Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Just a Can of Noodle Soup”: l'ufficiale di polizia è l'eroe di Gauche e lo fa piangere

“Just a Can of Noodle Soup”: l'ufficiale di polizia è l'eroe di Gauche e lo fa piangere

A volte capita alla persona giusta. Il poliziotto vince la “settimana da 3 milioni di euro” di Günter Jauch e piange sulla sua infanzia. L'insegnante avrebbe potuto ascoltare meglio la moglie incinta. L’ostetrica ora ha un tatuaggio con la scritta “Chi vuol essere milionario?”

Chiunque volesse comunque piangere dall'emozione era in “Chi Vuol Essere Milionario?” Venerdì sera. (WWM) Assolutamente vero. Ancora una volta il giovane agente di polizia Philipp Hohenberger ha ricordato a Günter Jauch quanto una vittoria ben al di sotto della soglia del milione possa cambiare la vita delle persone – e che a volte la fortuna colpisce la persona giusta. “Significa molto per me”, ha detto Berlini delle sue vincite e ha parlato della sua infanzia difficile con la madre single. “C'erano giorni in cui tutto ciò che mangiavamo insieme era una lattina di zuppa di noodle.”

Ti sei perso il programma?

“Chi vuol essere milionario?” Disponibile anche su RTL+.

Hohenberger era in realtà il favorito nell'ultimo round dello speciale settimanale di “Chi Vuol Essere Milionario?” oro. È stato l'unico dei 17 finalisti che è riuscito a vincere 125.000 euro e ha quindi ricevuto da Jauch la migliore offerta di rinunciare alla sua vincita in cambio della possibilità di portare a casa la somma record. La conduttrice di RTL ha offerto al suo eroe una ricompensa di 50mila euro. Al nativo di Berlino è stato anche permesso di trasformare il Joker del pubblico in un secondo Joker aggiuntivo. Tuttavia, ha subito lottato con la sua volontà di correre dei rischi.

WWM: Più difficile di un'operazione di polizia

“Fa davvero male”, si agitò l'ufficiale delle forze dell'ordine sulla sedia. Aveva paura: “Riceverò di nuovo domande stupide”. Solo più tardi gli spettatori scoprirono quanto era in gioco Hohenberger. Tuttavia, inizialmente ha detto della sua domanda vincente di mercoledì: “Ho incontrato molte sciocchezze nella mia vita quotidiana da detective, comprese situazioni pericolose – e non ho mai trovato una decisione così difficile come registrare la risposta.” Gautsch ha ammirato, dicendo: “Le cose stanno andando bene a Koti. Possiamo tenere il passo con loro”.

Hohenberger deve la sua prima vittoria al clown del telefono Hendrik Baldeck. L'insegnante intuì subito che ad Avignone c'era un palazzo papale. Alla fine ha reso possibile anche la vittoria del secondo agente di polizia di Gautsch. Ha confermato i sospetti di Hohenberger: la serie di romanzi “Harry Potter” è un ettagono a causa dei suoi sette volumi. “Sono troppo stupido per me stesso”, si è poi lamentato il candidato del Joker abbandonato.

Alla fine Hohenberger era in lacrime.

Alla fine Hohenberger era in lacrime.

(Foto: RTL/Stefan Gregorius)

“La pressione è finita adesso”, ha detto felicemente il candidato, molto nervoso, mentre tornava nell'arena nera superando la domanda da 100.000 euro (più un bonus di 50.000 euro). Il jolly in più sapeva cosa avevano in comune gli atleti di Jochen Rindt e Wolfgang Graf Berg von Trips: la morte sulla pista di Monza. Alla domanda su quale paese abbia le maggiori riserve di petrolio del mondo (il Venezuela), pari a 250.000 euro, Hohenberger si è ritirato. A differenza di mercoledì, all'inizio i suoi occhi erano rimasti asciutti, finché Yauch non glielo chiese.

“Non mi aspettavo molto”, ha spiegato il 31enne della sua reazione emotiva nella terza parte di “€3 Million Week” e ha raccontato la sua infanzia difficile. “È stato un periodo davvero difficile e ho lavorato molto, molto duramente per uscire da lì da qualche parte. Ma i grandi passi non sono mai stati possibili. Non sono mai andato in vacanza all'estero (tranne che per lo scambio di polizia a Londra)”, ha detto Hohenberger. arrivarono le lacrime.

“L'importo ammonta a 125.000 euro. Non avrei mai immaginato che prima o poi avrei ricevuto una somma così grande”, ha detto il candidato, che ora può tornare in patria con 150.000 euro. Quando Yauch gli ha fatto i complimenti, Hohenberger ha finalmente iniziato a piangere ed è stato confortato dai fragorosi applausi del pubblico. “Nessuno può più toglierti questo”, ha detto Yauch, senza intendere affatto i soldi. Il candidato è stato un vero modello di successo, gioia di vivere, insicurezza e coraggio: “È stato un grande simbolo: provalo, prendi un rischio – e alla fine ti verrà bene. Penso molto a la gente ne è felice”.

