Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘La caccia è aperta’: in Congo si profila un nuovo genocidio

‘La caccia è aperta’: in Congo si profila un nuovo genocidio

“La caccia è cominciata”
Un nuovo genocidio si profila in Congo

Di Simon Schlendwin, Kampala

29 anni dopo il genocidio ruandese, i tutsi si trovano nuovamente ad affrontare una persecuzione sistematica e mirata, questa volta nella vicina Repubblica Democratica del Congo.

Sui social circolano attualmente foto e video orribili dal Congo: corpi mutilati nell’erba, uomini legati in un fosso. In un video, un uomo giace nudo a terra, mutilato da una serie di machete; Nel video successivo, uno degli uomini si mette della carne in bocca e dice: “Mangiamo ruandesi con il pane”.

Le atrocità attualmente commesse contro la minoranza tutsi in Congo ricordano l’anniversario del genocidio ruandese del 1994. Quasi tre decenni dopo, è all’orizzonte un altro genocidio contro la minoranza tutsi, solo questa volta nella vicina Repubblica Democratica del Congo?

L’inviata speciale delle Nazioni Unite per prevenire il genocidio, Alice Wiremo Nderito, ha dichiarato alla fine del 2022, dopo un viaggio in Congo, di essere “profondamente preoccupata”. La violenza attuale è un “segnale di allarme”. “Il genocidio è già in pieno svolgimento”, afferma David Karambi, un leader tutsi nella provincia del Nord Kivu, nel Congo orientale, dove vive la maggior parte dei tutsi. Indica una lunga lista di tutsi vittime di violenze l’anno scorso. Deve aggiornare la sua lista quasi ogni giorno e non riesce proprio a tenere il passo. Proprio la sera prima, agenti dell’intelligence militare hanno fatto irruzione in un bar del capoluogo di provincia, Goma, nel Nord Kivu, dove i tutsi amano bere birra. Il giorno prima, 34 tutsi erano stati rapiti e scomparsi senza lasciare traccia. “Non si tratta solo dell’enorme numero di vittime”, spiega. “Tutte queste azioni trasmettono il messaggio: sappiamo dove sei!” Che si tratti di ristoranti, bar, chiese o supermercati, ovunque si incontrino di solito i tutsi Ho aperto lo “stalking”.

“Hanno seminato odio”

Ma chi sono i colpevoli? L’avvocato belga per i diritti umani Bernard Mengin, che rappresenta le vittime tutsi della violenza, sta indagando sugli incidenti nel tentativo di consegnare i responsabili alla giustizia in Congo. Per lui, l’apparato statale è direttamente coinvolto nei crimini. Come esempio, cita un commissario di polizia nel Congo orientale che lo scorso anno ha chiesto uccisioni di massa di tutsi ed è stato successivamente promosso. Mengin lo ha citato in giudizio e avverte che se la magistratura congolese non si occuperà del caso, si rivolgerà alla Corte penale internazionale dell’Aia.

Secondo il rappresentante tutsi Karambi, il pericolo maggiore viene dalle numerose milizie attive da decenni nella zona della guerra civile. L’anno scorso, l’esercito ribelle M23 a guida tutsi, il “Movimento 23 marzo”, ha occupato ancora una volta gran parte della provincia del Nord Kivu. Mentre l’M23 avanzava verso il capoluogo di provincia, Goma, il governo congolese ha invitato la popolazione ad armarsi per la difesa nazionale. Tutte le milizie locali erano armate dall’esercito. “Hanno deliberatamente seminato odio contro di noi per incitarli contro di noi”, dice Crumbie. E l’esercito non è ancora “pronto a compiere da solo uccisioni sistematiche”.

L’esercito congolese chiede aiuto alle forze genocide delle FDLR

Gli attacchi sistematici contro la minoranza tutsi coincidono con la nuova campagna di invasione dei ribelli del Movimento 23 marzo. Dal novembre 2021, le milizie guidate dai generali tutsi hanno sequestrato parti del Nord Kivu. Ci sono solo circa 1.000 combattenti, ma hanno sconfitto l’esercito congolese in molte occasioni. È stato subito riferito dalla capitale del Congo che l’esercito ruandese era avanzato. La risposta al discorso di odio contro i tutsi è stata: “Voi ruandesi, andate a casa!”.

