Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La base delle scatole Covid-19: le proteine ​​del corpo riducono la carica virale di 20 volte

La base dei fondi Covid-19
Le proteine ​​corporee riducono la carica virale di 20 volte

I ricercatori dell’Istituto Helmholtz si sono imbattuti in una sostanza interna che mina il trucco della diffusione della SARS-CoV-2 e ferma il coronavirus. La modalità d’azione della proteina potrebbe essere la base per i farmaci Covid-19 e altri agenti antivirali.

La proteina di difesa immunitaria umana potrebbe in futuro costituire la base per un agente antivirale per il trattamento del COVID-19. I ricercatori del Würzburg Helmholtz Institute for RNA-Based Infection Research (HIRI) e del Helmholtz Center for Infection Research (HZI) di Braunschweig sono stati in grado di mostrare come la cosiddetta proteina antivirale a dita di zinco, o ZAP, inibisce il meccanismo di replicazione . di SARS-CoV-2 e la carica virale nelle cellule è diminuita di 20 volte, informare l’istituto. il Risultati del gruppo di ricerca È stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.

ZAP è una proteina multifunzionale del sistema immunitario umano che impedisce la replicazione di alcuni virus. È disponibile in una forma breve (ZAP-S) e in una forma lunga (ZAP-L). I test del presente studio sono stati eseguiti utilizzando ZAP-S, la forma abbreviata di ZAP. “ZAP è una molecola multifunzionale nella difesa immunitaria che può reprimere una risposta immunitaria eccessiva e fermare l’attività virale”, spiega la professoressa Neva Calikan, leader del gruppo di ricerca HIRI e leader dello studio.

truffa virus RNA

Virus come SARS-CoV-2, il cui genoma è costituito da acidi ribonucleici (RNA), utilizzano un trucco di replica noto come spostamento del frame di lettura ribosomiale apoptotico. Questi virus si sono dimostrati manipolatori: si infiltrano nelle cellule ospiti e dirottano il processo utilizzato dalle cellule per leggere le informazioni genetiche dall’RNA messaggero e per produrre proteine. I virus cambiano la direzione della lettura: questo consente loro di produrre e moltiplicare le proprie proteine. Con questa conoscenza, i ricercatori hanno iniziato a cercare modi per prevenire questo trucco e si sono imbattuti nel già noto ZAP.

“La trasformazione della cornice di lettura si è affermata evolutivamente come il cuore della replicazione virale. Questo è esattamente ciò che lo rende un bersaglio attraente per i principi attivi”, afferma Matthias Zimmer, coautore dello studio. “È interessante notare che siamo stati in grado di dimostrare che ZAP si lega all’RNA virale che cambia il frame di lettura”, aggiunge il ricercatore. Non è ancora noto se e come proteine ​​come ZAP interferiscano con lo spostamento del frame di lettura ribosomiale di SARS-CoV-2. I ricercatori stanno ora fornendo risposte con le loro indagini: “ZAP interferisce con il ripiegamento strutturale dell’RNA del coronavirus e blocca il segnale che SARS-CoV-2 invia per indurre le cellule ospiti a produrre enzimi di replicazione”, afferma nello studio, Anuga kibi è stato implicato in gli effetti antivirali della proteina.

I ricercatori sono anche riusciti a dimostrare che le cellule ospiti con un livello aumentato di ZAP avevano circa 20 volte più virus. Pertanto, un’aumentata incidenza della proteina – o una carenza – può anche essere un indicatore del fatto che l’infezione da corona sia lieve o grave.

Sebbene i risultati dello studio siano promettenti, saranno necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno i meccanismi coinvolti. È già concepibile che la proteina ZAP del corpo possa essere utilizzata come modello per nuovi agenti antivirali.

READ  Allerta corona ad HadeB-Melissa e Philipp: figlio in ospedale