano cresciute in Russia quest’anno. La Russia è diventata il più grande acquirente di auto cinesi. La torta russa viene ora divisa tra alcune aziende nazionali (Avto/Lada e GAZGroup) e un gran numero di case automobilistiche cinesi. “Il mercato russo era molto frammentato”, afferma su ntv.de l’esperto cinese Gregor Sebastian dell’Istituto Mercator per gli studi cinesi di Berlino. “Ora sarà diviso tra Cina e Russia.”

I vincitori sono stati determinati: secondo i dati del servizio informazioni Marklines, la sola Chery ha registrato un aumento di quasi il 300% delle nuove immatricolazioni in Russia nel periodo gennaio-luglio 2023 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e Great Wall Motor, anche lui uno dei principali produttori dell’industria automobilistica. Anche le case automobilistiche più grandi ed emergenti della Repubblica popolare sono migliorate. Sono invece scese a zero le vendite di Volkswagen, Mercedes, Toyota, BMW e Toyota.

Chery si prepara anche al lancio in Germania

E l’incursione in Russia delle case automobilistiche cinesi solleva la questione di cosa significhi questa tendenza per la corsa al dominio del mercato automobilistico globale. Chery finora si è concentrata sui paesi emergenti e produce principalmente motori a benzina, mentre la casa automobilistica non è abbastanza importante quando si tratta di modelli elettrici. Tuttavia, l’esperto Merex Sebastian prevede che con la crescita del mercato russo – e forse più tardi anche nei paesi vicini, le casse dell’azienda risuoneranno. Ciò potrebbe anche essere utilizzato per promuovere lo sviluppo di nuovi paradigmi elettronici, afferma Sebastian in un’intervista a ntv.de. “Il produttore russo Lada non può acquisire tutte le fabbriche. Per Chery o Wall Motors, ciò offre una grande opportunità per realizzare maggiori profitti nel mercato russo e quindi recuperare terreno con il mercato automobilistico.”

In effetti, Chery non è più sconosciuta neanche in questo paese. La casa automobilistica gestisce da diversi anni un centro di progettazione e sviluppo a Rauenheim, vicino a Francoforte. Si prevede che molti altri modelli entreranno sul mercato a partire dalla fine del 2024. Successivamente verranno immesse sul mercato tre vetture in Germania.

“Fin dall’inizio della guerra in Ucraina era chiaro che i cinesi stavano sfruttando una scappatoia in Russia. Gli uccelli fischiavano dai tetti”, dice a ntv.de l’esperto automobilistico Ferdinand Dudenhofer del centro di ricerca automobilistica CAR. Secondo lui, però, è difficile che Chery riuscirà effettivamente ad investire in modelli di alta qualità con il ribaltamento e possibilmente l’espansione nell’Europa occidentale. “Chery è adatta per le auto semplici in Russia. C’è un rischio molto alto che Chery abbia una fabbrica in Russia, ma è improbabile che arrivi nell’UE con le sue auto russe. Kaluga a prima vista sembra un affare, ma le auto che può fare sono vendute solo in Russia o Bielorussia è solo metà dell’opera.

“Il furto di beni occidentali resta impunito”

L’economista russo Vladislav Inozimtsev osserva gli sviluppi in modo più critico. L’Europa non è solo “una delle maggiori opportunità di espansione” per gli agenti Chery e Russia. Anche le sanzioni contro la Russia verranno indebolite se paesi terzi come la Cina le aboliranno e garantiranno la fornitura di automobili alla popolazione.

E nel periodo da gennaio a fine luglio sul mercato russo sono state vendute mezzo milione di auto Venduto. Anche se non ha ancora raggiunto il livello precedente all’inizio della guerra e della pandemia, si tratta di una ripresa significativa rispetto all’anno precedente. In un’intervista a ntv.de l’economista ha criticato il fatto che “la produzione automobilistica russa era praticamente inesistente. Ecco perché i russi hanno incoraggiato i cinesi a intervenire”. E gli europei non fanno nulla per “vendicarsi”. L’idea reale delle sanzioni è privare il Paese di automobili o altri componenti importanti e tagliare le forniture. Per lui il fatto che i cinesi stiano acquistando beni occidentali nonostante le sanzioni russe è un “enorme sfondamento della diga”. “Prima nessuno mostrava alcun interesse per i beni”. Inozemtsev ritiene che ora la situazione cambierà.

Anche il fatto che la Russia abbia accumulato beni di società occidentali a un prezzo così basso o li abbia “rubati” per un prezzo simbolico, come lo definisce Inozimtsev, è per lui inaccettabile. Secondo Interfax la Volkswagen ha venduto Kaluga per l’equivalente di 125 milioni di euro. “La Volkswagen ha investito 850 milioni di euro in un moderno stabilimento a Kaluga. I russi hanno offerto un prezzo di acquisto di 125 milioni di dollari, cioè con uno sconto dell’80%.” Alla Renault è andata peggio. La casa automobilistica francese è stata costretta ad acquistare una quota di maggioranza nello stabilimento che aveva costruito a Mosca per un dollaro simbolico Resa al governo della città di Mosca. I veicoli del vecchio marchio russo “Moskvich” stanno ora lasciando la fabbrica. I produttori cinesi sono responsabili del design e del motore. “Ciò che sta accadendo oggi in Russia può essere tranquillamente descritto come la più grande rapina di investitori stranieri nella storia conosciuta”, ha scritto Inozimtsev in un articolo pubblicato a marzo.

“È andata male”, dice Sebastian. “Perché le aziende occidentali non traggono più profitti dalla Russia, ma dai produttori cinesi. Di fatto, hanno scavato una buca con essa.” Ma questo è sempre il problema delle sanzioni. In generale, l’esperto cinese vede il ritiro dei produttori tedeschi dalla Russia come “una perdita, ma non una rottura del collo”. E come ha chiarito il Gruppo Volkswagen su richiesta di ntv.de, non ci sono piani per un ritorno in Russia senza Putin.

Related articles

Qui si terranno gli Europei 2024

Pagina inizialegiocoCalciostava in piedi: 23 giugno 2024, 15:15Da: Alexander KindlPremeredivisoLa Croazia ha bisogno di una vittoria contro l’Italia...

Il festival è in diretta: tutte le informazioni sul programma e altro ancora

Venerdì è iniziato ufficialmente non solo il festival "Hurricane", ma anche il festival "Sawthead". All'ex aeroporto militare...

5 fattori di rischio da evitare

Giornale Wetterauerconsulentesalutestava in piedi: 23 giugno 2024 alle 14:57da: Giuditta MarroneInsisteDivideSebbene il cancro nasale sia considerato un cancro...

Kylian Mbappe: la UEFA è difficile, una squalifica pazzesca per la stella!

Le foto sembravano terribili! C'erano grandi preoccupazioni su Kylian Mbappe nella prima vittoria per 1-0 della Francia....