Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kadyrov ordina che gli sparino alla testa

Kadyrov ordina che gli sparino alla testa
  1. Home page
  2. panorama

Nella Repubblica russa del Daghestan, gli uomini danno la caccia ai rifugiati israeliani. Diverse persone sono rimaste ferite. L’aeroporto è chiuso.

Aggiornamento del 31 ottobre, 11:46: Dopo le rivolte antisemite scoppiate in Daghestan, nel sud della Russia, il sovrano ceceno Ramzan Kadyrov ha ordinato alla polizia della sua repubblica di sparare ai manifestanti indisciplinati. L’agenzia di stampa ufficiale RIA Novosti ha citato Kadyrov che durante una riunione del governo regionale a Grozny avrebbe affermato che chiunque avesse preso parte ai disordini sarebbe stato arrestato e imprigionato.

Se qualcuno resiste, gli agenti dovranno sparare tre colpi di avvertimento. “Dopodiché, se la persona infrange ancora la legge, sparategli il quarto colpo alla testa! Non lo farà più. Questo è il mio ordine”, ha detto Kadyrov, come avrebbe detto martedì. Una folla di persone ha preso d’assalto Makhachkala. domenica all’aeroporto e ha inseguito i passeggeri ebrei di un volo proveniente da Tel Aviv, provocando più di 20 feriti e arrestando 83 persone.

Come Vladimir Putin, ha accusato l’Occidente di incitare agli attacchi antisemiti. “Non si può aiutare i nemici della Russia e destabilizzare la situazione interna”, ha detto Kadyrov.

Diverse persone hanno preso d’assalto l’aeroporto della città russa di Makhachkala per inseguire i passeggeri ebrei. © Agenzia France-Presse

La folla assalta l’aeroporto del Daghestan: l’Ucraina parla di “antisemitismo profondamente radicato”

Aggiornamento del 30 ottobre, 18:40: L’Ucraina ha respinto le accuse russe di incitamento agli abusi antisemiti nella Repubblica del Daghestan, nel Caucaso settentrionale. “Gli eventi di Makhachkala riflettono il radicato antisemitismo delle élite e della società russa”, ha scritto lunedì su Facebook il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleh Nikolenko. Con le sue accuse contro Kiev, Mosca cerca solo di scaricare le responsabilità. Piuttosto, i disordini sono stati il ​​risultato della “propaganda di stato russa, che per decenni ha instillato tra i russi un sentimento di odio contro gli altri popoli”.

Aggiornamento del 30 ottobre, 11:27: Le autorità lamentano tentativi mirati di destabilizzare il Daghestan. Lunedì, a Mosca, il Comitato investigativo centrale russo ha annunciato che attraverso i canali Telegram si sono diffusi appelli a proteste violente, che hanno portato a “massacri”.

A causa di danni alle infrastrutture, la sezione internazionale dell’aeroporto del Daghestan è stata temporaneamente chiusa e la riapertura è prevista martedì sera (31 ottobre). I media russi hanno riferito che migliaia di persone hanno partecipato alle manifestazioni non autorizzate.

Diverse persone hanno preso d'assalto l'aeroporto della città russa di Makhachkala per inseguire i passeggeri ebrei.
Diverse persone hanno preso d’assalto l’aeroporto della città russa di Makhachkala per inseguire i passeggeri ebrei. © Non accreditato/ Agenzia di stampa tedesca

La Russia conferma l’arresto di 60 persone dopo l’attacco all’aeroporto del Daghestan

Aggiornamento del 30 ottobre, 8:39: Mosca ha annunciato di aver arrestato 60 persone dopo l’attacco di decine di persone ad un aeroporto nella Repubblica russa del Daghestan. Lunedì il ministero dell’Interno russo ha dichiarato: “Sono stati identificati più di 150 partecipanti attivi alle rivolte e 60 di loro sono stati arrestati”. Nove agenti di polizia sono rimasti feriti, due dei quali sono stati portati in ospedale.

Diverse persone hanno preso d’assalto l’aeroporto della capitale del Daghestan, Makhachkala, domenica (29 ottobre). Secondo i media, gli aggressori sono penetrati nella pista e sul tetto dell’aeroporto. Il Ministero della Sanità del Daghestan ha annunciato il numero delle vittime. Il governo della Repubblica del Caucaso è poi riuscito a riportare la situazione sotto controllo.