Gran finale a Jauch

“Tutta la vita in due apparizioni a Chi Vuol Essere Milionario?”, è intervenuto poi anche il presentatore. Anche la candidata successiva, Ramona Hamacher, ha pianto per la storia di Hohenberger. Un consulente del debito del distretto di Huerth dello studio WWM ha fatto domanda senza successo per 20 anni, ma ha vinto solo 16.000 euro. Hamacher si arrese prima della terza domanda speciale della settimana dei Rolling Stones. Alla fine, grazie a un bonus di 4.000 euro e diversi livelli di premio, è arrivato a 54.000 euro in finale.

La seconda vincitrice della serata dopo Hohenberger è stata l'aspirante ostetrica Louise Babita Anna Josefina von Jahn. Il 21enne amburghese è stato il primo finalista ad accettare l'offerta di Jauch. Forse è per questo che il supervisore l'ha aiutata a ottenere la risposta corretta per 5.000 euro, dicendole che la parola “melanzana” potrebbe essere anche un aggettivo. “Il nonno mi ha aiutato molto adesso”, ha detto Gautsch.

Come Hohenberger, anche lo studente ha chiamato il jolly dal turno preliminare. L'insegnante di storia aveva la giusta sensazione che il re inglese Riccardo Cuor di Leone fosse stato imprigionato per un periodo di tempo nel castello imperiale di Trifles. Tuttavia Jan non ha voluto rischiare valutando le alternative (castello di Neuschwanstein, Wartburg). Ha portato a casa con gioia 108.000 euro e vuole donarne la metà alle sue tre sorelle, tra le altre.

Vincere il concorso “Chi Vuol Essere Milionario?” Sarà indimenticabile. Per una donna di Amburgo solo per il suo primo tatuaggio. Un punto è stato immortalato sul suo avambraccio sinistro il giorno dopo la sua prima apparizione. Ciò deriva da un calcolo di Jan Jauch sull'affluenza alle urne in Germania. Il moderatore si è lamentato del prezzo del piccolo tatuaggio dicendo: “40 euro – un punto? Non lo rifarei”.

Sebastian Klinke di Schwerin ha fatto crollare la “settimana da 3 milioni di euro”. Non dovrebbe infatti rischiare la vincita di giovedì di 64.000 euro. L'insegnante, sempre accompagnato dal suo “carissimo amico”, ha detto: “In realtà non mi è permesso farlo. Spero che mia moglie non mi guardi”. Sembra che Klinki abbia potuto valutare bene le condizioni di sua moglie, incinta del loro terzo figlio. Perché l'insegnante con il cappello si è scontrato brutalmente con 1.000 euro quando avrebbe dovuto volare alto.

Jauch fa schiantare i candidati

“Quando Elisabetta II salì al trono britannico, Adenauer era cancelliere, Schiele era presidente federale, Schön era allenatore della nazionale e Wojtyla era papa?” Per 30.000 euro Jauch ha voluto sapere. Klinke era erroneamente convinto che la regina fosse stata incoronata durante la seconda guerra mondiale. Per questo motivo era propenso a diventare allenatore della Nazionale (anche se la Repubblica Federale ancora non esisteva). Quando Klinke chiese aiuto a Gautsch, il supervisore si sentì ignorato e indirizzò il candidato ai suoi tre burloni. Poi finalmente l'insegnante ha commesso un errore con Gautsch.

“Ma ne avrò comunque bisogno più tardi, a 900.000”, Klenke ha sottolineato il suo diritto. Gautsch ha risposto che poteva tornare a casa con tutti i burloni rimasti e 16.000 euro. Aveva offerto a Klinke una ricompensa di 15.000 euro e il livello di sicurezza era di 1.000 euro dopo cinque domande. “Direi, in teoria”, ha detto Jauch. Quindi Klinky adempì la sua profezia.

L'insegnante in realtà voleva aiuto al telefono. Ma all'improvviso si convinse: scherzare al telefono non avrebbe fatto altro che rafforzare la sua opinione. Quindi ha firmato per allenare la nazionale. Nel 1952 venne incoronata Elisabetta II, Adenauer aveva ragione e lo stipendio dell'insegnante, inadeguatamente sicura di sé, scese da 64.000 euro a 16.000 euro. Ciò significa che Nadia Siddiq Jarre rimane la detentrice del record per il film “Chi vuol essere milionario?” L'allenatore delle comunicazioni ha vinto il 13 novembre 2015 un jackpot speciale di 1.538.450 euro. Jauch torna lunedì con le edizioni regolari del quiz show.