Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Koenigsegg CC850: modello Homage con cambio automatico manuale

Con la CC850, Koenigsegg celebra la sua prima vettura di serie, la CC8S del 2002. Tecnicamente, tuttavia, la supercar sta aprendo nuovi orizzonti. Il circuito è particolarmente interessante.

L’ascesa di Koenigsegg inizia 20 anni fa: in quel periodo – nel 2002 – inizia la produzione in serie della prima supersportiva in Svezia. Il V8 a motore centrale Bolide CC8S da 655 CV incarna immediatamente ciò che Koenigsegg rappresenta: design superiore, soluzioni tecniche straordinarie, dati tecnici e prestazioni di guida a livelli record. “Abbiamo messo il CC8S sulla mappa e ci ha portato al successo”, afferma Christian von Koenigsegg, fondatore e CEO dell’azienda. Pertanto, il suo team ha utilizzato lo stabilimento automobilistico di Monterey come un’opportunità per presentare un modello di saluto lì: il CC850.


Non sorprende che il nuovo arrivato abbia preso come modello l’ammiraglia visiva. Una delle caratteristiche distintive dello stile è il frontale piatto, che ha una grande presa d’aria nel grembiule e più piccole sotto i fari. Il labbro dello spoiler si trova sotto il paraurti e si estende come una copertura laterale davanti alle ruote anteriori. Il bilanciere prende forma sul lato opposto del passaruota. Il CC850 reinterpreta anche la cabina a cupola del CC8S. Il parabrezza, su cui è centrato il tergicristallo monoleva, si estende anche attorno al montante A appena visibile e il finestrino laterale si assottiglia verso la parte posteriore. Gli specchi si trovano molto lontano su staffe molto filigranate.


Ordina cerchi e enormi prese d’aria

Ai lati del CC850, che misura 4,36 metri di lunghezza, 2,02 metri di larghezza (senza specchietti esterni), 1,13 metri di altezza e 1.385 chilogrammi di peso, sono i cerchi ruota con disegno smaltato e le prese d’aria laterali anteriori della parte posteriore. Ruote. Come con il CC8S, non c’è uno spoiler posteriore attaccato; Questo si estende a seconda delle condizioni della guida coinvolta. Manca anche il classico lunotto posteriore; Sono sostituiti da prese d’aria che migliorano l’equilibrio della temperatura nel vano motore. I fanali posteriori in tre pezzi e un potente diffusore con un grande tubo di scarico centrale sono ulteriori spunti di design dell’originale Koenigsegg. Così come l’elemento tetto asportabile (optional) e l’insolito meccanismo di apertura delle ante.

READ  Presunta perdita di conversazione: Bill Gates potrebbe continuare a ridurre i post di Tesla - Elon Musk prende in giro Gates su Twitter | newsletter



Apparentemente, non è cambiato molto in termini di tecnologia di guida di Koenigsegg negli ultimi 20 anni. Come i suoi predecessori, il CC850 è alimentato da un V8 montato in posizione centrale. Ora, invece, con due turbo al posto della sovralimentazione e più cilindrata (5,0 anziché 4,7 litri). Per il nuovo arrivato, Koenigsegg ha adattato il motore Jesko con un albero motore piatto e lubrificazione a carter secco, anche se in una forma addomesticata. Nella CC850, l’otto cilindri raggiunge 1.201 (in modalità benzina) o 1.404 CV (con bioetanolo E85; la pressione di sovralimentazione può quindi essere aumentata da 1,5 a 1,7 bar). La coppia massima è di 1.385 Nm. Per fare un confronto: Jesko eroga un massimo di 1.622 CV e un massimo di 1.500 Nm.


Manuale e automatico in un unico dispositivo

Il vero vantaggio tecnico del Koenigsegg CC850 è il suo cambio. Questa è essenzialmente la “Light Speed ​​​​Transmission” (LST) che fa il suo lavoro sulla Jesko come cambio automatico a nove velocità. Il cambio funziona un po’ come un pignone su una bicicletta: Jesko combina due e tre marce e, grazie alle sue sei piccole frizioni a comando idraulico, può scegliere qualsiasi combinazione in qualsiasi momento senza dover pensare a nessun tipo di sincronizzazione . Calcola: 3² = 9 marce. Ne risulta una traslazione variabile che si adatta alla modalità o alla situazione di guida.



