Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia, Stati Uniti, Cina: altri paesi stanno utilizzando metodi sorprendenti per diventare climaticamente neutrali

Italia, Stati Uniti, Cina: altri paesi stanno utilizzando metodi sorprendenti per diventare climaticamente neutrali

Berlino
È una barriera? Sovvenzioni? Tecnologia? Altri paesi vogliono attuare un’economia climaticamente neutra, alcuni utilizzando metodi propri.

Semaforo di Berlino I leader del governo stanno ancora discutendo sul bilancio federale per il 2024. In realtà avrebbe dovuto iniziare già da tempo, ma la sentenza della Corte costituzionale federale di metà novembre sulla politica di bilancio ha influenzato non solo il calendario, ma l’intero. Piano economico alleanza Niente. I giudici hanno successivamente vietato la riallocazione di 60 miliardi di euro di prestiti Corona inutilizzati per sostenere la protezione del clima e la creazione di riserve per il finanziamento del debito negli anni futuri. Un’ulteriore sospensione della moratoria sul debito rende possibile un budget aggiuntivo per il 2023, ma resta da vedere cosa accadrà l’anno prossimo.

Che effetto ha questo sul tedesco? Politica climatica E la trasformazione dell’economia non è ancora chiara. Ma come affrontano concretamente questo problema critico gli altri paesi industrializzati? Il punto di vista del nostro corrispondente.

America

Si tratta di rendere la società industriale più verde Protezione del clima, tre lettere stanno elettrizzando le aziende di tutto il mondo: IRA. Dietro questo c’è il “De-Inflation Act” approvato dal Congresso degli Stati Uniti nell’estate del 2022 su sollecitazione del presidente Joe Biden. La legge prevede più di 400 miliardi di dollari (371 miliardi di euro) di spesa per la protezione del clima nei primi dieci anni: 270 miliardi di dollari in crediti d’imposta e 145 miliardi di dollari in trasferimenti diretti.






Se leggi le scritte in piccolo, potrebbe essere troppo. Poiché la quantità di finanziamenti, investimenti nell’energia eolica, nell’idrogeno, nei combustibili sintetici, Elettromobilità o ricevere crediti d’imposta sulla ricerca sulla fusione nucleare, senza limitazioni.


Anche per loro Economia tedesca, investe molto negli Stati Uniti, l’attrattiva del programma deriva dalla sua facilità d’uso: i fondi vengono spesso raccolti sotto forma di crediti d’imposta. Chi investe in tecnologie verdi e fabbrica i prodotti preliminari o finali necessari, in tutto o in parte, in Nord America, può proiettare profitti esentasse per gli anni a venire. (Dirk Hautkapp)


Cina

Presidente dello Stato Xi Jinping Fissare un obiettivo: la seconda economia mondiale deve raggiungere la neutralità climatica entro il 2060. Il modo in cui ciò avrà successo è lasciato principalmente ai governi locali delle province. Questi devono rispettare i requisiti di sostenibilità di Pechino, ma allo stesso tempo raggiungere gli obiettivi di sviluppo dichiarati.

Per saperne di più:Come la Cina minaccia le case automobilistiche tedesche con la mobilità elettrica

Ma governanti dittatoriali Repubblica Popolare Lo Stato dispone di potenti leve per indirizzare i finanziamenti alla ristrutturazione. Il governo e le aziende private hanno forti incentivi a subordinarsi all’“interesse nazionale”. Altrimenti rischiano di essere presi di mira dalle autorità di regolamentazione.

Inoltre, ha Banca centrale Ha inventato presto la cosiddetta “finanza verde”. Le aziende con CO2– Riduci le emissioni, molte persone ottengono crediti di sconto. Il governo spende molto anche in sussidi. L’idea alla base di tutto ciò è quella di svolgere un ruolo di primo piano nel campo delle tecnologie green. Secondo le stime dell’Agenzia Bloomberg, solo lo scorso anno il governo cinese ha speso 132 miliardi di dollari per risanare il proprio bilancio energetico. (Fabian Kretschmer)

Giappone

In Giappone la protezione del clima occupa meno spazio nei dibattiti politici che in altri paesi come la Germania: questo perché in Giappone non esiste una seria competizione partitica a livello nazionale. A seguito di un disastro nucleare Fukushima L’allora governo del Partito Liberal Democratico di Sinistra crollò. Invece, il conservatore Partito Liberal Democratico (LDP), che in precedenza controllava la ricchezza del paese per decenni, è tornato al potere dal 2012.