Diverse persone sono rimaste ferite nell’attacco ai rifugiati israeliani

Aggiornamento del 30 ottobre, 7:49: L’agenzia di stampa russa TASS ha riferito che più di 20 persone sono rimaste ferite nei disordini a Makhachkala. Tra i feriti c’erano agenti di polizia e civili. Secondo il Ministero della Salute, 10 persone sono state curate in ospedale e due erano in condizioni critiche.

Dagli Stati Uniti d’America giungono parole di avvertimento riguardo agli avvenimenti che si stanno verificando nella Repubblica russa del Daghestan. “Gli Stati Uniti condannano fermamente le proteste antisemite in Daghestan, Russia. “Gli Stati Uniti sostengono inequivocabilmente l’intera comunità ebraica”, ha scritto su Twitter la portavoce della Casa Bianca, Adrienne Watson.

Israele si esprime in modo più chiaro. Il ministero degli Esteri e il primo ministro Netanyahu hanno scritto che il governo si aspetta che “le forze dell’ordine russe garantiscano la sicurezza di tutti gli israeliani e gli ebrei e adottino azioni decisive contro i rivoltosi e un’incitamento sfrenato contro ebrei e israeliani”.

Dopo l’atterraggio di un aereo proveniente da Israele: una folla antisemita fa irruzione nell’aeroporto

Primo resoconto del 29 ottobre, 20:33: MOSCA – Attacchi antiebraici si stanno verificando nel Caucaso settentrionale russo, a maggioranza musulmana. Nella città di Makhachkala, nella Repubblica del Daghestan, domenica sera (29 ottobre) una folla di persone ha preso d’assalto l’aeroporto perché lì era atterrato un aereo proveniente da Tel Aviv e forse a bordo si trovavano profughi provenienti da Israele. Molte persone sono corse anche all’aeroporto. L’aeroporto è stato temporaneamente chiuso e gli aerei in arrivo sono stati dirottati verso altri aeroporti, come l’agenzia statale per il controllo del traffico aereo Rosawiaziga. TASSA Secondo quanto annunciato.

Attacco antisemita contro gli israeliani in Russia: chiusura dell’aeroporto

Sabato (28 ottobre), una folla di persone inferocite ha assediato un hotel nella città di Khasavyurt, in Daghestan, a causa della voce che lì fossero ospitati rifugiati provenienti da Israele. Agenzia di Stato Rea Ha confermato questo incidente. Secondo i resoconti locali, decine di uomini hanno fatto irruzione nell’hotel per controllare i passaporti degli ospiti. La polizia ha chiuso l’hotel.

La situazione è aggravata dal fatto che i voli israeliani di evacuazione bellica di cittadini russi provenienti da Tel Aviv atterrano nel Caucaso settentrionale, precisamente negli aeroporti di Makhachkala, Mineralnye Vody e Sochi. Nel conflitto tra Israele e palestinesi, i musulmani russi stanno al fianco dei loro fratelli palestinesi.

Domenica a Nalchik sono stati dati alle fiamme dei pneumatici accanto a un centro culturale ebraico in costruzione, ha riferito l’agenzia di stampa. Rea menzionato. Secondo le autorità di sicurezza della Repubblica di Cabardino-Balcaria, l’edificio è stato macchiato di soluzioni estremiste. Secondo le immagini vi era scritto: “Morte agli ebrei”. Nella Repubblica di Karachaevo-Circassia i manifestanti hanno chiesto la deportazione della popolazione ebraica locale.

Attacco agli ebrei in Russia – Il Presidente della Repubblica condanna gli avvenimenti

Il presidente della Repubblica del Daghestan, Sergei Melikov, ha invitato i residenti a non farsi incitare dagli estremisti che vogliono destabilizzare la situazione. “A causa dei falsi diffusi dai nostri nemici, alcuni giovani erano sul punto di violare le leggi”, ha scritto su Telegram. Anche i religiosi islamici della regione hanno chiarito che “l’antisemitismo non trova posto nel multietnico Caucaso settentrionale”.

La scorsa settimana il presidente Vladimir Putin ha incontrato i capi delle religioni rappresentati in Russia a causa delle violenze in Medio Oriente. Ha invocato la convivenza pacifica tra i popoli e le religioni nella grande Patria. Anche il Cremlino ha recentemente chiesto il rilascio di tutti gli ostaggi di Hamas. È possibile che tra questi ci siano agenti russi. (asc/dpa)