Nel CC850, Koenigsegg ha aggiunto una funzione alla trasmissione chiamata “Engage Shift System” (ESS). Passa la trasmissione automatica a un cambio manuale a sei marce, con la leva del cambio che si muove attraverso un cancello aperto e il conducente che aziona il pedale della frizione. Christian von Koenigsegg spiega come è fatto in un video su Jalopnik USA. “La leva del cambio si collega a tutte le frizioni e, a seconda della posizione della leva del cambio, seleziona quella più adatta (gruppo pignone; ndr)”, dice il presidente dell’azienda. Poiché l’elettronica comprende la posizione e il movimento della leva del cambio, è possibile salire o scendere nel modo classico, sempre rispetto all’innesto e al disinnesto della frizione. Inoltre, se viene inserita la marcia successiva superiore o inferiore, il regime del motore deve essere sempre corretto, altrimenti non sarà possibile cambiare marcia. Von Koenigsegg spiega anche che il motore della CC850 può andare in stallo se la frizione non è innestata correttamente, come con una normale trasmissione manuale.

READ  In questo giorno puoi risparmiare più soldi sulla pompa


Tanto carbonio, Alcantara e/o pelle

Il differenziale elettronico è anche responsabile della distribuzione della potenza. Le ruote sono interamente sospese su doppi bracci trasversali e il telaio funziona con un ammortizzatore idraulico/gas controllato elettronicamente. L’impianto frenante carbo-ceramico ha dischi da 410 mm e sei pistoncini all’anteriore, mentre al posteriore sono utilizzate pinze da 395 mm e quattro pistoncini. I componenti del minimo sono alloggiati in ruote da 9,5 × 20 pollici nella parte anteriore e ruote da 12,25 × 21 pollici nella parte posteriore con chiusura centralizzata. Le dimensioni degli pneumatici sono 265/35 R20 all’anteriore e 325/30 R21 al posteriore. Gli pneumatici Michelin Pilot Sport 4S sono disponibili solo a un costo aggiuntivo.

Koenigsegg Automotive AB

C’è abbondanza di carbonio, pelle e/o Alcantara da trovare negli interni simmetrici della Koenigsegg CC850.

All’interno, il CC850 offre un design perfettamente simmetrico, consentendo a Koenigsegg di produrre facilmente qualsiasi veicolo con guida a sinistra oa destra. Dietro il volante a tutto tondo si trovano tre orologi analogici; Il dispositivo centrale funziona contemporaneamente come contagiri, contagiri e indicatore della pressione di sovralimentazione. La leva del cambio, che – come una volta la CC8S – ha la bandiera svedese leggermente alzata sulla consolle centrale che si alza in avanti. Di fronte ad esso, gli svedesi posizionano un touch screen informativo e di intrattenimento allineato verticalmente, che, a sua volta, è coronato da fori di ventilazione separati. Il materiale preferito è il carbonio, visibile anche in superficie. Quando si installa la tappezzeria, ad esempio sui sedili avvolgenti pieni, è rivestita in pelle o Alcantara.

READ  Gonfiaggio: burro, sottaceti, zucchero? Questi alimenti sono particolarmente costosi


Le informazioni sui prezzi per l’auto, che è costruita su una monoscocca in carbonio con una carrozzeria a nido d’ape in alluminio e ha una carrozzeria in carbonio Kevlar, non sono ancora disponibili. Una cosa è chiara: Koenigsegg produrrà un massimo di 50 copie del CC850. Questo ha a che fare anche con una memoria storica: Christian von Koenigsegg ha compiuto 50 anni di recente. Auguri in ritardo!


sondaggio

certo, naturalmente. Il massimo il meglio.

No. È davvero confuso ora.

conclusione

Rispetto ad oggi, il Koenigsegg CC8S da 655 CV ha quasi carattere di gioco, almeno in termini di motore. Tuttavia, è stato uno dei co-fondatori dell’era Megacar, che si è estesa a lungo nella categoria delle supercar grazie ai suoi numeri di potenza a quattro cifre facilmente ottenibili. Uno dei loro rappresentanti più importanti è Koenigsegg, che ha iniziato una storia di successo con il suo primo lavoro. Il fatto che il CC8S ottenga un modello di saluto con il CC850 è più di quanto meriti.