Il presidente congolese Felix Tshisekedi rifiuta ogni trattativa con il Movimento 23 marzo, definendoli “terroristi”. Invece, i militari si rivolgono alla milizia hutu ruandese, alle Forze democratiche per la liberazione del Ruanda e alle Forze di difesa ruandesi – un gruppo guidato dai genocidi ruandesi che si nasconde in Congo dal 1994 – per combattere i ribelli tutsi.

Già nel 1994, i generali delle FDLR volevano attuare un piano per sradicare i tutsi dalla loro patria, il Ruanda. Ma sono stati fermati ed espulsi dai combattenti tutsi sotto l’attuale presidente ruandese Paul Kagame. Quando l’esercito hutu ruandese, che ha organizzato il genocidio nel 1994, è fuggito in Congo dopo essere stato sconfitto dai combattenti tutsi ruandesi, si è rintanato nelle giungle e nelle montagne della regione di Masisi per riorganizzarsi. Temendo questi genocidi, le famiglie dei tutsi congolesi sono fuggite in Ruanda. Gli autori del genocidio si trasferirono nelle loro fattorie, riorganizzandosi nelle FDLR, come uno stato nello stato in esilio.

La maggior parte dei membri del Movimento 23 marzo è cresciuta nei campi profughi in Ruanda

Se chiedi a M23 la loro motivazione oggi, la risposta di solito è: “Voglio tornare alla nostra fattoria, dalle nostre mucche”. Nel Movimento 23 marzo si battono i figli dei contadini di Masisi, che un tempo dovettero lasciare tutto alle spalle. La maggior parte dei combattenti dell’M23 è cresciuta nei campi profughi in Ruanda e lì è andata a scuola. Molti di loro hanno la cittadinanza ruandese o hanno prestato servizio nell’esercito ruandese. Ma si considerano congolesi. Di volta in volta formarono eserciti ribelli per costringerli a tornare a casa in armi. M23 è il più piccolo di questi.

382429412.jpg

Secondo i dati ufficiali ruandesi, 4.300 tutsi congolesi sono fuggiti in Ruanda tra novembre 2022 e febbraio 2023.

(Foto: Image Alliance/AA)

Niente di tutto questo ha aiutato, anzi. Nell’anno 2022, gli attacchi contro gli ultimi tutsi rimasti sui monti Masisi sono aumentati notevolmente. Anche le mandrie dei contadini tutsi non furono risparmiate. Ci sono anche video di questo: vitelli con la gola tagliata; Mucche che si sono tagliate i tendini d’Achille. “Il bestiame è la nostra sicurezza finanziaria”, spiega il figlio di un allevatore tutsi. “Uccidere il nostro bestiame dovrebbe rovinarci finanziariamente in esilio se non possono controllarci personalmente.”

Ad oggi in Rwanda vivono circa 72mila rifugiati provenienti dal Congo, quasi tutti tutsi. Alcuni sono rinchiusi nei campi dal 1996. Un’intera generazione è nata in esilio. E i numeri sono di nuovo in aumento. Secondo i dati ufficiali ruandesi, 4.300 tutsi congolesi sono fuggiti in Ruanda tra novembre 2022 e febbraio 2023.

L’ONU resta passiva

L’esercito ruandese, nato dalle bande tutsi, sembra un “fratello maggiore” per i militanti dell’M23. Vi conoscete, avete lo stesso passato, la stessa educazione, gli stessi nemici: gli autori del genocidio del 1994, le FDLR oggi. In questo contesto, il sostegno del Ruanda al Movimento 23 marzo è un segreto di Pulcinella. Mentre l’M23 si affretta a reclamare le sue piantagioni originali, l’esercito ruandese cerca di distruggere i suoi nemici nelle FDLR.

Mentre la spirale di violenza in Congo continua a girare, la missione delle Nazioni Unite, la Missione di stabilizzazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite in Congo (MONUSCO), rappresentata in Congo da circa 13.000 caschi blu delle Nazioni Unite, rimane sorprendentemente passiva. Uno dei loro compiti è proteggere la popolazione. Bojana Coulibaly avverte che “le Nazioni Unite hanno mostrato un alto grado di incoerenza nella loro risposta alle minacce contro i tutsi congolesi”. Un linguista statunitense studia il conflitto. È notevole, secondo Coulibaly, che in “tutti” i rapporti dell’UNMIK dal giugno 2022, “qualsiasi lingua” riferita a “violenza mirata e incitamento all’odio contro i tutsi congolesi” sia stata “rimossa”. Ciò è coerente con “la negazione del genocidio, come abbiamo visto in Ruanda nel 1994”.