Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La carenza di vitamina D aumenta il rischio di morte – e un gruppo è particolarmente colpito

La carenza di vitamina D aumenta il rischio di morte – e un gruppo è particolarmente colpito
  1. Home page
  2. panorama

Nella stagione fredda il sole appare raramente. Il risultato per molte persone in Germania: carenza di vitamina D. Tuttavia, un livello troppo basso può aumentare il tasso di mortalità.

Monaco – Molte persone in Germania soffrono di carenza di vitamina D, soprattutto in inverno. Gli esseri umani producono da soli la vitamina D quando sono esposti a sufficiente luce solare, ma nella stagione fredda ciò è difficilmente possibile a queste latitudini. Per alcuni questo influisce sull’umore. Uno studio mostra conseguenze di vasta portata: livelli persistentemente bassi di vitamina D aumentano il rischio di morte.

Sole invernale: la carenza di vitamina D può avere conseguenze sulla salute (glifo). © IMAGO/Bernd Weil/MiS

Lo studio confronta i livelli di vitamina D in 78.000 pazienti con i dati dei registri di morte

Se c’è una carenza di vitamina D, il corpo non può assorbire il calcio dal cibo. Ciò porta quindi alla decalcificazione e infine all’ammorbidimento dell’osso. Ma non solo: uno Studio dell’Università di Medicina di Vienna Una ricerca del 2018 ha dimostrato che la carenza di vitamina D a lungo termine aumenta anche la mortalità, soprattutto tra le persone Diabete-Pazienti. Sono particolarmente colpiti i giovani e le persone di mezza età.

Il gruppo di ricerca guidato da Rodrigue Marcolescu ha utilizzato come database 78.581 pazienti che hanno effettuato misurazioni della vitamina D tra il 1991 e il 2011 presso il Dipartimento di Medicina di Laboratorio dell’Ospedale Generale di Vienna. L’età media delle persone testate era di 51 anni e il 31,5% erano uomini. Il team ha poi confrontato questi dati con il registro nazionale dei decessi austriaco. In media, i ricercatori sono stati in grado di seguire i pazienti per 10,5 anni e un massimo di 20 anni.

Questi sono i risultati di uno studio sulla vitamina D

I ricercatori hanno utilizzato un livello di vitamina D di 50 nmol/L come valore salutare. Fissano i valori bassi a 10 nmol/L e i valori alti a 90 nmol/L. Di conseguenza, lo studio ha dimostrato che un livello di vitamina D pari o inferiore a 10 nmol/L aumenta il rischio di morte di due o tre volte. I ricercatori hanno identificato i pazienti di età compresa tra 45 e 60 anni come un gruppo particolarmente a rischio, poiché avevano 2,9 volte più probabilità di morire per carenza di vitamina D. Tuttavia, valori elevati di 90 nmol/L o più riducono la mortalità del 30-40%. L’effetto maggiore si è verificato ancora una volta nella fascia di età compresa tra i 45 e i 60 anni.

Secondo lo studio, soprattutto i diabetici hanno beneficiato di livelli più elevati di vitamina D nel sangue. Tuttavia, la carenza vitaminica aumenta il rischio di morte di 4,4 volte. È interessante notare che lo studio non ha mostrato una relazione statisticamente significativa per i pazienti di età superiore a 75 anni Tra mortalità e livelli di vitamina D Costantemente. Nel loro studio, i ricercatori non sono stati nemmeno in grado di determinare l’effetto negativo causato da elevate concentrazioni di vitamina D nel sangue. Finora gli scienziati presumevano che un eccesso di vitamina D potesse portare a depositi di calcio nei reni, nel cuore, nel fegato o nei vasi sanguigni.

Questa è la quantità di luce solare di cui una persona ha bisogno

La Società tedesca di nutrizione consiglia di esporre al sole il viso, le mani, parte delle braccia e le gambe per 5-25 minuti al giorno tra le 12:00 e le 15:00, a seconda del tipo di pelle e della stagione dell’anno. Se è tra le 10 e le 12 o tra le 15 e le 18, è necessario raddoppiare la durata a causa della minore intensità del sole. I pannelli di vetro bloccano i raggi ultravioletti. Quindi non c’è modo di prendere un po’ d’aria fresca per ottenere quell’importante quota di sole.

Rischi per la salute: Carenza di vitamina D: aumento del rischio di morte

Studi precedenti avevano preso di mira specificamente le popolazioni più anziane, che spesso ricevono integratori di vitamina D, il che potrebbe aver distorto i risultati. I ricercatori dell’Università di Vienna hanno affermato: “I nostri risultati supportano la logica della diffusa integrazione di vitamina D per prevenire la mortalità prematura, evidenziano la necessità di una gestione precoce e dissipano le preoccupazioni su un potenziale effetto negativo a livelli più alti”.

Ulteriori studi supportano anche l’importanza di un equilibrio equilibrato di vitamina D. Uno a luglio 2023 sulla rivista specializzata natura Secondo una ricerca pubblicata dall’Università di San Paolo, la carenza di vitamina D contribuisce allo sviluppo della malattia renale diabetica. Questa malattia è una delle principali cause di morte tra i diabetici in tutto il mondo. Una vitamina D equilibrata non può prevenire il cancro, ma riduce significativamente il rischio di morte, come ha dimostrato uno studio di Harvard. Chiunque si ammali di cancro ha maggiori possibilità di sopravvivenza se ha abbastanza vitamina D nel sangue. Anche un bilancio equilibrato di vitamina D dovrebbe fare lo stesso Ridurre il rischio di demenza.