Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Israel News: ++ Israele vuole difendersi davanti alla Corte Internazionale di Giustizia ++

Israel News: ++ Israele vuole difendersi davanti alla Corte Internazionale di Giustizia ++

IOSecondo un funzionario governativo, Israele si difenderà davanti alla Corte internazionale di giustizia dalle accuse di genocidio avanzate dal Sudafrica. Elon Levy, un funzionario dell'ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu, ha accusato martedì il Sudafrica di fornire copertura ad Hamas dopo il suo attacco contro Israele il 7 ottobre. Il governo sudafricano sta commettendo diffamazione.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Venerdì il Sudafrica ha presentato il caso alla Corte internazionale di giustizia dell'Aia, la più alta corte delle Nazioni Unite. Israele è stato accusato di aver commesso un genocidio contro i palestinesi nella Striscia di Gaza. Ha chiesto alla corte di ordinare a Israele di interrompere le sue operazioni militari. Il massacro commesso da Hamas in Israele il 7 e 8 ottobre ha scatenato la guerra di Gaza.

In passato Israele ha criticato i processi internazionali contro il paese, descrivendoli come ingiusti e parziali.

Tutti gli sviluppi nella diretta streaming:

15:30 – Il nuovo ministro degli Esteri israeliano vede il suo paese nella “Terza Guerra Mondiale”

Il nuovo ministro degli Esteri israeliano, Israel Katz, ritiene che il suo Paese sia “nel mezzo della terza guerra mondiale” contro l’Iran e l’Islam estremista. “Questo nemico ricorda i periodi più bui della storia umana e noi siamo determinati a raggiungere il nostro obiettivo di rovesciare Hamas”, ha detto Katz alla cerimonia di insediamento del suo predecessore Eli Cohen, secondo quanto riportato dal sito di notizie israeliano “Ynet” e il quotidiano “The Times of Israel”. “, ha riferito. Il 68enne ha aggiunto che in cima alla lista delle sue priorità c'è il ritorno degli ostaggi rapiti nella Striscia di Gaza durante il sanguinoso attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre.

15:13 – Inizia la consegna degli aiuti via nave da Cipro alla Striscia di Gaza

In Egitto, martedì, per la prima volta, gli aiuti sono stati consegnati via nave da Cipro ai residenti civili nella Striscia di Gaza. Lo ha annunciato il governo cipriota a Nicosia. È previsto che gli aiuti umanitari vengano portati al valico di frontiera di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, in coordinamento con la Mezzaluna Rossa egiziana.

Leggi anche

14:24 – Türkiye accusa l'intelligence israeliana – e ne arresta decine

Türkiye ha accusato l'intelligence israeliana di pianificare azioni contro gli stranieri registrati in Turchia. Martedì il ministro dell'Interno turco Ali Yerlikaya ha annunciato sulla piattaforma X (ex Twitter) l'arresto di 33 persone in questo contesto. Non è stato immediatamente chiaro se i sospettati fossero stati arrestati o arrestati. Il ministro degli Interni ha scritto che l’intelligence israeliana intende identificare, rintracciare o rapire cittadini stranieri in Turchia. Inizialmente non vi è stata alcuna reazione da parte di Israele a queste accuse.

13:38 – L'esercito israeliano attacca obiettivi in ​​Libano – Allerta aerea nel nord

L'esercito israeliano ha affermato di aver nuovamente attaccato obiettivi della milizia sciita Hezbollah in risposta ai lanci di razzi dal Libano. Secondo l'esercito israeliano, gli spari sono stati sparati contro obiettivi nell'area della città di Yaron, nel sud del Libano. Hezbollah ha detto di aver aperto il fuoco contro unità israeliane vicino al villaggio di Sarit, nel nord di Israele. Martedì mattina c'è stata un'altra allerta meteo nel nord di Israele. Inizialmente non si sapeva nulla delle potenziali vittime su entrambi i lati del confine.

12:38 – I media siriani riportano attacchi israeliani vicino a Damasco

Secondo i media ufficiali siriani, Israele ha attaccato obiettivi vicino alla capitale Damasco. L'agenzia di stampa siriana SANA ha riferito che gli attacchi aerei sono avvenuti la mattina presto dalla direzione delle alture di Golan occupate da Israele. L'Osservatorio siriano per i diritti umani di Londra, vicino all'opposizione, ha affermato che gli attacchi hanno preso di mira un'unità di artiglieria che comprendeva anche membri del gruppo libanese Hezbollah, sostenuto dall'Iran.

12:03 – Israele: l'esercito sta indagando su un soldato per aver ucciso un palestinese

In Israele, l'esercito ha aperto un'indagine su uno dei suoi soldati in merito all'uccisione di un prigioniero palestinese nella Striscia di Gaza. L'esercito ha dichiarato in un comunicato di sospettare che il soldato abbia sparato al palestinese mentre era detenuto in Israele con l'accusa di terrorismo.

10:33 – Gli Stati Uniti ritirano la più grande portaerei del mondo dal Mediterraneo

Dopo quasi tre mesi di dispiegamento nel Mediterraneo orientale in risposta all'attacco di Hamas contro Israele, gli Stati Uniti stanno ritirando la più grande portaerei del mondo, la USS Gerald R. Ford. La Marina degli Stati Uniti ha annunciato lunedì (ora locale) che la nave e il suo gruppo associato torneranno al porto di origine a Norfolk, in Virginia, nei prossimi giorni per prepararsi alle future operazioni.

