Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kyle Rittenhouse è stato assolto dall’accusa di aver sparato a due persone, ecco perché

Kyle Rittenhouse è stato assolto dall’omicidio di due persone a margine della demo di Black Live Matters. Come può succedere?

Kenosha – Kyle Rittenhouse uomo libero. Il 18enne, che aveva sparato a due persone l’anno precedente, è stato assolto da tutte le accuse dalla giuria di 12 membri. Più di 30 testimoni sono stati ascoltati nel caso, che è stato seguito con grande interesse in tutto il mondo, e la giuria ha impiegato 25 ore per raggiungere il suo verdetto. La sentenza solleva interrogativi.

Come può essere assolto un uomo che prende una pistola a una demo di Black Lives-Matter all’età di 17 anni e uccide delle persone? E come è possibile concedergli il diritto all’autodifesa, anche se il suo armamento ha portato solo ai fatidici eventi del 25 agosto 2020?

La CNN si affida ad esperti legali che hanno ampiamente analizzato il caso Rittenhouse per rispondere a questa domanda. Gli avvocati citano la testimonianza dell’imputato come il punto più importante. Aveva fatto un verbale in tribunale che aveva agito per legittima difesa. Ha sparato a Joseph Rosenbaum perché lo aveva precedentemente minacciato, lo ha seguito e ha cercato di togliergli la pistola. Nel corso della sua testimonianza, il 18enne è scoppiato in lacrime.

Esercitarsi in difesa di Kyle Rittenhouse con la giuria ombra

“Se il signor Rosenbaum mi avesse tolto il fucile, lo avrebbe usato e mi avrebbe ucciso con esso e avrebbe potuto sparare a più persone”, ha detto Rittenhouse. Gli altri uomini a cui Kenosha ha sparato facevano parte di una “banda”. Compreso Anthony Hopper, il secondo uomo ucciso da Kyle Rittenhouse.

READ  Tra le vittime anche bambini: 46 morti in un incidente di autobus in Bulgaria

La testimonianza di Rittenhouse in tribunale ha seguito una strategia preparata per la sua difesa. Dopo l’assoluzione, il suo avvocato, Mark Richards, ha rivelato ai giornalisti di aver formato un “giurato ombra” e di essere stato coinvolto nel processo istruttorio. Ha fatto testimoniare Rittenhouse davanti a una di queste giurie, ma non all’altra. Il risultato fu notevolmente migliore nel primo caso, quindi si decise che l’imputato doveva testimoniare anche nel processo vero e proprio e non aveva il diritto di rimanere in silenzio.

L’analista legale della CNN Joey Jackson vede questo come un elemento chiave nell’assoluzione finale: “Questo lo ha reso umano. Ancora più importante, è stato in grado di spiegare il suo uso della forza da solo”. Così la vede l’avvocato Eli Honig. L’ex procuratore federale ha confermato alla CNN che Rittenhouse ha dato alla giuria l’opportunità di comprendere meglio le sue motivazioni attraverso la sua testimonianza. Mentre l’ufficio del procuratore generale non ha potuto fare abbastanza per incriminare in modo definitivo Rittenhouse, le sue parole hanno convinto la giuria che non ha sparato fino a quando non è stato attaccato.

Il processo a Kyle Rittenhouse: vittima o provocatore?

Secondo l’avvocato per i diritti civili Charles F. Coleman Jr., il processo consisteva in due resoconti in competizione: uno che Rittenhouse era una vittima che è stata attaccata e l’altro di una delle guardie che per primo ha causato la violenza: Kyle Rittenhouse come la vittima, perché hanno valutato le sue accuse di autodifesa molto al di sopra delle provocazioni che aveva fatto. Sollevate dall’ufficio del pubblico ministero”.

La legge del Wisconsin non consente l’uso della forza letale a meno che “non sia necessario per prevenire la morte imminente o lesioni gravi”. Poiché gli avvocati difensori di Rittenhouse hanno citato la necessità dell’autodifesa, spettava al procuratore generale confutare che Rittenhouse stava agendo inequivocabilmente per legittima difesa.

READ  Prende il via la Conferenza mondiale sul clima: ascolterai il grido di sveglia?

L’avvocato difensore Sarah Azari ha detto alla CNN che i pubblici ministeri non sono riusciti a dimostrare che la sparatoria fatale era “irragionevole” per ciascuno di quegli uomini. Secondo i materiali video disponibili, la giuria non ha avuto altra scelta che seguire le argomentazioni della difesa.

Testimonianza dietro l’assoluzione di Kyle Rittenhouse

Per l’avvocato difensore Bob Bianchi, la testimonianza è stata anche la causa dell’esito del processo. Questi avrebbero contestato molte delle accuse dell’accusa, e anche i testimoni chiamati dall’accusa stessi avrebbero parzialmente corroborato la narrativa di autodifesa.

Anche Gaige Grosskreutz, il terzo uomo a cui ha sparato Kyle Rittenhouse, ha testimoniato di aver puntato la sua pistola contro Rittenhouse per primo. In seguito ha aggiunto che questa non era la sua intenzione, ma ciò che ha sorpreso maggiormente la giuria è che questa affermazione supporta anche le argomentazioni della difesa. Per l’avvocato Bianchi è chiaro: “Nessun vero avvocato potrebbe vedere che questo non è stato un caso di legittima difesa straordinariamente semplice”.

Da parte loro, i pubblici ministeri hanno tentato di ritrarre Kyle Rittenhouse come uno “sparatutto attivo”. Nella sua dichiarazione conclusiva, l’assistente del procuratore distrettuale della contea di Kenosha, Thomas Binger, ha affermato che Rittenhouse “ha agito in un modo che nessuna persona ragionevole avrebbe fatto”. Ha provocato eventi e ha sparato senza pietà.

Kyle Rittenhouse: La giuria è stata incaricata di guardare il caso attraverso gli occhi dell’imputato

Legal Honig contraddice questa versione: “Un tentativo di ritrarre Rittenhouse come il tiratore attivo non ha avuto successo. La difesa è stata in grado di utilizzare registrazioni video per dimostrare che Rittenhouse camminava per le strade senza sparare con la sua arma. Non ha sparato indiscriminatamente, solo a coloro che lo ha attaccato prima».

READ  Le persone non vaccinate devono pagare da sole le cure per il coronavirus a Singapore - Politica estera

L’argomento che Rittenhouse ha effettivamente fatto usando un’arma da fuoco AR 15 non ha funzionato neanche in questo caso. Ciò è dovuto alla cultura delle armi in Wisconsin, l’avvocato Bianchi ha detto alla CNN: “Non dovresti dimenticare che questa è una giurisdizione in cui non è raro portare armi”.

L’esperta legale della CNN Laura Coates pensa che un altro punto sia importante. Alla giuria è stato chiesto di vedere il caso dagli occhi dell’imputato e non dagli occhi del pubblico consapevole. Si trattava di definire la parola “appropriato”: “Si trattava di ciò che Rittenhouse sembrava essere stato giustificato nel momento in cui l’atto è stato commesso e se avrebbe potuto credere che fosse davvero un’emergenza”. (Mirko Schmid)

In una versione precedente, l’armamento “illegale” era scritto a questo punto. In effetti, il giudice Bruce Schroeder ha fatto cadere l’accusa. La clip è stata modificata di conseguenza.