Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kappa e Nesquik parlano con la parola “inadeguato”.

Kappa e Nesquik parlano con la parola “inadeguato”.
  1. ruhr24
  2. servizio
Nessuno vuole sostanze nocive nel cacao in polvere. Pertanto un marchio noto viene valutato negativamente da Öko-Test. © Hussein Habib/Design Pics/Imago; ImageBroker/Olexander Latkun/Imago; Arte Jazz/Imago; Università: RUHR24

Cacao caldo in inverno? Con determinati risultati dell'Öko-Test la voglia di bere scompare.

Dortmund – Gli ultimi rapporti di prova emessi da Öko-Test o Stiftung Warentest forniscono regolarmente ai consumatori una panoramica del controllo della qualità degli alimenti. Öko-Test ha recentemente testato il burro chiarificato del supermercato e i risultati sono stati sorprendenti. Anche alcune polveri di cacao non convincono del tutto nell'attuale valutazione del prodotto, come ha appreso RUHR24.

Cacao nell'Oko Test: Kappa e Nesquik discutono sulla parola “insufficiente”.

Ciò che colpisce è che solo i prodotti di marche rinomate superano il test Öko. Sono state testate complessivamente 15 polveri di cacao, pubblicizzate principalmente come prodotto per bambini. Comprende sei tipi di cacao con il sigillo biologico.

La rivista di test evidenzia due grandi perdenti: il cacao in polvere Nesquik e Kappa. Tutti i consumatori probabilmente conoscono questi due prodotti al supermercato o al discount, poiché sono tra i marchi più popolari di questo gruppo alimentare. Ma di cosa si lamentano esattamente i tester?

Il cacao Nesquik contiene molto zucchero, componenti di olio minerale (MOSH) e aromi aggiuntivi. Il cacao Kappa è criticato per il suo “contenuto di zucchero sproporzionatamente elevato e per il suo sapore aggiunto”. Entrambi i prodotti hanno ricevuto il voto “insoddisfacente”. Mentre alcuni aromi aggiunti agli alimenti sono legali, altre sostanze comportano determinati rischi.

Cacao nel test Öko: perché il contenuto di zuccheri e i residui di oli minerali sono cattivi?

È generalmente noto che il consumo di grandi quantità di zucchero è considerato malsano. Tuttavia, l’ingrediente principale di tutti i tipi di cacao in polvere è lo zucchero. E questo anche se si tratta di prodotti per bambini. Öko-Test denuncia la confezione del cacao Nesquik perché progettata con stampe di animali colorati, senza fornire alcuna indicazione sulla vera e propria “bomba di zucchero al cacao”.

Video: Rapporti di prova di Öko-Test e Stiftung Warentest: quali sono realmente i vantaggi?

Il secondo punto critico riguarda il ritrovamento di residui di olio minerale, noti anche come MOSH. Sono idrocarburi saturi del petrolio che entrano negli alimenti attraverso l'inquinamento ambientale, l'uso di lubrificanti per i macchinari o durante alcune fasi di produzione. La WDR ha recentemente scoperto residui di olio minerale nel burro di Aldi, Lidl e Rewe.

Cosa rende i residui di olio minerale così pericolosi?

I MOSH possono accumularsi nel corpo e causare danni a organi come il fegato e la milza. Ad esempio, l’infiammazione è un possibile risultato.

Il cadmio è stato trovato anche in quattro prodotti a base di cacao. In effetti, i metalli pesanti non trovano posto negli alimenti perché possono causare danni al fegato e ai reni.

Öko-Test valuta il cacao in polvere: tra i vincitori figurano i prodotti biologici e da supermercato

Nessun prodotto può convincere pienamente i sostenitori dei consumatori e ricevere i voti “Molto buono” o “Buono”. Tuttavia, ci sono vincitori dei test i cui prodotti sono almeno soddisfacenti. Tra questi figurano il cacao in polvere del marchio Rewe nonché i prodotti biologici dei marchi Naturata e Bio-Zentrale. Se desideri leggere i risultati completi del test, puoi trovarli su Prova ecologica.