Tuttavia, l’esercito americano manterrà ampie capacità nel Mediterraneo e in tutto il Medio Oriente. Queste navi includevano la portaerei USS Dwight D. Eisenhower e altri incrociatori e cacciatorpediniere, oltre al recente arrivo di altre navi nell'area.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti continuerà a sfruttare la sua presenza nella regione “per scoraggiare qualsiasi stato o entità non governativa dall’escalation di questa crisi al di fuori della Striscia di Gaza”. Ha aggiunto che gli Stati Uniti stanno anche lavorando con i loro alleati e partner per rafforzare la sicurezza marittima nella regione.

“USS Gerald R. Ford”

Fonte: tramite Reuters

La portaerei USS Gerald R. Ford gestisce un reattore nucleare. La nave, lunga 333 metri, prende il nome dal 38° Presidente degli Stati Uniti d'America e può ospitare fino a 90 aerei ed elicotteri da combattimento e diverse migliaia di soldati.

9:33 – Quattro militanti palestinesi sono stati uccisi

Quattro palestinesi armati sono stati martirizzati martedì in un’operazione militare israeliana nella Cisgiordania occupata. Le Brigate Al-Aqsa hanno riferito che le persone uccise nella città a est di Qalqilya erano membri di un gruppo armato vicino al movimento Fatah guidato dal presidente palestinese Mahmoud Abbas. Il Ministero della Sanità di Ramallah ha confermato la morte dei quattro uomini, di età compresa tra i 18 ei 26 anni. Altre sei persone sono rimaste ferite e arrestate.

07:00 – Commissario per i diritti umani: Segni di crimini di guerra nella guerra di Gaza

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, vede indizi di crimini di guerra e forse di crimini contro l’umanità nella guerra di Gaza. Da parte palestinese ha fatto riferimento al grave attacco terroristico contro Israele del 7 e 8 ottobre, al lancio indiscriminato di proiettili contro Israele e alle operazioni militari da installazioni civili. Per quanto riguarda Israele, Türk ha detto all’agenzia di stampa tedesca a Ginevra: “Se si guarda come Israele reagisce a questo, ho serie preoccupazioni riguardo al rispetto sia del diritto dei diritti umani che del diritto internazionale umanitario”.

Nel violento bombardamento israeliano, il 70% delle persone colpite erano donne e minori. L'austriaco ha dichiarato all'agenzia di stampa tedesca (Dpa): “Si può supporre che la maggior parte dei feriti siano civili”. Inoltre, la punizione collettiva dei palestinesi è un crimine di guerra. Naturalmente, i tribunali dovranno decidere in ultima analisi chi ha commesso i crimini. È difficile valutare se esistano crimini contro l’umanità. Ciò si riferisce, ad esempio, agli attacchi diffusi o sistematici contro la popolazione civile. Per valutare ciò, bisogna anche esaminare se dietro c'è un'intenzione corrispondente.

5:36 – Israele intensifica i suoi attacchi intorno a Khan Yunis

I residenti delle aree a est e a nord di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, hanno riferito di un aumento degli attacchi aerei israeliani e del fuoco dei carri armati. Inoltre, i residenti della zona di Sheikh Radwan nella città di Gaza hanno riferito che i carri armati israeliani si sono ritirati dalla loro parte della città dopo dieci giorni di intensi combattimenti.

05:30 – Un secondo ministro israeliano chiede il ritorno dei coloni ebrei nella Striscia di Gaza

Dopo il ministro delle Finanze israeliano di estrema destra Bezalel Smotrich, anche il ministro della Difesa di estrema destra Itamar Ben Gvir ha chiesto il ritorno dei coloni ebrei nella Striscia di Gaza. Ben Gvir ha detto lunedì durante una riunione del suo partito “Potere Ebraico” che il ritiro palestinese e la ricostruzione degli insediamenti israeliani sono “una soluzione corretta, giusta, morale e umana”.

Ben Gvir ha affermato che questa è un'opportunità per sviluppare un progetto che incoraggi i residenti di Gaza a immigrare in altri paesi del mondo. Sia Smotrich, capo del Partito Religioso Sionista, che Ben Gvir vivono in insediamenti nella Cisgiordania occupata. Il Movimento di resistenza islamica (Hamas), che governa la Striscia di Gaza, ha respinto le dichiarazioni di Ben Gvir, descrivendole come un “sogno ad occhi aperti”.

Israele si è ritirato completamente dalla Striscia di Gaza nel 2005, dopo 38 anni di occupazione. Il movimento estremista islamico Hamas vinse le elezioni tenutesi un anno dopo. Alla fine ha preso il controllo della Striscia di Gaza nel 2007, dopo scontri armati con il movimento laico Fatah, rivale del presidente palestinese Mahmoud Abbas.

02:10 – L'esercito israeliano attacca obiettivi in ​​Siria e Libano

L'esercito israeliano afferma di aver risposto al fuoco in risposta ai lanci di missili provenienti dalla Siria e dal Libano. L'esercito israeliano ha affermato che cinque missili lanciati dalla Siria sono caduti su Israele e sono atterrati in aree aperte. Poi gli aerei da guerra israeliani hanno bombardato i siti di lancio.

Sul confine settentrionale di Israele un aereo da caccia ha bombardato anche “infrastrutture terroristiche” appartenenti alla milizia Hezbollah in Libano. Ha aggiunto che da lì lunedì sono stati lanciati missili verso un insediamento nel nord di Israele.

21:09 – Israele annuncia i dettagli del ritiro parziale

L'esercito israeliano annuncia i dettagli del previsto ritorno dei soldati di riserva in patria. Si dice che due grandi generali dovrebbero essere rilasciati entro la settimana. Inizialmente, Israele reclutò 300.000 soldati di riserva, equivalenti a circa il 10-15% della popolazione attiva. I dipartimenti governativi hanno recentemente affermato che tra i 200.000 e i 250.000 soldati di riserva sono attualmente ancora in servizio e quindi mancano al lavoro, alla formazione o agli studi.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.