Interessante anche:Perché non possiamo immaginare il sistema giapponese in Germania?

Ma proprio perché l’LDP è così dominante, una volta che riesce a farlo, spesso può attuare riforme senza opposizione. L’LDP ha dichiarato che il Giappone dovrebbe diventare climaticamente neutrale entro il 2050. A questo scopo, il governo ha sviluppato una strategia nazionale per l’idrogeno. Vuole essere rispettoso del clima Idrogeno Dovrebbe diventare una fonte energetica centrale nell’industria, nei trasporti e nella produzione di energia. Per raggiungere questo obiettivo, nei prossimi 15 anni saranno mobilitati più di 100 miliardi di dollari in finanziamenti pubblici e privati. (Félix Lill)

Inghilterra

La Gran Bretagna vuole essere climaticamente neutrale entro il 2050. A tal fine, due anni fa il governo ha formulato la cosiddetta strategia “Net Zero”. Il governo e il denaro privato devono lavorare insieme per realizzare la transizione verde. Ad esempio, il governo sovvenziona la produzione e l’installazione di pompe di calore o stanzia quasi 400 milioni di sterline (466 milioni di euro) per l’espansione delle pompe di calore. Stazioni di ricarica Erano state promesse le auto elettriche.

Collettivamente, il governo spera che questi investimenti attirino circa 100 miliardi di sterline di capitale privato entro il 2030. Ma ci sono dei contrattempi: la Gran Bretagna lo vuole già nel 2024 Eliminazione graduale del carbone implementare. Di recente, tuttavia, il primo ministro Rishi Sunak ha ammorbidito diversi piani sul clima, ad esempio rinviando il divieto delle nuove auto a combustione dal 2030 al 2035. (Pietro Stuber)

Italia

Ondate di caldo, siccità, alluvioni: l’Italia è già stata duramente colpita Cambiamento climatico Ricercato. Ha anche un impatto diretto su importanti settori economici come il turismo o la produzione alimentare. L’Italia sta finanziando il suo piano nazionale per la protezione del clima, la transizione dal bilancio e i fondi che Roma riceve dal Programma europeo di ricostruzione Corona. L’Italia riceve circa 200 miliardi di euro da Bruxelles.

Quasi 72 miliardi di euro in ambito ambientale e Trasformazione digitale Scopo Un ruolo enorme spetta alle infrastrutture per la mobilità sostenibile. Il sostegno dei partiti alle misure di protezione del clima è ampio. Tuttavia, i partiti di sinistra ritengono che il governo dovrebbe accelerare il passo. (Michela Taroni)

Francia

Il presidente francese Emmanuel Macron insiste in ogni occasione sul fatto che la protezione del clima e la trasformazione economica sono obiettivi centrali della sua politica. Ciò può essere collegato a un altro obiettivo, vale a dire la reindustrializzazione del paese. Perso per decenni Francia Sempre più stabilimenti industriali e posti di lavoro a causa delle condizioni locali poco attraenti. Macron e il suo governo vogliono invertire questa tendenza e stanno stendendo il tappeto rosso per gli investitori.

Il governo spende molti soldi per tutto questo: nel programma “France Reliance”, negli ultimi due anni sono stati messi a disposizione complessivamente 100 miliardi di euro, di cui 40 miliardi provenienti dal Fondo europeo per la ricostruzione del Corona. Nell’ambito del piano “Francia 2030”, entro il 2030 verranno investiti altri 54 miliardi di euro. Con dispiacere di molti attivisti e politici tedeschi, anche il governo di Parigi fa molto affidamento sull’energia nucleare per proteggere il clima. (Thorsten Knuff)


Puoi trovare altri articoli di questa categoria qui: Politica