Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jannik Sinner si propone come erede al trono di Novak Djokovic: le ragioni dell’ascesa

Jannik Sinner si propone come erede al trono di Novak Djokovic: le ragioni dell’ascesa

Jannik Sinner è sicuro: “Penso che Novak mi renderà un giocatore migliore”.

La penalità è stata di nove giorni ed è arrivata dopo la sconfitta nella partita più importante della sua carriera fino ad ora. Sinner aveva perso la finale delle ATP Finals contro Djokovic in due set davanti al pubblico di casa a Torino.
“Soprattutto nel secondo tempo ero molto più forte mentalmente – ha spiegato il 22enne, che ha vinto il suo primo titolo Masters a Toronto in questa stagione -. Non mi lamentavo molto in campo quando qualcosa andava storto”. Ha vinto anche i tornei di Montpellier, Pechino e Vienna. Athim ha concluso l’anno al quarto posto nella classifica mondiale, non essendo mai stato più in alto prima.

Ascolta ora: nuovo episodio podcast con Baker

L’effetto di apprendimento è stato particolarmente impressionante nei duelli con Djokovic. “Se ti fermi un po’ davanti al miglior giocatore del mondo, sembra che ci sia una grande differenza”, ha sottolineato Sinner. Ed è esattamente quello che è successo nella finale di Torino, quando ha subito una netta sconfitta per 3:6, 3:6 contro Djokovic, nonostante avesse battuto il serbo nella fase a gironi.

Non solo il peccatore è in grado di riprendersi velocemente da queste esperienze negative, ma le usa per migliorare se stesso. Mentalmente, ma anche giocosamente. È stato sorprendente quanto fosse buono il suo servizio quando ha avuto un match point contro di lui in Coppa Davis.

Sinner si affida agli allenatori – con successo

Una caratteristica che contraddistingue una persona destrimane. Non è una coincidenza che Sinner abbia bloccato il 69,3% delle sue palle veloci quest’anno, più di qualsiasi altro giocatore. Nella classifica ATP Under Pressure, in cui vengono analizzate situazioni di pressione come tiebreak, decisioni o break point, Sinner è al secondo posto. Anche il 22enne ha migliorato i suoi rendimenti ed è arrivato terzo nella classifica corrispondente.

Einer è desideroso di nuovi titoli e dedica la vittoria a Garbin.

Il segreto delle alte occasioni di Sinner sta anche nel fatto che si affida a due allenatori: Darren Cahill e Simone Vagnozzi. Ciò che generalmente comporta il rischio di una lotta per la competenza qui ripaga. “A volte è molto bello sentire voci diverse”, sottolinea l’altoatesino.

Impara regolarmente cose nuove. “Yannick crede che un giorno raggiungerà il successo finale e sa che non ci arriverai senza un duro lavoro. È disposto a impegnarsi duramente”, ha elogiato Cahill il suo studente.

Becker in esclusiva su Sinner: “Le basi per il prossimo grande passo”

“Siner è sempre stato pericoloso, ma ora ha una certa costanza e rilassatezza in campo che gli permettono di rimanere fedele alla sua linea e di giocare a tennis anche nelle fasi critiche”, dice la leggenda del tennis. Boris Becker sul podcast di Eurosport Yellow Ball.

immagine

Becker su Djokovic: il miglior atleta al mondo in questo momento

“Questa è la base per il prossimo grande passo, che dovrebbe essere raggiungere le semifinali o la finale di uno Slam ed eventualmente vincerlo”, spiega Becker. Il piazzamento più alto di Sinner in uno Slam è stato raggiungere le semifinali di Wimbledon a luglio. Il suo cammino verso la sua prima finale major è stato bloccato da… Djokovic, ovviamente.

Sinner: Nessuno è meglio attrezzato per affrontare Djokovic

È tipico di Sinner non guardare indietro alla partita con sgomento, ma ha trovato una spiegazione positiva. Era “davvero felice perché ha giocato tante, tante partite importanti negli stadi più grandi durante tutto l’anno. Spero che questo mi aiuti la prossima stagione”.

La prossima occasione per la prima finale del Grande Slam arriverà a gennaio agli Australian Open. Se Sinner si spingesse troppo oltre a Melbourne, non potrà evitare un altro scontro con il favorito e campione in carica Djokovic. Dopotutto: al momento non c’è nessun giocatore del Tour più attrezzato per questo compito – e prima o poi è probabile che il suo apprendista supererà il suo maestro 36enne…

immagine

Becker su Alcaraz: “Molti sono migliorati di più, ma lui no”